A Place to Bury Strangers – Hologram EP

Written by Recensioni

Il nuovo EP della “band più rumorosa di NY” è una delle cose migliori che sentirete in questa estate.
[ 16.07.2021 | Deadstrange Records | noise, post-punk, shoegaze ]

Il rumore come valvola di sfogo per questi tempi incerti e complicati. È quello che deve aver pensato Oliver Ackermann, storico fondatore e frontman degli A Place to Bury Strangers, non a caso definiti fin dai primissimi esordi la “loudest band in New York City”. Hologram è la prima pubblicazione del gruppo sotto la propria etichetta, la Deadstrange Records, e soprattutto è la prima uscita con la nuova line-up: ad accompagnare Ackermann ci sono infatti John e Sandra Fedowitz, rispettivamente basso e batteria, coppia nella vita ma anche nella musica (i due erano già membri dei Ceremony East Coast, progetto dal sound piuttosto affine a quello degli APTBS).

I cinque brani contenuti nell’EP rappresentano la perfetta summa sonora ed estetica del sound degli A Place to Bury Strangers: cupo, distorto, efferato; un suono plasmato uscita dopo uscita, fin dall’ottimo esordio eponimo del 2007 passando per il successivo Exploding Head, vera pietra miliare nella discografia della band di NY.

***

Ed è proprio agli esordi della band che si rifà I Might Have, uno dei due singoli estratti e con ogni probabilità il brano cardine dell’EP: un pezzo che ti spettina fin da subito col suo riff robusto e stordente, il basso sferzante, il suo incedere vorticoso; un baccanale sonoro da ascoltare in cuffia alla massima potenza o, ancor meglio, a volumi esagerati dal vivo (a marzo 2022, pandemia permettendo, potremo anche vederli in Italia) . Un fuzz ‘n roll che non potrà non trascinarvi, per quello che già da ora si candida ad essere uno dei brani migliori del 2021.

End of the Night è l’opener dell’EP (nonché primo singolo estratto) ed è un’intro perfetta, un gustosissimo antipasto: l’atmosfera che inizia subito a farsi carica, il basso che diventa già sferzante e le chitarre che mordono i freni in attesa di deflagrare in tutta la loro roboante potenza sonora.

Contrasti. La musica degli APTBS ne è da sempre contraddistinta e Hologram non fa certo eccezione: I Need You, col suo post-punk a tinte vagamente eteree, arriva ad attenuare opportunamente la tensione e a rallentare un po’ i ritmi dopo la sbornia sonora di I Might Have. Ma non lasciatevi ingannare: a metà brano le chitarre efferate di Ackermann tornano a prendersi prepotentemente la scena sfociando in una deriva sonica 100% shoegaze.

***

Un altro aspetto che ha da sempre contraddistinto il sound degli APTBS è un certo gusto per l’estetica 80s, e In My Hive ne è un perfetto esempio: le solite, rumorosissime chitarre si stendono su uno sfondo new wave/post-punk davvero irresistibile. Come suonare 80s nel 2021 senza risultare kitsch o banali.

La chiusura affidata a Playing the Part fa da perfetto contraltare all’opener ed è forse l’episodio più melodico del lotto, quello in cui la band accantona momentaneamente la sua vena noise/shoegaze in luogo di un post-punk a tratti addirittura arioso. La giusta ed opportuna conclusione di un EP caratterizzato per il resto da suoni muscolari e taglienti.

Noise, post-punk, shoegaze, fuzz: innumerevoli sono le etichette che potremmo utilizzare per descrivere il sound degli A Place to Bury Strangers e in particolare di questo Hologram, ma dopotutto il consiglio che ci sentiamo di darvi è soltanto uno, benché banale: ascoltatelo a volumi illegali, magari con una birra in mano. Vi sembrerà davvero di ritrovarvi catapultati in un sordido locale underground di New York City.

LINK

Sito web
Facebook
Twitter
Bandcamp

SEGUICI

Web Facebook  Instagram Twitter Spotify

Last modified: 7 Settembre 2021