La Tempesta Tag Archive

GIALLORENZO – MILANO POSTO DI MERDA

Written by Recensioni

Malkovic e Montag, stili e personalità diverse che convergono in nuovo progetto musicale.
Continue Reading

Read More

Sick Tamburo – Paura e l’amore

Written by Recensioni

Tra punk e malinconia, il nuovo lavoro di una band che riesce sempre a toccare i punti più deboli della personalità umana.
Continue Reading

Read More

Recensioni #17.2018 – Giorgio Canali & Rossofuoco / Merio / Ask The White

Written by Recensioni

10 SONGS A WEEK | la settimana in dieci brani #20.01.2017

Written by Playlist

10 SONGS A WEEK | la settimana in dieci brani #23.09.2016

Written by Playlist

Il Teatro degli Orrori annuncia un nuovo tour

Written by Senza categoria

La band presenterà i brani del loro ultimo omonimo album Il Teatro degli Orrori, uscito ad ottobre 2015 per La Tempesta. Il disco è composto da dodici tracce che dipingono l’affresco di un’Italia allo sfacelo con disarmante ironia e il consueto sarcasmo. E’ un viaggio nella società italiana affrontato con la rabbia viscerale e lo struggente disincanto che contraddistinguono la band. Dal punto di vista stilistico, l’album si spinge verso un rock più definito ed essenziale, ma anche più ricercato, sottolineando il nuovo corso intrapreso dal gruppo, dove spicca l’attenzione ai testi che da sempre contraddistingue la scrittura di Pierpaolo Capovilla.

12 febbraio – Indie Druso – Ranica (Bergamo)
13 febbraio – OFF Modena – Modena
26 febbraio – Supersonic Music Club – Foligno (Perugia)
04 marzo – New Age club – Roncade (Treviso)
05 marzo – Sonar live – Colle Val d’Elsa (Siena)
11 marzo – sPAZIO211 – Torino
23 marzo – Teatro Auditorium Unical – Rende (Cosenza)
24 marzo – I Candelai – Palermo
25 marzo – Retronouveau – Messina
26 marzo – Barbara Disco Lab – Catania
30 marzo – Alcatraz – Milano – Milano
02 aprile – Capanno Black Out – Prato
23 aprile – Supernova – Genova

Read More

Maria Antonietta – Maria Antonietta Loves Chewingum

Written by Recensioni

Nuovo, breve EP per Letizia Cesarini, in cui la cantante pesarese, insieme ai Chewingum, già al suo fianco durante il tour autunnale elettro-acustico “Tra me e Tutte le Cose”, rimette mano ad una manciata di brani del suo ultimo disco Sassi e si lancia in una cover Synth Pop (alquanto piacevole) di “Fotoromanza” della Nannini. Maria Antonietta polarizza, la ami o la odi, così si dice. Io che in musica sono abbastanza moderato (che brutta parola) invece preferisco, al manicheismo dell’evitare come peste e dell’abbracciare come vitelli d’oro, il girarci intorno del curioso al museo: attento, ma col distacco di quell’ultimo metro che lascia lo sguardo libero di osservare le cose nella loro interezza. E insomma a me Maria Antonietta a volte piace nella sua libertà così sincera (o nella sua sincerità così libera), altre volte mi pare infettata da quello scazzo indie che dopo un po’ stufa. Tutto questo per dire che Maria Antonietta Loves Chewingum si porta dietro questa doppiezza; le canzoni sono sempre canzoni di Maria Antonietta, solo sporcate di ritmiche elettroniche, suoni frizzanti, suggestioni giocattolo. I Chewingum pure mi piacciono abbastanza (ludici, simpatici, si fanno apprezzare nei loro divertissement anarcoidi – date un’orecchia a Nilo: cazzeggio senza fine, ma con una certa arguzia). Qui appunto continuano il loro errare irrispettoso e sorridente (“Tra Me e Tutte le Cose” sulla base di “Clint Eastwood” dei Gorillaz…) che rivoluziona in qualche misura l’apparenza più superficiale dei brani ma non sposta eccessivamente il baricentro: rivisita con sguardo diverso (e un po’ strabico) canzoni che, comunque, già funzionavano nel loro disco d’origine. (“Giardino Comunale”, per dire, a me piaceva più prima – ma è questione di gusti). Maria Antonietta Loves Chewingum è un’aggiunta non fondamentale alla discografia della Cesarini: se ne siete ghiotti godetevela che il materiale c’è, altrimenti passate oltre.

