Interpol Tag Archive

Primavera a la Ciutat: guida pratica alla sopravvivenza

Written by Eventi

Qualche dritta per muoversi tra i club di Barcellona per gli appuntamenti in città.

Per il Primavera Sound 2022 ogni angolo di Barcellona si riempirà di musica. Quest’anno infatti – oltre ai due weekend in programma in cui i live si terranno come di consueto al Parc del Fòrum – tra il 5 e l’8 giugno, in aggiunta alla giornata inaugurale del 1° giugno, altri 14 luoghi e spazi di Barcellona ospiteranno circa 200 spettacoli in un Primavera a la Ciutat senza precedenti. Un festival parallelo e complementare al festival stesso, ricco di seconde (e anche terze e quarte) opportunità e di occasioni uniche per completare l’offerta musicale del ventennale della rassegna catalana.

In breve, cinque giorni per girare da cima a fondo il circuito dei locali di Barcellona con la partecipazione di Sala Apolo e La (2) de Apolo, Razzmatazz 1 e Razzmatazz 2, Sidecar, Paral-lel 62, RED58, La Tèxtil, La Nau, LAUT, Bóveda e VOL, oltre al Poble Espanyol e all’adiacente Upload.

Primavera a la Ciutat sarà la celebrazione definitiva del ritorno alle sale da concerto di Barcellona, ma anche un omaggio alla club culture in tutte le sue forme, finalmente riattivata come ecosistema chiave per la vita musicale e sociale di qualsiasi città.

Programma completo e orari dei concerti sono già disponibili (puoi consultarli qui) ma, così come Primavera da sempre ci insegna, non bisogna farsi prendere dall’emozione convincendosi di possedere il dono dell’ubiquità e di poter assistere a tutti gli eventi. Eccovi quindi qualche dritta che potrà aiutarvi a fare le scelte giuste e a pianificare ogni serata nel modo migliore.

LE LOCATION

Sala Apolo e La (2) de Apolo sono luoghi che i veterani del Primavera conoscono bene. LAUT e Paral-lel 62 sono vicinissimi alle due sale dell’Apolo. L’area è raggiungibile in metro (fermata Paral·lel, linea 2 se si proviene dal Fòrum, linea 3 da Gracia o da Plaça de Catalunya) o comodamente a piedi se siete in zona Raval. A 10 minuti a piedi da qui c’è il Sidecar, nella centralissima Plaça Reial (accanto a La Rambla).

Le due sale del Razzmatazz si trovano nel quartiere di Poblenou. La linea 1 le collega al centro (fermata Marina), la linea 4 al Fòrum (fermata Bogatell). Nei paraggi si trova anche la sala VOL. In 10 minuti a piedi dal Razz si raggiungono sia La Nau che la sala Bóveda.

Poble Espanyol è la storica location in cui si svolsero le prime edizioni del Primavera Sound, un’area all’aperto nel cuore di Montjuïc, nella parte meridionale di Barcellona, dove si trova anche la sala Upload. La zona dista circa 40 minuti in metro dal Fòrum, 20 dal centro (fermata Espanya).

RED58 e La Tèxtil sono location più centrali e distano un quarto d’ora l’una dall’altra, una a ridosso del Passeig de Gràcia e l’altra vicina alla Plaça d’Urquinaona.

Considerando distanze, tempi di percorrenza e il fatto che tutte le sale hanno ovviamente una capienza limitata – e cioè che vige la regola del “chi prima arriva” – va da sè che, ad esempio, sarà fisicamente impossibile assistere a un live al Razzmatazz e arrivare in tempo per quello che subito dopo inizia all’Apolo. Insomma, non vi fate fregare dalla mappa ufficiale – carinissima, certo, ma assai poco rappresentativa della realtà – dove tutto sembra essere a un tiro di schioppo. Per evitare delusioni in diretta, vediamo quali sono le possibilità giorno per giorno.

***

Il primo giorno di Primavera a la Ciutat sarà l’unico senza dilemmi: mercoledì 1° giugno l’appuntamento è dalle 19 al Poble Espanyol con The Linda Lindas. A seguire: Wet Leg, Teto Preto e Rina Sawayama. I più audaci (o gli ignari del fatto che dal giovedì al sabato avranno bisogno di molte energie) potranno proseguire agevolmente spostandosi poi all’Upload, dove tra le performance previste c’è anche quella attesissima dei KOKOKO!.

DOMENICA 5 GIUGNO

I primi dubbi esistenziali arriveranno la domenica sera, quando, reduci dal primo weekend al Fòrum, avrete davanti a voi la prima ardua scelta. Deciderete di non perdervi Iceage e King Gizzard & the Lizard Wizard in Sala Apolo (e a seguire magari fare un salto al Sidecar per i Tropical Fuck Storm), oppure opterete per il Razzmatazz? Sappiate che nel secondo caso i dubbi aumenteranno i maniera esponenziale, perché si tratterà di scegliere tra vedere Jehnny Beth e Beck nella sala principale oppure farvi direttamente la coda per entrare al Razzmatazz 2 e attendere il live degli Shame ascoltando Jamila Woods e Alex Cameron.

LUNEDÌ 6 GIUGNO

Col passare dei giorni le cose si complicheranno ulteriormente. Di certo il programma di lunedì sera in Sala Apolo è allettante: uno showcase curato interamente da Shabaka Hutchings, con lo stesso artista londinese ad esibirsi coi suoi Sons of Kemet, insieme alle performance di Considered, Soccer96, Steam Down e The Soul Jazz Records Sound System. Sappiate però che nel frattempo vi starete perdendo un’ora e mezza di spettacolo targato The Magnetic Fields, dalle 21:15 alle 22.45 al Paral-lel 62. Anche in seconda serata ci sarà da valutare bene le proprie mosse: potreste considerare di concluderla al Sidecar con Sinead O’Brien oppure darlo todo con African Science e John Talabot fino alle 4 del mattino al LAUT.

Altra storia per chi si dirigerà dalle parti di Poblenou. Saranno gli adepti al cloud rap, che faranno bene ad arrivare al Razz con largo anticipo rispetto a quello previsto per lo show del sadboy Yung Lean. In ogni caso, per quelli che non riusciranno ad entrare ci sarà un’ottima combo di consolazione al Razzmatazz 2: Spellling, Beak> e King Gizzard.

MARTEDÌ 7 GIUGNO

Per tutta la serata La (2) de Apolo sarà la vetrina ideale per gli artisti più giovani e promettenti di casa City Slang: dalle 21.30 in poi sul palco si avvicenderanno King Hannah, Noga Erez, Los Bitchos, Matie Montexier e Victor. L’alternativa in zona per i devoti al nu-soul è garantita dagli show nella sala principale dell’Apolo, con Jorja Smith ed ENNY le più attese. E se doveste avere dei ripensamenti e ‘na certa vorrete cambiare aria farete sempre in tempo a raggiungere il Sidecar, dove alle 23.30 troverete i Pile. In ogni caso in primissima serata si consiglia un salto al LAUT, dove si esibirà una talentuosissima eroina locale, la compositrice Marina Herlop.

Se vi sembra di avere già troppe opzioni, sappiate anche che dall’altra parte della città vi attendono gli Slowdive al Razzmatazz. Prima di loro in scaletta, Therematic e gli onnipresenti King Gizzard (alcuni di voi li andranno a sentire tutte le sere, lo so).

Infine, per chi vorrà concedersi una serata in centro, il programma a La Tèxtil è firmato Awesome Tapes From Africa. Dalle 21 fino a notte fonda gli artisti dell’etichetta di Brian Shimkowitz garantiranno un perfetto mix di tradizione etno e club culture: Sourakata Koité, Hailu Mergia e DJ Black Low, con tanto di dj set finale.

MERCOLEDÌ 8 GIUGNO

L’ultima serata del Primavera a la Ciutat offre alternative per tutti i palati ed avrete davvero l’imbarazzo della scelta. Al Poble Espanyol il programma è formidabile: Ride, Khruangbin e per concludere Phoenix. Ma non lo è da meno quello all’Apolo – con Interpol e Chet Faker – e neppure al Razz ci sarà da annoiarsi, con Megan Thee Stallion tra tutte.

Volete ricaricarvi prima di affrontare il secondo weekend di festival? A La Nau la serata a cura di 4AD – con Maria Somerville, Dry Cleaning e Erika De Casier – inizia presto e a mezzanotte tutti a casa. Volete strafare? Al Razzmatazz 2 P.C. Music ha in programma un “bubblegum rave” dalle 20 fino al mattino.

E ora finitela di piangere perché non c’è più Jamie XX.

SEGUICI

Sito web  Facebook  Instagram  Twitter  Spotify

Read More

Guilherme Nunes – The Archetype

Written by Recensioni

Dall’allegria degli esordi alla risoluzione dei tormenti interiori a suon di post-punk.
Continue Reading

Read More

3 dischi ••• Aoife Nessa Frances • Country Feedback • Huge Molasses Tank Explodes

Written by Recensioni

Tra le uscite di venerdì scorso, due ottimi esordi e un sophomore che non delude.
Continue Reading

Read More

Primavera Sound 2019, un’edizione fuori da ogni filter bubble

Written by Live Report

Come un festival può diventare un’ode alla diversità e alla convivenza.
Continue Reading

Read More

We Are Waves – Hold

Written by Recensioni

‘Chi suona stasera?’ – Guida alla musica live di agosto 2017

Written by Eventi

Swans, Billy Bragg, Ride, Beach House, Liars… Tutti i live da non perdere questo mese secondo Rockambula.

Continue Reading

Read More

Recensioni #05.2017 – Phoenix / Piccoli Animali Senza Espressione / Penguin Cafe / Andrea Laszlo De Simone …

Written by Recensioni

1 LIBRO e 1 DISCO – le pagine di Piero Balzoni e la musica degli Interpol

Written by Articoli

[ non è mai troppo tardi per il ] Primavera Sound 2015 – parte II (e per i rumors sull’edizione 2016)

Written by Live Report

Sì, abbiamo un conto in sospeso con il festival dei festival, quello che inaugura la stagione e a cui tutti gli altri si ispirano, e non ce ne siamo dimenticati (trovate qui un resoconto dettagliato dei primi due giorni dell’edizione 2015).
Che tu faccia parte degli scettici o dei frequentatori seriali che hanno già in tasca l’Abono 2016, ti raccontiamo quello per cui è valsa la pena di trascorrere la tre-giorni più massacrante dell’anno in Catalogna, ma anche tutti gli imprevisti che mai ci saremmo aspettati dalla mastodontica macchina organizzativa dietro a un evento come il Primavera Sound Festival.

Carrusel_20151028100352

Nel frattempo le prime info sulla line-up 2016 si fanno attendere fino a gennaio inoltrato, e il web si sbizzarrisce a suon di pronostici scientifici e speranze infondate. Quel razzo in locandina riaccende la consueta chimera della presenza di David Bowie, ancor più dopo l’annuncio della release ufficiale di Blackstar prevista per l’8 di questo mese, giusto il giorno dopo quello in cui il prezzo dell’abbonamento al Prima subirà l’ennesimo aumento. Sí, il Primavera Sound riesce a vendersi (a caro prezzo) anche a scatola chiusa, ma d’altronde i grandi nomi del momento passano tutti per la kermesse spagnola, e la cifra da sborsare per poter presenziare a una tale quantità di live, all’apparenza esorbitante, è a conti fatti un’occasione irripetibile e convenientissima. Ok, resta il fatto che nella pratica ci vorrebbe il dono dell’ubiquità per poter stare sotto a una decina di palchi in contemporanea, ma questo lo avevamo già mestamente constatato lo scorso anno. In ogni caso, si può star certi che davanti al programma completo sarà impossibile restare delusi: se Bowie sembra un miraggio, i protagonisti più quotati dietro all’hashtag #PrimaveraAllStars sono del calibro di Beach House, Pj Harvey, M83Deerhunter, Grimes, Animal Collective e Tame Impala.
Uno sguardo alle recenti reunion suggerisce inoltre alcuni nomi altisonanti, quali Guns’n’Roses e LCD Soundsystem, ancor più in quanto entrambi confermati in cartellone al Coachella 2016. I più attenti hanno presto depennato gli Stone Roses, che per il 2 giugno sembra abbiano già preso impegni in Giappone.
Di occasioni per assistere alle performance di formazioni storiche il Primavera Sound ne offre sempre in abbondanza, ma per evitare di incorrere in grosse delusioni (per non dire in anacronismi deprimenti) sarebbe bene fare alcune distinzioni tra le proposte. Lo scorso anno sullo stage Heineken sono salite le Sleater-Kinney, con un validissimo disco di inediti uscito a inizio anno, a sprigionare un’energia fuori dal comune, rock duro e puro distillato in brani eseguiti senza soluzione di continuità, e con un’eleganza da copertina patinata a demolire ogni stereotipo sull’androginia delle donne devote al genere. Tra gli show migliori della passata edizione, sono queste le reunion da non lasciarsi sfuggire. Molto spesso però, al di là delle indubbie qualità dei progetti musicali, i ritorni rischiano di ridursi ad autocelebrazioni nostalgiche. Nei casi peggiori finiscono anche per rivelare la loro vera natura di operazione meramente commerciale: è quello che è accaduto agli Strokes, probabilmente i più attesi dell’edizione 2015, con un Julian Casablancas che definire fuori forma sarebbe stato un eufemismo, per una performance durante cui, forti di un repertorio collaudatissimo, nessuno sul palco si è preoccupato di nascondere un’innegabile carenza di entusiasmo. 

sleaterokSleater-Kinney

Paradossalmente, non è stata questa la cosa peggiore verificatasi durante l’ora abbondante in cui gli Strokes si sono esibiti, perchè quel che nel mentre stava accadendo sotto al palco é stato al limite dell’incredibile: gli stand stavano per terminare le scorte di alcolici. L’imprevisto da sagra di paese avveniva all’interno di una manifestazione sponsorizzata in maniera massiccia da un colosso della birra scadente che risponde al nome di Heineken.
Reduce dal live degli Interpol, proprio allo stage che dello sponsor porta il nome (e da un paio di ore senza liquidi che avevo dovuto affrontare per difendere la mia sudatissima posizione in prima fila), mi facevo strada verso gli stand tra il palco in questione e lo stage Primavera, dove Casablancas e soci erano già di scena.

mapa_ps15La mappa del Parc del Forum per l’edizione 2015

Raggiungere gli stand si è rivelata presto un’impresa disperata, perchè il pubblico degli Strokes si era sommato a quello degli Interpol e aveva già invaso ogni centimetro quadrato degli ettari che dividono i due palchi, e se non avessi avuto la sete inverosimile di cui sopra la scelta più saggia sarebbe stata quella di ruotare di 180 gradi e guardare i maxischermi appoggiata di spalle alle stesse transenne a cui ero stata aggrappata fino ad allora. Per giunta, al termine della traversata, lo scenario che si è prospettato ai miei occhi aveva un’aria da emergenza umanitaria, tra le file scomposte di ubriachi impazienti e gli addetti al beveraggio in preda al panico davanti ai fusti vuoti.
Poi però non vi lamentate se di anno in anno continuiamo ad affinare le tattiche per eludere i controlli anti-alcool all’ingresso.

11351463_10153411033470452_8094480799080452294_nInterpol

In quanto a imprevisti di portata monumentale, la questione alcolici è seconda solo a quanto accaduto al povero Tobias Jesso Jr.: andarsi a gustare il pianoforte di uno degli esordi migliori dell’anno col sole tiepido del tramonto di sabato sembrava la cosa migliore da farsi, ma l’energia incontenibile dei New Pornographers che si esibivano all’ATP nello stesso momento ha sovrastato senza pietà il set acustico di Tobias al Pitchfork, performance definitivamente compromessa poi dalle distorsioni e dalle prorompenti voci femminee di The Julie Ruin levatesi dal Ray-Ban, altro palco attiguo e con impianto di tutt’altra potenza.

Primavera_Sound_2015_Dani_Canto - 07yyyTobias Jesso Jr. @ Pitchfork stage

In generale, il 2015 sembra essere stato all’insegna delle difficoltà nello scheduling. Le sovrapposizioni degli imperdibili sono state moltissime. Il programma del venerdì non solo ci ha costretti a scegliere prima tra Damien RiceBelle and Sebastian, Sleater-Kinney e Perfume Genius, ma in seconda battuta anche tra Ride, Ariel Pink, Voivod e Run The Jewels. Presi dall’hype, siamo rimasti al Pitchfork per il californiano e i suoi Haunted Graffiti. Dopo gli evidenti problemi tecnici dei primi due pezzi, il live è decollato rapidamente insieme col suo eccentrico protagonista, strizzato in una tutina pastello (che in realtà è forse uno degli outfit più sobri mai sfoggiati on stage da Ariel Rosenberg), davanti a una folla considerevole, esaltata e compatta nell’intonare il refrain di “Black Ballerina”.
Se la lungimiranza del Primavera nel comporre le line-up è ormai un dato di fatto, è pur vero che, come ogni regola, non è esente da eccezioni.
Tra quelli a cui è stato concesso il salto di qualità dal Pitchfork stage all’Heineken quest’anno c’è stato Mac De Marco. Con la stessa salopette e la stessa aria scanzonata (per non dire un po’ beota) che suppongo indossi quando scende in garage a truccare il cinquantino ci ha proposto quasi tutto il suo Salad Days (i due EP datati 2015 sarebbero usciti in estate inoltrata), per poi prendere per culo Chris Martin con una cover di “Yellow” deliberatamente blanda, lanciarsi in uno stage diving a spasso per qualche centinaio di metri su una folla di tardoadolescenti fino a un attimo prima occupati più che altro a drogarsi e venir poi ricondotto sul palco senza una scarpa ma con un’espressione ancor più felicemente idiota di prima, per annunciare infine l’arrivo di Anthony Kiedis, esclamando “Mr Dani California himself!”, mentre sul palco saliva un soggetto raccattato chissá dove (e che a Kiedis non somigliava manco un po’). Se è vero che una delle icone che resteranno del Primavera 2015 è senz’altro quella di Mac sospeso sulla folla, di fatto quella volta a fidarmi della proposta sul main stage ho finito per perdermi tre quarti d’ora di collaudati struggimenti emo con gli American Football al Pitchfork.

