Litfiba – Grande Nazione

Written by Recensioni

Ce ne fossero di questi “temporali amperizzati” ad oscurare il triste tran tran della musica che ciondola intorno, ce ne fossero di questi “governi elettrici” ad occupare gli scranni dei poteri (power) per guidare definitivamente la nostra strapazzata “Grande Nazione”. I giorni del gran rock tricolore sono tornati, Litfiba non è un nome che fa parte di un arredamento di tempo fa, hanno e  rappresentano la forza naturale del rock delle verità sociali, della parola “contro” amplificata in tutte le direzioni, e questo gran ritorno sulle scene “unificate” da parte di Pelù e Ghigo è un sobbalzo da vivere fino al cardiopalma.

Grande Nazione, il lavoro della riunificazione vede questa formazione in uno stato fisico e mentale completo, non sembra nemmeno che siano passati ore, giorni, mesi ed anni senza il calore della loro presenza, tutto riprende il suo posto, il suo tassello nel disegno totale della poesia e della passione elettrica delle quali il panorama musicale nostrano ne ha bisogno come il pane; dieci “peccati” taglienti che uniscono la chitarra indomita di Renzulli alla voce luciferina di Pelù come dentro un contratto artistico/umano di solidità estrema, un suono impattante che batte in gola, un serrato incedere da pogo sfrenato, una festa lesta d’amplificazioni e riscatti idealistici che spazzano come un vento di tempesta. Anche ballate da accendino acceso “Elettrica”, “Luna dark” fanno parte di questo disco guastatore e sognatore di vizi e virtù puliti e senza macchinazioni, ma a sorprendere in plus valore è il suono identificativo che i Litfiba da sempre lanciano da palchi veri e virtuali, quel compresso vivo e killer che è risuscitato dalle ombre, special modo da quell’Infinito di lontani tredici anni fa che aveva seccato la gola, torna a scoppiare di salute come non mai.

Quarantaquattro minuti di rock, emozioni e j’accuse ai malaffari, quarantaquattro minuti di fuoco incrociato che vanno dal loud alticcio della stupenda “Anarcoide” alla spirale acuminata di “Tutti buoni”, dal basso dei grandi numeri di “Brado” al movimento serpentino che muove “Squalo” per tornare all’openeir di “Fiesta tosta”, inno consacrato allo stage diving come supremo atto di devozione agli infernali Litfiba.

Non c’è altro da dire, è praticamente come parlare del Vangelo, nulla da aggiungere se non dire una cosa sacrosanta, Grazie Litfiba di essere tornati tra di noi, e con forza invidiante.

http://www.youtube.com/watch?v=wc0cxRMWMn8

Last modified: 7 Febbraio 2012

9 Responses

  1. Giò ha detto:

    Io penso che questo disco sia veramente pietoso e la recensione falsata. Andiamo!! Lo sanno tutti che i Litfiba sono morti e sepolti da tempo, non scriviamo cose surreali…

  2. max sannella ha detto:

    OPINIONI CARO GIò STREIGHT YOUR MIND FRIEND

  3. Giò ha detto:

    Io parlo dopo aver ascoltato il disco, certe cose mi sembrano talmente false e combinate da fare schifo. Comunque sarà il pubblico a decidere quanto possa valere questo disco inutile fatto solo per fare cassa a musicisti finiti da tempo.

    1. massimiliano ha detto:

      l’album è stupendo!!!! ascoltalo và prima di parlare!!!

  4. Marco ha detto:

    Dalla tua parte Giò, effettivamente il disco è orrendo. Offesa al rock.

  5. Marco ha detto:

    X Massimiliano
    Per caso sei pagato da Pelù?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Web Hosting