verano Tag Archive

La playlist del lunedì #15.04.2019 | Mount Kimbie, Giorgio Poi, Kazu…

Written by Playlist

… Verano, Alosi, Margherita Vicario e tante altre novità per sopravvivere al lunedì.
Continue Reading

Read More

Siren Beach Stage, un nuovo palco in spiaggia per il Siren Festival 2018

Written by Eventi

Quest’anno la Siren Beach trasloca in un lido interamente dedicato al pubblico del festival e si trasforma in un vero e proprio nuovo palco, dove si esibiranno 16 band in tre giorni.

Continue Reading

Read More

ITALIANS CHOOSE IT BETTER | i migliori live al Primavera Sound 2018 secondo gli artisti italiani

Written by Eventi, Interviste

In vista dell’uscita della famigerata timetable, ho chiesto ad alcuni musicisti – ai miei preferiti, obviously – di darmi qualche dritta sugli act da non perdere quest’anno, suggerimenti da parte di addetti ai lavori che potessero aiutarmi anche a scoprire qualcuno tra i nomi meno noti in cartellone.

Continue Reading

Read More

10 SONGS A WEEK | la settimana in dieci brani #19.02.2018

Written by Playlist

Motta @ Alcatraz, Milano | 01.04.2017

Written by Live Report

Sabato sera si è concluso a Milano il lungo tour che ha portato Francesco Motta e il suo disco La Fine Dei Vent’Anni in giro per l’Italia per quasi cento date.

(foto di Francesco Oddo)

Continue Reading

Read More

A Night Like This Festival @ Chiaverano (TO) 15-16-17/07/2016

Written by Live Report

Quando si torna a casa dopo un festival di tre giorni, la sensazione è sempre quella di aver mangiato troppo. E così è stato anche al ritorno da Chiaverano. Ho seguito 22 concerti in una location mozzafiato, in compagnia di gente splendida, nutrita da ottimo cibo, alla presenza di un cielo che il Piemonte non è solito regalare così facilmente! Il senso di appagamento che mi ha dato A Night Like This Festival è stato tanto anche se, musicalmente parlando, non ho mai raggiunto un’apice di piacere durante nessuna delle esibizioni. Ho confermato alcune ipotesi, rafforzato delle certezze, confutato vecchie teorie, fatto qualche bella scoperta e provato anche disappunto e turbamento. Di seguito riporterò alcuni degli stati d’animo che ho vissuto durante le esibizioni live. Mi concentrerò sulle band che mi hanno maggiormente colpito, nel bene e nel male. Qualche gruppo purtroppo non sono riuscita a seguirlo, vuoi a causa di qualche sovrapposizione, vuoi per la necessità di espletare le mie funzioni vitali. Non me ne vogliate, sono umana anch’io. Dovranno perdonarmi anche tutte le band che si sono esibite sul “Palco dell’Esploratore”. L’acustica era pessima, e a causa di ciò non me la sento di esprimere pareri su qualcuno di voi. Prometto di venirvi a cercare, per ascoltarvi ancora.

“LE CERTEZZE DELLA VITA
WE ARE WAVES | di certo non hanno bisogno di presentazioni qui su Rockambula. Fabio Viax Viassone come al solito non si è risparmiato sul palco, e Cesare Corso, nascosto come sempre dietro un cappuccio, ha creato la magica atmosfera synth che tanto amiamo. Redoglia e Menegatti, batteria e basso, non da meno degli altri due, per regalarci un’esibizione carica di energia.

P1060199

♦BE FOREST | è un’immersione nella quiete notturna di un bosco, la loro esibizione. Qualcuno tra il pubblico ha il coraggio di gridare“siete mosci”, forse perché la loro esibizione arriva subito dopo quella, decisamente più energica, dei The Temper Trap. Ma che cavolo dici? Sono i Be Forest! Che t’aspettavi? Un attacco con le maracas e poi subito dopo “Maracaibo” cantata dal vivo? Ok, mi ricompongo. I Be Forest sono un po’ agitati per via di qualche discussione con i fonici. Poi tutto passa, ed è magia.

P1060282

“UN’ILLUMINAZIONE DIVINA”
♦LUMINAL | fino ad oggi, alla fine di un concerto dei Luminal, mi facevo sempre la solita domanda: ma perché hanno bisogno di fare tutte quelle scene, non possono suonare e basta? Già. Perché chi è stato ad un concerto dei Luminal sa bene in che modo viene coinvolto il pubblico, un modo che va ben oltre l’attitudine Punk di scendere da un palco e cercare un forte contatto col pubblico. Carlo Martinelli  ti si appiccica addosso dopo aver strisciato a terra come un verme, e Alessandra Perna improvvisa Valzer con ignare (?) pulzelle. Finalmente ho una risposta a tutto questo: i Luminal prendono per il culo, dall’inizio alla fine, le nostre vite piatte e insignificanti. E ho dovuto assistere ad una loro esibizione davanti ad un pubblico probabilmente assiduo ascoltatore delle canzuncelle “Indie” nostrane per capirlo. I Luminal ci dicono di fare qualsiasi cosa pur di movimentare le nostre vite, anche prenderci una malattia venerea, piuttosto. Per qualcuno dei presenti la loro esibizione è forse una delle maggiori emozioni musicali che hanno vissuto in tutta la loro vita. Per altri è un ritorno al Punk che ascoltavano durante l’adolescenza, declassato e messo da parte chissà quando, chissà perché. Per altri sono la feccia alla quale non assomiglieranno mai. Un esempio? La ragazza che mi sta accanto, e che in faccia ha una maschera a forma delle facce di tutte le donne citate in “Donne (Du  Du Du)” guarda schifata Alessandra e dice Ma come cazzo si è vestita?. Chissà da quanto tempo non si schifava così. Che momento di pura umanità. Quanta bellezza.

P1060258

LE PIACEVOLI SCOPERTE
♦BIRTHH | si, Birthh l’ho scoperta a Chiaverano. Prima dalle parole di un’addetta ai lavori del settore Radio, poi dal vivo. Questa donna, di corporatura minuta, conserva dentro di sé un enorme patrimonio emotivo che ben riesce ad esprimere e a trasmettere sul palco. Non ero pronta, in quel momento ho raccolto il maggior numero di percezioni e me le sono tenute strette. Born in the Woods me lo sono gustato a casa, per bene. È stato bellissimo.

P1060172

♦BONETTI | intuisco che Bonetti è di Torino, o del Piemonte, o nessuno dei due, ma poco importa. Nella mia impegnativa attività di frequentatrice di concerti non mi era mai capitato di incontrarlo. Il suo è un Cantautorato Pop apparentemente semplice, che però riesce ad emergere dal coro per qualche strana alchimia. Mi tengo stretto questo suono, e studierò meglio il fenomeno. Ad A Night Like This Festival si è esibito accompagnato dai Van Halen.

P1060155

♦LO STRANIERO | a dire il vero avevo già ascoltato il loro disco omonimo e a Chiaverano abbiamo avuto modo di fare due chiacchiere che presto leggerete su questi schermi. Piemontesi anche loro, si esibiscono con grinta, ma il loro suono è lontano da quello del disco, che tanto mi è piaciuto. Complice di sicuro l’acustica pessima de “Il Palco dell’Esploratore”, come dicevo sopra (ho ancora in mente l’esibizione dell’anno scorso di Iosonouncane, uno dei più bei dischi italiani torturato da un suono pessimo). Ed è un vero peccato. Spero di poterli riascoltare ancora, in condizioni più favorevoli, e che il loro Elettro-Pop emerga forte e vigoroso, come sono sicura che sia.

P1060163

PENSAVO FOSSE AMORE, E INVECE NO
♦THE TEMPER TRAP | lo ammetto, arrivo al concerto impreparata su di loro, ma di tanto in tanto mi piace farmi sorprendere dalla musica. Li avevo ascoltati molto ai tempi dell’immortale “Sweet Disposition”, dopo di che li ho persi di vista. Sono loro i veri headliner della serata, gli artisti di fama internazionale, mi aspetto scintille. La loro esibizione è stata di certo notevole, ma scintille a mio avviso non ce ne sono state.

P1060270

♦VERANO | Verano si esibisce venerdì sera, ma ci arrivo in ritardo, il montaggio della tenda ha richiesto più tempo del dovuto. Al “Palco del Quieto Vivere” c’è questa rossa indemoniata che brandisce una chitarra e ci dichiara guerra a colpi di suono. Ma la guerra per me dura pochissimo, il concerto finisce subito dopo. Non so niente di lei, mi prometto di tornare a casa e documentarmi, lo faccio. Scopro che Verano è il nuovo progetto di Anna Viganò de l’ Officina della Camomilla. Ascolto. E che fine ha fatto la guerra? Dov’è quella chitarra brandita con così tanto vigore? Decisamente meglio in versione live.

Read More

A NIGHT LIKE THIS FESTIVAL: annunciato il cast definitivo

Written by Eventi

A Night Like This, festival che negli anni si è guadagnato la fama di fucina di nuovi talenti, annuncia il cast definitivo della sua quinta edizione, il 15 e il 16 luglio 2016. Alla line up vanno ad aggiungersi gli islandesi Samaris, il dj set di Latteria Molloy e di Mattia Barro (L’Orso), Mr Alboh e Marianne Mirage per il live sul pontile del lago Sirio domenica 17 luglio. Ritroviamo dunque ancora una volta nomi di spicco del panorama internazionale – primi tra tutti The Temper Trap (impegnati in un tour europeo e in uscita a giugno con un nuovo atteso album, Thick as Thieves) e Jacco Gardner (in esclusiva italiana) – e alcune tra le migliori proposte indipendenti di quello nostrano, tra cui LIM, Be Forest, Birthh, Anudo e molti altri. La splendida cornice di Chiaverano ospiterà come di consueto cinque palchi in tre diverse location ma, a differenza delle scorse edizioni, il festival presenta una grande novità: un giorno in più e il doppio degli artisti. Sarà dunque l’occasione per il pubblico di passare la notte al campeggio convenzionato e di vivere un intero weekend tra musica, cultura, degustazioni a km zero e natura.

Il cast:
The Temper Trap, Jacco Gardner, Samaris, Be Forest, Ninos Du Brasil, Wrongonyou, Intercity, L I M, Birthh, Anudo, We Are Waves, Il Cielo di Bagdad, The Yellow Traffic Light, Luminal, Dropp, The Circle, Yombe, 99 Problems, Nova Lumen, Bonetti, Verano, Lo Straniero, Il Fieno, Weird Black, Wicked Expectation, Giulia’s Mother, The Floating Ensemble, Erica Romeo, Dagomago, Berg, Plunk Extend, Duprè, Silence Exile & Cunning.
After Party: Celluloid Jam + Mattia Barro (L’Orso) dj set
Lake Me Up: Old Fashioned Lover Boy + Mr Alboh + Marianne Mirage

Read More

10 SONGS A WEEK | la settimana in dieci brani #13.05.2016

Written by Playlist