Mastodon – Once More ‘Round the Sun

Written by Recensioni

Una chitarra lontana emerge dalla nebbia, la brezza di un vento di battaglia, un unico, secco colpo di piatto, seguito da un fill che introduce “Tread Lightly”, opening song di Once More ‘Round the Sun. Giunti alla sesta prova discografica, riusciranno i pilastri dello Stoner Metal a far ricredere chi ha criticato il precedente album (che personalmente ho apprezzato tantissimo)? Risposta: No. Il nuovo disco ricalca una certa commercialità esposta in bella vista in The Hunter ed appena accennata in Crack the Skye, il capolavoro finora irraggiungibile, che ha rappresentato l’ago della bilancia tra un approccio Progressive Metal di vecchia scuola (il cui marchio di fabbrica sono interminabili intermezzi psichedelici) e delle tinte più dirette, meno cerebrali. A me poco importa: i Mastodon targati 2014 mi esaltano come hanno sempre fatto. In “The Motherload” Brann Dailor non solo picchia duro come d’abitudine dietro le pelli, ma presta per l’intero pezzo la voce (e che voce!), facendo vedere delle virtù ben delineate anche sotto questo aspetto, mostratoci, in passato, solo in qualche sporadico episodio (vedi “Oblivion” nel già citato Crack the Skye). Il singolo “High Road” rivede splendere ai massimi livelli il tono meno raffinato del bassista Troy Sanders, mentre nella title track è principalmente Brent Hinds, con la sua malignità vocale, a spargere il seme della distruzione tutt’intorno. E Bill Kelliher? Lui se ne sta in disparte, con la sua aria da orso bruno imbronciato, a mollare riff mascherati da rasoiate. Ogni tanto se ne esce, come in “Asleep in the Deep”, con qualche assolo dei suoi, e ci viene spontaneo ringraziare Dio per avergli donato tanto talento.  “Aunt Lisa” contende a “The Motherload” lo scettro di canzone più immediata, a cui contribuiscono delle inedite voci femminili inneggianti al Rock ‘N’ Roll. Occhio al refrain di “Halloween”, vi entrerà sotto pelle senza che ve ne accorgiate. Un autentico gioiello.

Se tutto questo vi appare come un’apostasia, vuol dire che avete ancora i prosciutti a celarvi la vista e vi sarà impossibile dar credito a Once More ‘Round The Sun. Tutti gli altri, gli amanti della buona musica, sono i ben accetti e riconosceranno l’ultima fatica dei Mastodon come una delle migliori produzioni di questo prolifico 2014.

Last modified: 20 Febbraio 2022

Web Hosting