What’s up on Bandcamp? [aprile 2021]

Written by Articoli

I consigli di Rockambula dalla piattaforma più amata dalla scena indipendente.
HEY, KING! – s/t

[ 02.04.2021 | USA | alt rock ]

Il viaggio del mese in lungo e in largo per il mondo della musica stavolta parte dall’assolata California, ci piace proprio viziarvi. Le Hey, King! sono un duo di LA che ha recentemente firmato per la Anti- Records e che debutta con un album eponimo addirittura prodotto da Ben Harper. Il sound è ascrivibile al mare magnum dell’alternative rock USA ma è impreziosito da non pochi momenti intimisti/folk (Don’t Let Me Get Away, Sing Me to Sleep). Un debutto più che incoraggiante.

THE DEATHRAY DAVIES – TIME WELL WASTED

[ 03.04.2021 | USA | indie rock, jangle pop ]

Se anche voi siete del parere che “primavera = jangle pop”, allora il carinissimo dischetto della band di Dallas è esattamente ciò che fa al caso vostro. Melodie ariose e atmosfere rilassanti, ascoltarlo mentre il primo vero sole dell’anno fa capolino dalla finestra non potrà che porterà serenità alla vostra giornata. A volte ci vuol poco a star bene.

CLAMM – BESEECH ME

[ 09.04.2021 | Australia | garage, punk ]

Se anche voi siete del parere che “primavera = jangle pop”, allora il carinissimo dischetto della band di Dallas è esattamente ciò che fa al caso vostro. Melodie ariose e atmosfere rilassanti, ascoltarlo mentre il primo vero sole dell’anno fa capolino dalla finestra non potrà che porterà serenità alla vostra giornata. A volte ci vuol poco a star bene.

MARIA REIS – A FLOR DA URTIGA

[ 09.04.2021 | Portogallo | songwriting, indie pop ]

La giovane artista lusitana torna con cinque nuove tracce, come sempre acquerelli sonori delicati ed emozionanti. Alle melodie in genere molto orecchiabili fa da contraltare il cantato in portoghese, lingua dello spleen per eccellenza. Brani che potrebbero essere un’ottima colonna sonora per un vostro prossimo viaggio a Lisbona, magari mentre leggete una poesia di Pessoa.

RATA NEGRA – UNA VIDA VULGAR

[ 23.04.2021 | Spagna | punk, pop punk ]

Ci spostiamo in Spagna per gasarci col nuovo disco del trio da Madrid, uscito per la londinese La Vida Es Un Mus. Riff taglienti, sezione ritmica martellante, melodie orecchiabili: a queste tracce non manca nulla per restarvi impresse nella mente e soprattutto farvi ballare. La band perfetta da ascoltare birra in mano in un localino. Speriamo di non dover aspettare ancora molto.

SATOMIMAGAE – HANAZONO

[ 24.04.2021 | Giappone | folk, experimental ]

La Guruguru Brain è ormai da anni un punto di riferimento per la musica asiatica sperimentale e ogni sua nuova uscita è una vera e propria esperienza sonora e sensoriale. Non fa eccezione questo nuovo album della giovane artista da Tokyo, tra un folk minimale e una psichedelia un po’ acida e trasognata. Un viaggio a momenti quasi mistico, una gran bella scoperta.

KINOUE64 – 生きている

[ 25.04.2021 | Giappone | shoegaze, noise ]

Vecchia conoscenza di questa rubrica, kinoue64 è un progetto estremamente prolifico e che ad ogni nuova uscita non manca di scaricarci addosso salvifiche bordate noise imbevute di un certo retrogusto shoegaze. Il nuovo EP contiene quattro tracce e soprattutto la musica giusta sia per sognare che per fomentarsi, sembra un paradosso eppure è esattamente così. Provare per credere.

7MONDAYS – SENT

[ 30.04.2021 | Italia | shoegaze, dream pop ]

Duo calabrese formato da Isacco Scarriglia e Alessandro Franco, i 7Mondays fanno degli inconfondibili riverberi shoegaze e della dolcezza sonora tipicamente dream pop il proprio marchio di fabbrica. Missato e masterizzato da Marco Barzetti (Sonic Jesus, True Sleeper), l’EP è una sorta di mini concept che ripercorre la storia tra due amanti, con la curiosa trovata di inserire all’inizio e alla fine il classico suono dell’invio di un messaggio vocale. Il finale di What’s Best to Die For vi farà sobbalzare il cuore, sappiatelo.

VEIK – SURROUNDING STRUCTURES

[ 30.04.2021 | Francia | nowave, kraut ]

Il nuovo album del trio francese – uscito per la fantastica Fuzz Club Records – è un imperdibile viaggio nei più reconditi recessi della psichedelia, con non poche reminiscenze kraut, new wave e noise (un brano come Château Guitar fa venire alla mente i magnifici Gnod). L’ascolto perfetto per viaggiare con mente e spirito, cosa che di questi tempi è assolutamente da non disprezzare.

SEGUICI

www.rockambula.com • Facebook • Instagram • Twitter • Spotify

Last modified: 10 Giugno 2021

Web Hosting