Read More

Il nuovo disco di Andrea Appino si chiama Grande Raccordo Animale

Written by Senza categoria

Andrea Appino annuncia su Facebook il nome e la data di uscita del prossimo disco Grande Raccordo Animale che uscirà il 26 Maggio 2015 per Picicca, La Tempesta, Sony. Ecco cosa scrive l’artista a proposito del disco: “Il mio secondo disco si chiama GRANDE RACCORDO ANIMALE ed uscirà il 26 MAGGIO 2015 per Picicca / Tempesta / Sony. La produzione artistica e stata curata dal sottoscritto insieme a Paolo Baldini (già a lavoro con Mellow Mood, Africa Unite e Tre Allegri Ragazzi Morti). Si tratta sicuramente della cosa più libera e senza barriere che abbia mai fatto in vita mia, un disco scritto in viaggio e dedicato ai viaggiatori. La foto è di Niko Coniglio e NON è la copertina del disco. Ci vediamo presto, sarà diverso, sarà bellissimo e non vedo l’ora.”

Read More

Umberto Maria Giardini – Protestantesima

Written by Recensioni

Una tigre che domina un teschio ed un plenilunio sullo sfondo che racchiude tutta la scena: è con questa immagine suggestiva (nata dal progetto grafico di Pasquale de Sensi) che si presenta nel suo involucro esterno Protestantesima, l’ultimo lavoro di Umberto Maria Giardini. L’artista marchigiano, dopo La Dieta dell’Imperatrice e l’EP Ognuno di Noi È un po’ Anticristo persiste con la sua azione di “Riforma” in ambito musicale, presentando per l’ennesima volta un lavoro complesso e curato nei dettagli. Protestantesima è un nome imponente, di genere femminile, perché femminile è l’anima che vive al suo interno, fatta di sonorità rotonde, fluide, melodiche spesso in contrasto con chitarre distorte e sezioni ritmiche incisive: mare e terra che coesistono, si alternano, si scontrano. Una maggiore presenza delle percussioni caratterizza l’album conferendogli un cuore vivo e pulsante. Lo mette in chiaro già la prima traccia omonima, “Protestantesima”, e lo evidenziano maggiormente brani come “Urania”, dove chitarre e batteria quasi scandiscono il ritmo di una marcia, “Amare Male”, che a tratti riduce al limite i suoni con la sola presenza di voce e percussioni, e ancora “C’è Chi Ottiene e Chi Pretende”, introdotta da colpi di tamburo che faranno da sfondo all’intero brano. Suoni che richiamano le vibrazioni della terra, sui quali si adagiano sonorità più acquose, come in “Molteplici Riflessi”, dove le linee melodiche dettate dalle chitarre e dalla voce melliflua di Giardini si allungano, vanno via e poi ritornano come fa un’onda. Ci sono pezzi poi, come “Sibilla” e “Seconda Madre”, che sono maree; si dilatano in lunghi assoli di chitarra si arricchiscono di suoni elettronici o note di pianoforte che affondano in secondo piano il ritmo dettato dalle percussioni. Una coesistenza di suoni forti ed eterei, tenuti insieme dalle linee melodiche della voce sulla quale vengono cucite liriche articolate, ma che talvolta non usano eufemismi per descrivere la realtà (…a Milano il denaro serve sempre a tutto perché piace la cocaina… – “Il Vaso di Pandora”). Un disco che va ascoltato più volte prima di poterne percepire tutte le contraddizioni, note generatrici di bellezza.

Read More

Il Limite Valicabile è il decimo album degli Uochi Toki

Written by Senza categoria

Il Limite Valicabile è il decimo album degli Uochi Toki, un doppio cd che si compone di due lavori distinti per titolo, approccio e contenuti: Un Disco Rap e La Fine dell’ Era della Comunicazione, in uscita per La Tempesta il 10 marzo 2015. La band ha scelto il formato doppio offrendo due diverse esperienze di ascolto: una orizzontale, comunicativa e a suo modo ludica in Un Disco Rap e una verticale, percettiva e oscura in La Fine dell’ Era della Comunicazione. “Intendiamo il disco doppio come un’opera completa che renda l’idea di viaggi sempre più estesi sulla superficie, sempre più nel profondo nella crosta terrestre, sempre più lontani nella galassia. Questo doppio disco è la nostra spedizione al Polo Sud verso le Montagne Della Follia, quando fino a poco prima si trattava di semplice alpinismo: conviene fare provviste, coprirsi bene e risparmiare il fiato prima di imbarcarsi, c’è la possibilità di non tornare.”

Un Disco Rap
Un pezzo rap
Don’t Legislaizah (Feat. Sin/Cos)
Bim Bum Cha (Feat. Campidilimoni Tokinawa)
Dialectatron Punto VST
Rest in Prose, Rest in Poetry (Feat. Murubutu)
Uranium Age Crew (Feat. Zona Mc)
Talento e merito tradotti in inglese diventano altre cose (Feat. Miike Takeshi)
Krust and Curious (feat. Eell Shous)
Shake Your Assets

La Fine dell’Era della Comunicazione
Whole Grain
Una cena
Urina Spray
Vai a FFT
Linea temporale
Clisper
Corpus sonico
LFDEDC (Feat. Matteo Marson)
Voglio sentire le urla del re (Feat. Matteo Marson)
La mosca nell’organonico
La luce si accumulava nell’angolo della stanza
Kasa
Il Riscaldamento della colonia

Read More

“Nelle Mani Giuste” è il primo singolo dei Cosmetic

Written by Senza categoria

I Cosmetic pubblicano oggi il videoclip di “Nelle mani giuste”, primo singolo estratto dal disco Nomoretato in uscita il 16 Dicembre per La Tempesta. La regia è affidata a Sterven Jonger  a cui il combo romagnolo ha chiesto “colori, libertà, caleidoscopi e droga”. Sterven è stato d’accordo, sopratutto sulla droga. Teatro delle riprese, effettuate con antiche camcorder dei primi anni 2000, è la fredda Riccione invernale, lo spettro della felicità estiva in cui – solo per questo video – Sterven ha invitato la morte. Il risultato è “Bellissimo!” come ha dichiarato lo stesso Sterven in merito all’esperienza con i Cosmetic. Buona visione!

Read More

“Tra Me e Tutte le Cose”, il nuovo video di Maria Antonietta

Written by Senza categoria

Dopo il successo del tour elettrico – 60 date in più di sette mesi – parte sabato 15 novembre da Venezia Tra me e tutte le cose, il nuovo tour electro-acustico di Maria Antonietta, che presenterà il suo ultimo disco Sassi – pubblicato a marzo per La Tempesta – in una nuova veste, più minimale e raccolta. Per questa occasione la cantautrice pubblica il nuovo video del brano che dà il nome al tour, “Tra Me e Tutte le Cose” appunto, una celebrazione del tour con la band attraverso le immagini riprese al concerto al Covo Club di Bologna ad ottobre. In questa nuova avventura Maria Antonietta sarà accompagnata da Giovanni Imparato e Fabio Marconi che impreziosiranno i brani con un’elettronica minimale, organi e chitarra elettrica. “Voglio creare una specie di bolla magica in cui tutto sarà minimalissimo ma potente, potente come sono le cose dette con il cuore e suonate insieme a una persona che conosce il tuo cuore.” racconta la cantautrice “Sarà una prova di forza. Sarà una specie di esperimento, sarà un tornare al momento in cui i brani sono stati scritti e sarà bello stare molto vicini e sentirsi respirare e sentire il rumore che farà il freddo fuori.”

Read More