Maria Pia Diodati Author

Lavora presso se stessa per potersi dedicare all’acquisto compulsivo di abbonamenti ai festival e scarpe col tacco che non userà.

La lunga strada che conduce al futuro – Intervista a Gianluca Gozzi di TOdays

Written by Interviste

In vista della prossima edizione, dal 26 al 28 agosto, ho fatto quattro chiacchiere con l’ideatore e direttore artistico del festival torinese.
Continue Reading

Read More

Too pop to be experimental, too experimental to be pop – Intervista ai Son Lux [ITA/ENG]

Written by Interviste

Quattro chiacchiere con la band statunitense che questo weekend suonerà in Italia.
Continue Reading

Read More

Overdue Evaluation: Primavera Sound 2022

Written by Live Report

Gioie e dolori della prima edizione post-pandemia e qualche riflessione sul futuro.
Continue Reading

Read More

Primavera a la Ciutat: guida pratica alla sopravvivenza

Written by Eventi

Qualche dritta per muoversi tra i club di Barcellona per gli appuntamenti in città.

Per il Primavera Sound 2022 ogni angolo di Barcellona si riempirà di musica. Quest’anno infatti – oltre ai due weekend in programma in cui i live si terranno come di consueto al Parc del Fòrum – tra il 5 e l’8 giugno, in aggiunta alla giornata inaugurale del 1° giugno, altri 14 luoghi e spazi di Barcellona ospiteranno circa 200 spettacoli in un Primavera a la Ciutat senza precedenti. Un festival parallelo e complementare al festival stesso, ricco di seconde (e anche terze e quarte) opportunità e di occasioni uniche per completare l’offerta musicale del ventennale della rassegna catalana.

In breve, cinque giorni per girare da cima a fondo il circuito dei locali di Barcellona con la partecipazione di Sala Apolo e La (2) de Apolo, Razzmatazz 1 e Razzmatazz 2, Sidecar, Paral-lel 62, RED58, La Tèxtil, La Nau, LAUT, Bóveda e VOL, oltre al Poble Espanyol e all’adiacente Upload.

Primavera a la Ciutat sarà la celebrazione definitiva del ritorno alle sale da concerto di Barcellona, ma anche un omaggio alla club culture in tutte le sue forme, finalmente riattivata come ecosistema chiave per la vita musicale e sociale di qualsiasi città.

Programma completo e orari dei concerti sono già disponibili (puoi consultarli qui) ma, così come Primavera da sempre ci insegna, non bisogna farsi prendere dall’emozione convincendosi di possedere il dono dell’ubiquità e di poter assistere a tutti gli eventi. Eccovi quindi qualche dritta che potrà aiutarvi a fare le scelte giuste e a pianificare ogni serata nel modo migliore.

LE LOCATION

Sala Apolo e La (2) de Apolo sono luoghi che i veterani del Primavera conoscono bene. LAUT e Paral-lel 62 sono vicinissimi alle due sale dell’Apolo. L’area è raggiungibile in metro (fermata Paral·lel, linea 2 se si proviene dal Fòrum, linea 3 da Gracia o da Plaça de Catalunya) o comodamente a piedi se siete in zona Raval. A 10 minuti a piedi da qui c’è il Sidecar, nella centralissima Plaça Reial (accanto a La Rambla).

Le due sale del Razzmatazz si trovano nel quartiere di Poblenou. La linea 1 le collega al centro (fermata Marina), la linea 4 al Fòrum (fermata Bogatell). Nei paraggi si trova anche la sala VOL. In 10 minuti a piedi dal Razz si raggiungono sia La Nau che la sala Bóveda.

Poble Espanyol è la storica location in cui si svolsero le prime edizioni del Primavera Sound, un’area all’aperto nel cuore di Montjuïc, nella parte meridionale di Barcellona, dove si trova anche la sala Upload. La zona dista circa 40 minuti in metro dal Fòrum, 20 dal centro (fermata Espanya).

RED58 e La Tèxtil sono location più centrali e distano un quarto d’ora l’una dall’altra, una a ridosso del Passeig de Gràcia e l’altra vicina alla Plaça d’Urquinaona.

Considerando distanze, tempi di percorrenza e il fatto che tutte le sale hanno ovviamente una capienza limitata – e cioè che vige la regola del “chi prima arriva” – va da sè che, ad esempio, sarà fisicamente impossibile assistere a un live al Razzmatazz e arrivare in tempo per quello che subito dopo inizia all’Apolo. Insomma, non vi fate fregare dalla mappa ufficiale – carinissima, certo, ma assai poco rappresentativa della realtà – dove tutto sembra essere a un tiro di schioppo. Per evitare delusioni in diretta, vediamo quali sono le possibilità giorno per giorno.

***

Il primo giorno di Primavera a la Ciutat sarà l’unico senza dilemmi: mercoledì 1° giugno l’appuntamento è dalle 19 al Poble Espanyol con The Linda Lindas. A seguire: Wet Leg, Teto Preto e Rina Sawayama. I più audaci (o gli ignari del fatto che dal giovedì al sabato avranno bisogno di molte energie) potranno proseguire agevolmente spostandosi poi all’Upload, dove tra le performance previste c’è anche quella attesissima dei KOKOKO!.

DOMENICA 5 GIUGNO

I primi dubbi esistenziali arriveranno la domenica sera, quando, reduci dal primo weekend al Fòrum, avrete davanti a voi la prima ardua scelta. Deciderete di non perdervi Iceage e King Gizzard & the Lizard Wizard in Sala Apolo (e a seguire magari fare un salto al Sidecar per i Tropical Fuck Storm), oppure opterete per il Razzmatazz? Sappiate che nel secondo caso i dubbi aumenteranno i maniera esponenziale, perché si tratterà di scegliere tra vedere Jehnny Beth e Beck nella sala principale oppure farvi direttamente la coda per entrare al Razzmatazz 2 e attendere il live degli Shame ascoltando Jamila Woods e Alex Cameron.

LUNEDÌ 6 GIUGNO

Col passare dei giorni le cose si complicheranno ulteriormente. Di certo il programma di lunedì sera in Sala Apolo è allettante: uno showcase curato interamente da Shabaka Hutchings, con lo stesso artista londinese ad esibirsi coi suoi Sons of Kemet, insieme alle performance di Considered, Soccer96, Steam Down e The Soul Jazz Records Sound System. Sappiate però che nel frattempo vi starete perdendo un’ora e mezza di spettacolo targato The Magnetic Fields, dalle 21:15 alle 22.45 al Paral-lel 62. Anche in seconda serata ci sarà da valutare bene le proprie mosse: potreste considerare di concluderla al Sidecar con Sinead O’Brien oppure darlo todo con African Science e John Talabot fino alle 4 del mattino al LAUT.

Altra storia per chi si dirigerà dalle parti di Poblenou. Saranno gli adepti al cloud rap, che faranno bene ad arrivare al Razz con largo anticipo rispetto a quello previsto per lo show del sadboy Yung Lean. In ogni caso, per quelli che non riusciranno ad entrare ci sarà un’ottima combo di consolazione al Razzmatazz 2: Spellling, Beak> e King Gizzard.

MARTEDÌ 7 GIUGNO

Per tutta la serata La (2) de Apolo sarà la vetrina ideale per gli artisti più giovani e promettenti di casa City Slang: dalle 21.30 in poi sul palco si avvicenderanno King Hannah, Noga Erez, Los Bitchos, Matie Montexier e Victor. L’alternativa in zona per i devoti al nu-soul è garantita dagli show nella sala principale dell’Apolo, con Jorja Smith ed ENNY le più attese. E se doveste avere dei ripensamenti e ‘na certa vorrete cambiare aria farete sempre in tempo a raggiungere il Sidecar, dove alle 23.30 troverete i Pile. In ogni caso in primissima serata si consiglia un salto al LAUT, dove si esibirà una talentuosissima eroina locale, la compositrice Marina Herlop.

Se vi sembra di avere già troppe opzioni, sappiate anche che dall’altra parte della città vi attendono gli Slowdive al Razzmatazz. Prima di loro in scaletta, Therematic e gli onnipresenti King Gizzard (alcuni di voi li andranno a sentire tutte le sere, lo so).

Infine, per chi vorrà concedersi una serata in centro, il programma a La Tèxtil è firmato Awesome Tapes From Africa. Dalle 21 fino a notte fonda gli artisti dell’etichetta di Brian Shimkowitz garantiranno un perfetto mix di tradizione etno e club culture: Sourakata Koité, Hailu Mergia e DJ Black Low, con tanto di dj set finale.

MERCOLEDÌ 8 GIUGNO

L’ultima serata del Primavera a la Ciutat offre alternative per tutti i palati ed avrete davvero l’imbarazzo della scelta. Al Poble Espanyol il programma è formidabile: Ride, Khruangbin e per concludere Phoenix. Ma non lo è da meno quello all’Apolo – con Interpol e Chet Faker – e neppure al Razz ci sarà da annoiarsi, con Megan Thee Stallion tra tutte.

Volete ricaricarvi prima di affrontare il secondo weekend di festival? A La Nau la serata a cura di 4AD – con Maria Somerville, Dry Cleaning e Erika De Casier – inizia presto e a mezzanotte tutti a casa. Volete strafare? Al Razzmatazz 2 P.C. Music ha in programma un “bubblegum rave” dalle 20 fino al mattino.

E ora finitela di piangere perché non c’è più Jamie XX.

SEGUICI

Sito web  Facebook  Instagram  Twitter  Spotify

Read More

Ditonellapiaga – Camouflage

Written by Recensioni

In attesa del debutto sul palco dell’Ariston arriva il primo album della cantautrice romana.
Continue Reading

Read More

Il 2021 in 10 album italiani: la non classifica di Maria Pia Diodati

Written by Articoli

Dieci consigli di fine anno, dieci dischi che scaleranno le vette dei vostri cuori.
Continue Reading

Read More

10 songs a week // 21.10.2021

Written by Novità

Bodega, Johnny Marr, Tusks e tanti altri nella selezione delle novità della settimana.
Continue Reading

Read More

10 songs a week // 13.10.2021

Written by Novità

Band of Horses, Jerusalem in My Heart e tanti altri nella selezione delle novità della settimana.
Continue Reading

Read More

10 songs a week // 05.10.2021

Written by Novità

Cosmetic, Lomond Campbell e tanti altri nella selezione delle novità della settimana.
Continue Reading

Read More

10 songs a week // 27.09.2021

Written by Novità

Poppy Ackroyd, Strawberry Guy e tanti altri nella selezione di novità per sopravvivere al lunedì.
Continue Reading

Read More

Arto Lindsay – Voce e Vortice @ Villa Ada Roma Incontra Il Mondo 25.06.2021

Written by Live Report

Il racconto della data romana dello spettacolo dedicato alla Lectura Dantis di Carmelo Bene.
Continue Reading

Read More

Andate ai concerti, è la musica che ve lo chiede

Written by Eventi

Festival, rassegne, eventi e altre magie dell’estate live italiana.
Continue Reading

Read More

Web Hosting