Vintage Violence Tag Archive

Vintage Violence – Capiscimi (acoustic version) [STREAMING]

Written by Anteprime

Vintage Violence – Senza Paura delle Rovine

Written by Recensioni

I Vintage Violence hanno il dono delle frasi ad effetto. Il loro ultimo disco, Senza Paura delle Rovine, ne è pieno: Anche gli ergastolani hanno paura di morire, chiosano in “Neopaganesimo”; e Fare musica in Italia è come abbronzarsi il culo / Se ne accorgono solo in pochi se non lo dai via nella traccia seguente, per l’appunto “Abbronzarsi il Culo”, giusto per fare due esempi. Sono incazzati neri, i Vintage Violence: si sente soprattutto nei testi, nelle ritmiche incessanti e nelle chitarre taglienti, anche se tutto poi vira verso un Punk Rock giocherellone, ironico, dove la voce vola alta e pulita in rime baciate e cadenze alla Zen Circus. Ma sono incazzati veramente, e ce l’hanno con tutti: con la musica italiana (“Abbronzarsi il Culo”), con la SIAE (“S.I.A.E.”), con le magagne del nostro presente, in questo caso specificamente lombardo (“Metereopatia”, “Vivere in un Bilocale”). Finiremo tutti in ospedale / Vince chi ci va con una storia originale. L’importante è dire tutto, raccontare storie, sputarle in faccia, Suonando canzoni per chi muore / Come una bomba fatta esplodere nel sole, senza aver paura, anzi, con l’intento palese di scandalizzare, di smuovere, di colpire forte, satireggiando ghignanti, senza far mancare, in sottofondo, una lucidità critica invidiabile. E forse non è un caso che tra i pilastri del disco si scovino le fondamenta della satira: politica, sesso, religione e morte, come diceva qualcuno…

Un’audacia encomiabile che però rimane a mezz’aria, legata all’aspetto di canzonette che qua e là hanno i brani del disco: sebbene suonati e prodotti con ogni crisma, mi hanno lasciato, alla fine, con la sensazione di aver bisogno, nel reparto musicale, di più graffi, più rabbia. Questione di gusti, comunque: nel frattempo mi riascolto “Capiscimi” senza smettere di sorridere a denti molto, molto, stretti. Stanotte ti voglio scopare / Davanti allo specchio con le luci accese / Anche i gatti confusi che guardano / Compariranno nelle riprese […] / Ma appena prima che il fuoco si estingua apri la bocca al mio segnale / Devo scriverti sotto la lingua un titolo adatto per il finale…

Read More

FILAGOSTO Festival XII edizione

Written by Senza categoria

FILAGOSTO Festival XII edizione / 29 Luglio – 03 Agosto 2014 Area Feste via Locatelli,1 – FILAGO (BG) ingresso gratuito / inizio concerti ore 21

I MARLENE KUNTZ inaugurano domani 29 Luglio la XII edizione
di FILAGOSTO Festival, una delle più longeve e importanti rassegne ad ingresso gratuito di tutto lo stivale!

martedì 29 Luglio 2014
MARLENE KUNTZ
VINTAGE VIOLENCE

mercoledì 30 Luglio 2014
BEENIE MAN & ZAGGA ZOW BAND
RAS MELODY AND IRIE ROOF BAND

giovedì 31 Luglio 2014
CISCO
IL FIENO

venerdì 01 Agosto 2014
THE ZEN CIRCUS
IL TRIANGOLO
LA MAISON ORCHESTRA

sabato 02 Agosto 2014
GAZEBO PENGUINS
LUMINAL
NOCIVA

domenica 03 Agosto 2014
MORGAN Play Live Show
FEDERICO CIMINI

PALCO ACUSTICO VEN-SAB-DOM ore 20

Read More

FILAGOSTO Festival

Written by Senza categoria

Tra il 29 Luglio e il 3 Agosto ritorna FILAGOSTO Festival, una delle più longeve e importanti rassegne ad ingresso gratuito di tutto lo Stivale che si terrà ovviamente a Filago (BG)

martedì 29 Luglio 2014
MARLENE KUNTZ
VINTAGE VIOLENCE

mercoledì 30 Luglio 2014
BEENIE MAN & ZAGGA ZOW BAND
RAS MELODY AND IRIE ROOF BAND

giovedì 31 Luglio 2014
CISCO
IL FIENO

venerdì 01 Agosto 2014
THE ZEN CIRCUS
IL TRIANGOLO
LA MAISON ORCHESTRA

sabato 02 Agosto 2014
GAZEBO PENGUINS
LUMINAL
NOCIVA

sabato 02 Agosto 2014
MORGAN Play Live Show
FEDERICO CIMINI

PALCO ACUSTICO VEN-SAB-DOM ore 20

Read More

La Band Della Settimana: Il Mostro

Written by Novità

IL MOSTRO nasce per partenogenesi.
Nel febbraio del 2011 quattro amici musicanti di vecchia data decidono di mettere a frutto un po’ di idee maturate nel tempo, fra sale prova e i numerosi palchi calcati con i rispettivi gruppi (Nemesi, Vintage Violence, La Fine Del Mondo, Multidimensional Smoking Trees, Züüngar).
I quattro provano a cucire insieme brandelli di influenze musicali contrapposte.
Al Mostro piacciono gli zuccherini, ma per tenerlo a bada serve il badile. il disco di debutto dell’omonima band di Como è il coronamento di un lavoro di quasi due anni, fra studio e concerti live. Nel disco sono numerose le influenze e commistioni di generi – dallo Stoner Rock al Blues, passando per il Punk e la Psichedelia – restando però sempre fedeli ad un suono analogico, dove l’unica elettronica presente è quella dei pedali degli effetti.

Facebook

Sito Ufficiale

Soundcloud

Read More

Web Hosting