Bakunin – Bakunin EP

Written by Recensioni

Ispirati forse dal padre russo dell’anarchia moderna, i Bakunin, con questo nome e album omonimo, ci presentano un extended play d’esordio Garage Punk che va a pescare spuntinelle vecchie generazioni rocker degli anni Settanta. Di strada da fare i Bakunin ne hanno tanta; non riesco a trovare elementi innovativi nella loro musica. Chitarra, basso, batteria non fanno nulla in tutti e cinque  i brani per uscire dalla canonicità di un ci “stiamo provando” e risuonano già sentiti e noiosi alle mie orecchie. Ora il lavoro va sempre premiato ma in questo caso non sento né ricerca del suono, né nel ritmo, né un modo originale di cantare a squarcia gola. I gruppi Garage Punk in Europa e USA stanno facendo passi in avanti in questi ultimi anni, cercando sempre nuovi modi per spiattellarti la realtà addosso; provate ad ascoltare i canadesi Metz o i più vicini danesi Ice Age (anche se tacciati di essere filo Nazi per i tatoo) per avere conferma. Questo lavoro non ha niente d’esaltante se non la voglia di emergere della band e la spensieratezza tipica del Punk.

I Bakunin hanno ancora molta strada da asfaltare. Soprattutto dovrebbero discostarsi, se intendono ampliare il proprio pubblico e cercare di farsi spazio nelle solite litanie Punk Rock improvvisate. Chiariamo un concetto: non è che se il Punk è facile da suonare allora basta un ritmo serrato, una chitarra distorta, voce urlata e spensieratezza. Potrebbe bastare tutto ciò ma se non ti muovi dalle “solite cose” non fai passi avanti e vieni percepito come “scontato” da chi ascolta. Nel complesso l’album è pieno di licks, refrain, riff e triads già sentite e superate. Ascoltate “I Wanna Get You” per un lik scandito a 4/4 sul rullante, “I Love You” per un refrain che sa di già ascoltato o il riff iniziale di “Mum” e “Street” per le triads. Di certo non manca la grinta ma da sola non basta, non ci si può fermare alle apparenze ma bisogna andare oltre e creare un progetto con un’idea ben precisa.

Last modified: 17 Giugno 2013

4 Responses

  1. Stefano ha detto:

    Il rock come forma d’arte inevitabimente ha esaurito da anni la capacità di creare forme “originali” o che non sanno già di sentito. Detto questo al contrario di quanto scritto nella recensione li trovo freschi con una certa quantità di idee, anzi i wanna get you è proprio bella con i suoi rimandi ai primi Who, Clash Jam ecc…unita alla loro energia e abilità compositiva. Tra i più interessanti che ho sentito ultimamente provenire dal nostro Paese. Poi il concetto di superato non lo tirerei in ballo; è o non è arte, semplicemente. Difetti: troppo corto, spero in un vero e proprio album.

  2. ulde ha detto:

    Allora a questo punto, se come dici tu che il rock ha esaurito la capicità di creare, preferisco ascoltare i Who originali!!!!

    La volpe che non arriva all’uva……

    1. matt ha detto:

      Signor Ulderico Liberatore,il tuo articolo mi fa cagare .

  3. Ulderico ha detto:

    Opinioni. E poi è in sintonia con i Bakunin!!!!!
    Grazie Mitico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *