Slint Tag Archive

10 SONGS A WEEK | la settimana in dieci brani #28.04.2017

Written by Playlist

We Fog – Pixed [VIDEOCLIP]

Written by Anteprime

In anteprima esclusiva per Rockambula, ecco il videoclip di “Pixed”, il nuovo singolo dei We Fog, trio veronese che si muove tra Noise, Math e Post Rock di stampo americano à la Slint, Shellac, Fugazi e Jesus Lizard.

Continue Reading

Read More

Top 30 Italia 2016 | la classifica di Maria Pia Diodati

Written by Articoli

10000 Russos – 10000 Russos

Written by Recensioni

Nati nel 2012, i portoghesi 10000 Russos (attenzione: la pronuncia corretta è “dezmilrussos”) vengono fuori con questo debutto travestito da EP. In realtà, nonostante le tracce siano solo sei, l’omonimo disco dura ben oltre i quaranta minuti. Ci sono capolavori della musica che hanno sposato questa filosofia, uno su tutti Spiderland dei mai troppo compianti Slint. Tralasciando i malriposti paragoni il sound dei 10000 Russos è per certi versi riconducibile quello dei compagni di etichetta SonicJesus: echi asettici, un sovradosaggio di effetti volti a bruciare le sinapsi e un drumming che ha la vivacità di un encefalogramma piatto.

Già in partenza “Karl Burns” è una sintesi dei fattori sovraesposti, con la differenza che nei SonicJesus tutto questo non logora, anzi salta all’occhio come un qualcosa di curioso e appetibile. La torbida “Us Vs Us” è un moto ondoso sghembo che si ripete a catena per otto martellanti minuti. La successiva “Barreiro” è catalogabile come la colonna sonora del nostro peggior incubo: una parata spettrale di instabilità che cozza con il nostro desiderio vigoroso di proseguire e, nella migliore delle ipotesi, finire l’ascolto. Il torpiloquio continua e non pare voler cessare. La pazienza scricchiola, come la chitarra di “Baden BadenBaden” messa lì per dare una parvenza di novità. Ma si resta nel vago. E anche le ultime “Stakanovist” e “Kalumet”, seppur esternino un fugace tentativo di demonizzare le malefatte delle canzoni precedenti, vanno a vuoto sulla lunga distanza, scandendo l’ennesimo buco nell’acqua. Un po’ come tutto l’album, prolisso e improntato a sfidare la resistenza umana.

Read More

Le Superclassifiche di Rockambula: Top Ten anni Novanta

Written by Articoli

Afformance – The Place

Written by Recensioni

Già dalle note che spalancano questo nuovo Ep targato Afformance è manifesto come la loro musica riesca a suonare rigorosamente senza tempo. Nelle peculiarità nostalgiche di un piano che produce una vibrazione svogliata sullo sfondo di rumoristiche ambientazioni lisergiche oscure, quasi extraterrestri, è facile scorgere le pieghe del tempo che svelano una necessità d’immediatezza, di contemporaneità connaturata alla natura umana. Le arie che aprono “Dough Claws” paiono la commistione di suoni che affollano la stanza che ospita lo stargate aperto su un mondo antico, dal quale la musica scivola via come per scappare.

Solo con l’incedere cadenzato di “Stride” e poi con “Covered in Scales” entra in scena un Rock concreto, strumentale, vagamente cosmico e psichedelico, dalla struttura più precisamente tracciata, che richiama gli stilemi e i cliché del Post Rock più classico, evitando le esemplarità matematiche eccedenti degli Slint, prediligendo strade eteree come quelle battute dai Mogwai nei momenti più Film Score. La sperimentazione è ridotta all’osso tanto che la musica si dondola teneramente tra Ambient, sogno e l’asprezza di qualche accelerata nebulosamente metallica. Nel finale si mostra un ponte che ricorda un brano dei ben meno noti ma non per questo meno talentuosi Suricates, somiglianza che si ferma quasi compiutamente alla parte iniziale del pezzo e che fa sorridere per quanto probabilmente solo frutto della coincidenza ma che avrebbe provocato scalpore se notata in due band più mainstream. Il brano, per quanto ripetitivo e poco articolato, è anche il più interessante, il più trascinante; la musica cresce in maniera impetuosa, le chitarre si accavallano in modo maniacale, ora rallentando ora accelerando evocando un’esplosione sonica che mai finisce per compiersi.

Come dico spesso, il Post-Rock, passatemi la definizione come genere nonostante la vaghezza, è un modo di fare Rock tanto passato quanto affascinante, che, se fatto con cura distoglie l’attenzione dall’eccessiva riproposizione di se stesso. Questo è esattamente il caso di un Ep Post-Rock creato con dedizione, che non suona remoto pur proponendo qualcosa di vecchissimo, ormai superato. I pezzi, specie “Narcoleptic”, avrebbero potuto essere di più se si fosse lavorato con maggior attenzione a fornire loro una densità costitutiva diversa dal solito. La scelta della band greca è stata invece quella di lasciare i lavori secchi, scheletrici e il risultato è un buon Ep Post-Rock, di quelli che magari non riascolteremo mai più, anche se ora, proprio ora, ci ha fatto più che piacere origliare.

Read More