Primavera-Sound-2015-Mac-Demarcostage diving di Mac DeMarco di fronte al palco Heineken

A parte qualche episodio come questo, fortunatamente gli imprevisti in genere sono per lo più piacevoli. Il Primavera Sound è una roba in cui, mentre ad esempio sei a metà strada diretta a vedere gli Shellac, ti può capitare di passare davanti a un’altra performance, che neppure avevi inserito nel tuo piano di attacco, e che finisce per piacerti così tanto da convincerti a cambiare tutti i programmi. È stato così che nella tarda serata di sabato, a intervallare le granate di elettronica di Dan Deacon prima e Caribou in chiusura, ho beccato i Thee Oh Sees  a prodursi in una delle performance migliori di questa edizione. 

Date un’occhiata, e se poi vi viene voglia di farvi un regalo eccovi il link giusto.
https://portal.primaverasound.com/?_ga=1.157760122.1796721096.1451657543

Read More

TOdays: giorno 3 e live degli Interpol

Written by Live Report

La prima edizione del TOdays Festival ha immerso Torino in un mare di musica. Non che il capoluogo piemontese sia sprovvisto di eventi musicali, sia chiaro. Ma vedere una così grande partecipazione ad un evento musicale in tutte le sedi in cui si è svolto (Spazio 211, Scuola Holden, Dox Dora, Cimitero di San Pietro in Vincoli e Museo Ettore Fico) fa pensare che sì, forse non è tutto perso, forse davvero c’è ancora speranza, forse la musica ci salverà, tutti. Forse. La terza serata del festival vede come protagonisti gli Interpol preceduti da una serie di artisti appartenenti all’etichetta torinese INRI (in ogni serata si sono esibiti sul palco dello Spazio 211 artisti ad essa appartenenti); domenica 30 agosto è stata la volta degli Anthony Laszlo, dei Dardust e Levante. I primi salgono sul palco intorno alle 20.00 e subito mostrano la loro potenza egemonica a suon di chitarra e batteria, anche se vengono relegati in un angolo del palco. Non c’è niente da fare, gli animali da palcoscenico restano animali sempre e comunque. Irriverenti, si presentano come gli Interpol, suonano la chitarra coi denti rievocando Jimi Hendrix e ci mostrano il culo quando al momento dell’inchino finale, invece di inclinare il viso verso di noi, lo fanno girandosi di 180°.

IMG_0290

IMG_0260

A seguire subito i Dardust nelle persone di Dario Faini (piano), Vanni Casagrande (synth) e Pietro Cardarelli (visual e luci). Non è la prima volta che li ascolto, e dalla prima esibizione alla quale ho assistito (presso le Lavanderie Ramone di Torino lo scorso febbraio) sono cresciuti e migliorati parecchio. Nel live del TOdays hanno eseguito non solo i pezzi del loro album 7, ma anche un medley mash-up con “Born Slippy” degli Underworld, “Right Here Right Now” di Fatboy Slim, “Hey Boy Hey Girl” dei Chemical Brothers e “Aerodynamic” dei Daft Punk. Una performance carica di energia che ha catturato il pubblico, come sempre, nonostante qualche imperfezione.

IMG_0388

IMG_0370

L’ultima ad esibirsi è Levante, cantautrice siciliana ormai trapiantata a Torino da anni, che dovrebbe essere la punta di diamante dell’esibizione degli artisti INRI, dato che ha l’onore di esibirsi appena prima degli Interpol. La sua invece è l’esibizione più sottotono di tutte, e con certezza si può affermare che se durante il concerto qualcuno ci dato una scarica di adrenalina, di certo non è stata lei. Tra i pezzi suonati c’è anche l’immancabile “Alfonso”, l’uomo sconosciuto che l’ha consacrata al successo. Sono circa le dieci, sul palco i tecnici in movimento, tra poco toccherà agli Interpol. Inutile dire che l’aspettativa era grande.

IMG_0481

La band capitanata da Paul Banks è famosa per riuscire a creare un gran muro di suono e trasmettere grande energia, pur nell’immobilità mimica totale e pur avendo dichiarato a luglio 2014 che avrebbero preferito non partire per il tour di presentazione dell’ultimo disco, El Pintor. Il live si apre con “Say Hello to Angels”, un romaticismo sommesso nei modi e tagliante nelle distorsioni. La band è tutto sommato in forma, come da previsione, e il frontman non sbaglia un colpo mentre impila “Anywhere”, “Narc”, “My Blue Supreme”. Il pubblico si scalda letteralmente quando parte “Evil”: l’impressione è che la folla si dividesse esattamente a metà tra i fan che conoscono ogni dettaglio, ogni versione di un brano, e chi conosceva solo certi successi e ascoltasse, comunque con grande attenzione e interesse, tutto il resto della setlist. Dopo “Lenght of Love” e “Rest My Chemistry”, la formazione esegue una caldissima “Everything is Wrong”: sarà l’ultimo pezzo cantato veramente bene da Banks, che forse dovrebbe fornire qualche spiegazione sulle sue corde vocali o sull’acustica del palco. Va ancora tutto sommato bene “The New” ma “My Desire” viene letteralmente massacrata. Per carità, il brano non è di semplice intonazione, ma le stecche sono state troppo frequenti e particolarmente marcate. Un vero peccato, specie se si considera che l’esibizione solista a cui avevo assistito qualche anno fa era stata seriamente impeccabile.

IMG_0662

IMG_0789

Onestamente questa brutta resa di una delle loro canzoni più belle e appassionate mi ha smontata. Su “Take You on a Cruise” riesco ancora ad emozionarmi per l’intenso stacco voce e batteria, ma “C’mere”, “Pioneer to Falls”, “Slow Hands” e “PDA” mi vedono più attenta a cercare altri errori nella linea vocale che non a lasciarmi trasportare. E non è bello che questo accada a un concerto. L’encore si apre con la splendida “Untitled”. È uno dei brani che preferisco, viene eseguito per altro magistralmente e quindi posso dirmi soddisfatta. Seguono “Leif Erikson” e “All the Rage Back Home”, forse la migliore di tutto il live, che nel complesso è stato molto piacevole, seppure macchiato -troppo per una band di questo calibro- da troppe imprecisioni del vocalist.

Read More

TODAYS festival: la line up definitiva

Written by Senza categoria

TODAYS è il festival di musica rock che la Città di Torino presenta il 28, 29 e 30 agosto in cinque diverse location in Barriera di Milano; un’occasione per scoprire edifici industriali riconvertiti e luoghi della città spesso poco noti, per ascoltare artisti internazionali come Interpol e TV On The Radio (data unica italiana) e per riscoprire i Verdena insieme agli artisti dell’etichetta indipendente torinese INRI. Lo Spazio211, con la sua grande arena all’aperto, sarà l’area del main stage per i grandi concerti. Gli altri luoghi saranno la Scuola Holden (spazio dedicato alla scrittura e alle performing arts nell’ex Caserma Cavalli nel cuore del Balôn), il Cimitero di San Pietro in Vincoli, da anni luogo di sperimentazioni, di arte e di commistioni tra le cui mura suoneranno alcune delle più interessanti e innovative proposte della musica elettronica italiana e internazionale, i Docks Dora che ritorneranno alla vita aprendo le loro porte a progetti di contaminazione fra concerti e clubbing in un puzzle di suoni e immagini tutto da esplorare, ed il Museo Ettore Fico, nuovo e importante spazio espositivo frutto di un attento progetto di riconversione di una parte dell’ex fabbrica Incet ed esempio della trasformazione di Barriera di Milano.

Il programma completo prevede l’esibizione di almeno 50 artisti appartenenti al panorama nazionale ed internazionale. Qui sotto il programma dell’evento:

Venerdì 28 Agosto
Spazio211: Tv On The Radio, Monaci Del Surf, Titor, Bianco
Scuola Holden:”Il Pensiero Sarà Un Suono” (Scena Torinese e Nazionale indipendente degli ultimi vent’anni, dai Negazione ai Diaframma)
Museo Ettore Fico: Progetto U235 (Ozmotic e Murcof)
Docks Dora: Lapalux, Eskmo, Blanck Mass, Fuck Buttons, Carlos Cipa, Sebastian Plano, Witxes, Go Dugong, Yakamoto Kotzuga, Clap! Clap!, Otolab

Sabato 29 Agosto
Spazio211: Verdena, The Cyborgs, C.O.V., Linea 77
Scuola Holden: Foxhound, Niagara, Cecilia, Eugenio In Via Di Gioia
Museo Fico: scenografia delle geometrie in bianco e nero di Ryoji Ikeda
Ex Cimitero San Pietro In Vincoli: Lory D, Gondwana, Portico

Domenica 30 Agosto
Spazio211: Interpol, Anthony Laszlo, Dardust, Levante

Per maggiori informazioni:
www.todaysfestival.com
ufficio stampa TODAYS: laschicas@adfarm.it

Read More

We Are Waves – Promises

Written by Recensioni

Arrivato sul mercato da quasi due mesi per l’etichetta valdostana MeatBeat Records, Promises (secondo album della band dopo Labile del 2014, uscito per Memorial Records) è un disco che fa sperare parecchio pur mettendo subito in chiaro un legame col passato consistente sia sotto l’aspetto estetico e formale, sia sostanziale e che tocca tanto la parte lirica quanto quella strumentale. Un’affinità con gli anni Ottanta che si nota presto non solo dall’ascolto delle prime note dell’album ma anche con la lettura dei titoli stessi dei brani (l’orwelliana “1982” su tutte) e nella bellissima immagine di copertina che ritrae dei ragazzini con gli sguardi tesi a narrare la storia di due fratelli di cui il maggiore, cresciuto inevitabilmente troppo in fretta, si trova a dover proteggere il più piccolo dalle sue paure. Diventare adulto non è una scelta e forse non lo è neanche il mantenere un legame con le proprie radici. Questa sembra la chiave di lettura principale di Promises, album in grado di evocare gli Ottanta ormai lontanissimi nel tempo, celebrandoli nella loro avvenenza e non nelle trashate da amarcord televisivo ma nello stesso istante capace di andare oltre, avvolgersi alle contaminazioni del presente, provando a smascherare un futuro prossimo che conservi comunque intatta l’anima rock decadente dei protagonisti.

Undici tracce che smascherano e infondono tutte le emozioni incontrate in qualsiasi processo di crescita, siano esse il tormento per l’inconsapevolezza del domani, la depressione di chi sa che andare avanti significa inevitabilmente abbandonare qualcosa di sé e del mondo che ha amato, ma anche la risolutezza di chi è convinto di poter raggiungere i propri obiettivi e con essi una felicità dalla forma sconosciuta. Pur giungendo da un mondo non certo famigerato per la sua ilarità, Promises non è dunque un lavoro prettamente disilluso e non lo è tanto nei testi, quanto nelle melodie, nonostante tutto, dai suoni scelti, alla timbrica di Fabio Viassone, lascino supporre il contrario.

Le promesse di questo bellissimo disco, di questa più che promettente formazione torinese, prendono spunto dagli Ottanta di The Cure, Joy Division, Sister of Mercy, Tears for Fears tendenzialmente seguendo lo stesso solco di un’altra band molto interessante, i Christine Plays Viola, ma rilevando di queste radici, non tanto gli aspetti Dark quanto quelli Post Punk e Synth Wave e quindi finendo per mettersi sulla ruota dei capiscuola del revival, se non tanto The National e Interpol, troppo Indie Rock al confronto, piuttosto Editors, White Lies ma anche The Prids e Les Savy Fav, finendo, in più di una circostanza, per buttarci giù dalla sedia, costretti a muovere il culo sotto ritmiche da disco eighties.

Se per molti i Soviet Soviet non hanno rivali in Italia nel genere, siamo pronti a scommettere che non passerà molto tempo prima che i pesaresi dovranno avere a che fare con questi We Are Waves.

Read More

Web Hosting