Kuadra – Il Bene Viene Per Nuocere

Written by Recensioni

Y (voce), Zavo (chitarre), Kimbo (basso), Krab (electro vodoo), Van (batteria) sono i Kuadra, un gruppo attivo dal 2005 che da Vigevano parte con l’idea di fondere Rap, Rock e New Metal riuscendoci egregiamente. Il Bene Viene Per Nuocere è la loro ultima fatica ma non la prima: un EP nel 2007 dal titolo Tutto Kuadra, il primo full-lenght dall’omonimo nome nel 2010, il corto-documentario “È Solo l’Inizio” nel 2012, e per finire il singolo “I Nostri Eroi” su BlankTv. Ok, ora che ne sapete un po’ di più sulla band direi che è giusto fare una parentesi anche verso una figura che sta dietro le quinte di un disco e che spesso rimane ignota, e cioè il produttore artistico (in questo caso Marco Molteni), colui che a mio parere ha avuto un peso non indifferente nella realizzazione di questo album, e che è riuscito a dare quell’impronta massiccia che quest’album necessitava. Si, perché se premi play e ascolti la prima traccia “Il Bene” (il pezzo più melodico del disco), queste parole potrebbero balzarti in testa: siamo compressi e cattivi, e se tu sei uno acustico allora vaffanculo! Bene, poi si parte energicamente con “Crash Test”, scelta azzeccata come secondo brano, in quanto chiarisce sin da subito all’ascoltatore ciò a cui andrà incontro: un suono distorto, veloce e cattivo, che accompagna il riluttante sentimento che provano i Kuadra verso quell’Italia apatica, statica, caprona, incapace di pensare e reagire. Questa nausa indigestiva e il successivo rigetto verso i nostri giorni sono infatti argomenti che si ritroveranno anche in “Molotov”, “Cervelli Nella Vasca”, “I Nostri Eroi”, “Nuove Cure Mortali” e “La Culla”. Testo particolarmente interessante è invece quello di “Lasciami entrare”, che attraverso l’uso dell’innocente canzoncina per bambini “Fai un salto, poi un altro, fai una giravolta, falla un’altra volta”, la citazione della storia di Capucetto Rosso, e metafore come “Mangio teste vuote” o “Sono il vaccino che ti fa ammalare” descrive questo mostro che annienta ed uccide tutto ciò che di puro e brillante lo circondi. Un po’ come “Il Mostro” dei Linea77. La parola rivoluzione in chiave elettronica non tarda ad arrivare in “Thomas Sankara”, con tanto di campione iniziale del discorso del leader africano. Il disco si chiude con “Correre Correre”, specchio della nostra società progressista schiava di un tempo che corre e non trova spazio per fermarsi a respirare. Come in una corsa verso un’ignoto che appare però sensato, finendo per non accorgerci di essere parte di una corsa verso un domani che sarà uguale all’oggi, una corsa che ci lascierà senza fiato, sfiniti e vuoti.

Per concludere, Il Bene Viene Per Nuocere è un disco onesto e incazzato, composto da undici tracce compatte che si dividono tra rabbia, sprazzi di voci melodiche, e parti sussurrate che ti ricordano di dare sfogo a quella rabbia compulsiva che si nasconde dentro di te. I Kuadra sono amari come un pugno nello stomaco e dolci quanto un post-sbronza, ascoltateli e non ve ne pentirete.

Last modified: 21 Settembre 2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *