Soundtrack Tag Archive

8 pezzi per 8 episodi: la colonna sonora di “The Bear”

Written by Articoli

Dopo anni da chef in ristoranti stellati, Carmen torna a Chicago per dare una nuova vita al diner fatiscente di famiglia dopo il suicidio del fratello Mikey.
Continue Reading

Read More

Too pop to be experimental, too experimental to be pop – Intervista ai Son Lux [ITA/ENG]

Written by Interviste

Quattro chiacchiere con la band statunitense che questo weekend suonerà in Italia.
Continue Reading

Read More

Dalle strade norvegesi ai vini italiani – Intervista a Sondre Lerche [ITA/ENG]

Written by Interviste

In vista del suo imminente ritorno in Italia, abbiamo fatto una piacevole chiacchierata col cantautore norvegese.
Continue Reading

Read More

Non si vive di soli Netflix e Pornhub Premium

Written by Articoli

23 dischi per superare i giorni tristi.
Continue Reading

Read More

Luca Olivieri – La Saggezza delle Nuvole

Written by Recensioni

Un unico corpo che si muove sinuosamente fra atmosfere eteree. Racconti lontani che accarezzano l’immaginazione. Colori sonori densi e delicati. Un violoncello, un glockenspiel, un flauto e chissà quante altre estensioni della fantasia umana creano un’eco lontana; lo sfondo delicato di un film ancora da scrivere. Luca Olivieri con La Saggezza delle Nuvole ci tiene per mano lasciandosi ascoltare delicatamente, senza compromessi. I frutti del lavoro di due anni ci consegnano un complesso artistico costruito con grande capacità e competenza; si gioca sulle melodie, sui piani sonori, sugli accostamenti fra acustico ed elettronico, in maniera decisa, mai banale ne tantomeno furba. Numerosissime e prestigiosissime le collaborazioni (Andrea Chimenti, Caroline Lavelle, fra gli altri); l’intero lavoro tende continuamente a creare esplosioni controllate, mai per questo artificiose. Si alternano titoli in italiano a titoli in inglese, a testimonianza della consapevolezza di poter raggiungere un pubblico eterogeneo.

Il lavoro è una serie in nove episodi, da seguire con passione e concentrazione. Non è sicuramente il cd che si ascolta un paio di volte, sulle ali dell’entusiasmo, e poi si tende frettolosamente a dimenticare. Se da lato il limite può essere quello di non essere propriamente immediato (bisogna, aimè, fare i conti con l’utente medio), dall’altro è bene chiarire che questo è in tutto e per tutto un lavoro che va ascoltato attraverso il filtro cosciente delle emozioni; è bellissimo scoprirsi protagonisti solitari, in viaggio verso noi stessi.

Read More

Web Hosting