Le Superclassifiche di Rockambula: Top Ten anni Sessanta

Written by Articoli

Anni  60, quanti ricordi. Ad essere sinceri nessuno, perché in quel decennio anche mio padre era, al massimo, solo un adolescente. Eppure ogni cosa che ha riguardato la nostra vita, un disco, un film, un vestito, un pensiero, ha a che vedere con i Sixties. Erano gli anni della guerra fredda di Usa e Urss e di Cuba, del terremoto in Cile, di Martin Luther King e  Jurij Gagarin, del muro di Berlino, dell’avvento dei Beatles, dei Rolling Stones e del Papa buono. Gli ultimi anni di Marylin, Malcom X e John Fitzgerald Kennedy. Gli anni di Chruščёv e della minigonna, del Vietnam e della Olivetti, di Mao e del Che, della primavera di Praga e dei Patti di Varsavia, di Reagan e degli hippy, del pacifismo e dell’anarchia felice. Gli anni dei fascisti e dei comunisti, della British Invasion e di Mina, di Kubrick, della Vespa, della 500, di Carosello e di Celentano. Gli anni della contestazione studentesca e dell’uomo sulla luna, gli anni di Woodstock, delle droghe, della psichedelia e gli anni del Rock perché quegli anni sono le fondamenta solide su cui poggia tutta la musica (o quasi) che ascoltate oggi.

A scadenze non prefissate, Rockambula vi proporrà la sua Top Ten di determinate categorie e questa di seguito è proprio la Top Ten stilata dalla redazione in merito agli album più belli, strabilianti, influenti e memorabili usciti nel mondo nei mitici, impareggiabili anni 60. Nei commenti, diteci la vostra Top Ten!

1)      The Velvet Underground – The Velvet Underground & Nico

2)      Jimy Hendrix –   Are You Experienced

3)      The Beatles – Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band

4)      The Doors – The Doors

5)      Led Zeppelin – Led Zeppelin II

6)      Pink Floyd – The Piper at the Gates of Dawn

7)      Bob Dylan –   The Freewheelin’ Bob Dylan

8)      Led Zeppelin – Led Zeppelin

9)      David Bowie – David Bowie (Space Oddity)

10)   The Stooges – The Stooges

Vincono Cale, Reed e Nico con la loro banana gialla disegnata da Andy Warhol ma la presenza di Hendrix e The Stooges in Top Ten la dice lunga su quanto, a noi di Rockambula, piacciano le ruvide e sperimentali distorsioni dei mitici Sixties. Ovviamente non potevano mancare The Beatles, i re del Pop di quegli anni, presenti con uno dei loro capolavori assoluti, Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band, mentre la scena Psych Rock, formidabile nei Sessanta, è rappresentata degnamente grazie all’esordio dei Pink Floyd con Syd Barrett ancora in grado di esserne l’anima e l’omonimo The Doors. Chiudono la lista uno dei più grandi cantautori mai esistiti con The Freewheelin’ Bob Dylan, il re del Glam Rock David Bowie e l’unica band capace di piazzare nei primi dieci posti ben due album, ovvero i Led Zeppelin.

Esclusi eccellenti, anche se citati dai nostri redattori, i Beach Boys con Pet Sounds, Frank Zappa, Captain Beefheart e, udite udite, i Rolling Stones.

Ora potete iniziare a urlare le vostre Top Ten!

Last modified: 20 Giugno 2013

8 Responses

  1. ulde ha detto:

    Non c’è Zappa!?!?

  2. Bittì ha detto:

    ostia se manca roba, a mio parere: il resto dei dischi dei Beatles a partire da “Rubber Soul” in poi, “Volunteers” dei Jefferson Airplane, “Tommy” degli Who, il primo “Crosby, Stills & Nash”…”Hot Rats” di Zappa!
    di troppo per me c’è “Led Zeppelin I” che, per quanto interessante, basta il capitolo successivo per dare un merito ai Led Zeppelin all’interno degli anni 60, poi “The Velvet Underground & Nico” è il disco più sopravvalutato della storia e…”The Stooges”?!?!?!?!? …suvvia. 😀

    1. Silvio Don Pizzica ha detto:

      🙂 è una Top Ten,. quindi di roba ne manca tantissima. Al di là dei gusti personali (cha da buoni critici, dobbiamo sempre tenere a bada) credo che The Doors fosse imprescindibile e meno male c’è. Sulla doppia presenza dei Led Zeppelin avrei da ridire, cosi come penso che almeno uno tra Van Vliet (Captain Beefheart) e Zappa sarebbe stato fondamentale in classifica, a rappresentare una certa avanguardia e sperimentazione Blues Rock che cosi è tagliata fuori.

  3. Cinocca ha detto:

    però Pet Sound non può mancare… e nemmeno il White Album! Eliminerei Bowie e gli Stooges… con Lou Reed & Co. al decimo posto lasciando spazio a Beatles, Hendrix e Doors!!!

    1. Silvio Don Pizzica ha detto:

      Per i Beach Boys dispiace anche a me, che avrei tolto entrambi i Led Zeppelin. Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band vs White Album è storia antica e la redazione ha fatto la sua scelta. Il primo posto mi vede invece più che d’accordo. L’assenza tra i primi dieci dei Rolling Stones è notevole e forse Aftermath ci poteva stare.

  4. Cinocca ha detto:

    …Ah, LA Woman per me è il migliore. I Beatles li avrei tenuti entrambi!

  5. Leonardo Annulli ha detto:

    1. Bob Dylan – Highway 61 Revisited
    2. The Jimi Hendrix Experience – Electric Ladyland
    3. The Velvet Underground & Nico – s/t
    4. The Doors – s/t
    5. The 13th Floor Elevators – The Psychedelic Sound of…
    6. The Stooges – s/t
    7. The Who – Tommy
    8. The Beatles – Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band
    9. The Rolling Stones – Beggars Banquet
    10. MC5 – Kick Out The Jams

    1. Don ha detto:

      Bella anche la tua. Molto rappresentativa di quegli anni. Degli Stones uno tra Aftermath, Beggars Banquet e Let It Bleed ci può stare. Tutti dischi ai quali si può dire poco male.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Web Hosting