Il Cane – Il Risparmio Energetico

Written by Recensioni

La musica ormai è ridotta all’osso. Nel vero senso osseo della pochezza d’idee che purtroppo siamo costretti a far passare durante i nostri ingiustificati ascolti giornalieri. Ma ecco che dal pop si ricava una perla, un generosissimo spunto sulla quale improntare tutte le nostre vogliose rivincite generazionali e urlare fieri che ascoltiamo musica degli anni zero. Matteo Dainese in arte Il Cane scava nella semplicità dell’elettro pop contemporaneo per tirarne fuori un disco fresco e intraprendente, parliamo dell’ultima sudata “Il risparmio energetico” uscito per la sua Matteite Records. E lui lo sappiamo, una vita dedicata alla musica con Ulan Bator, Il Moro, Elio P(e)tri, etichetta e tanto rock.  Impressioni positive e poca voglia di sentirsi ingenui nello sparare a zero contro correnti artistiche diverse dall’indie rock, implorando vendetta nei confronti di chi usa testi e cervello nel fare musica. E non mi pare poco visto che in Italia non esiste solo stupidità artistica e hits da bagno turco, esiste soprattutto gente come Il Cane. E di cani ne abbiamo tanti in questa attuale scena cosiddetta alternativa, di nome e soprattutto di fatto.

Il Risparmio energetico” suona meschinità poetiche senza luce con l’intenzione di addolcire una vita inconcludente e beffarda. Registrato tra l’Italia e l’America assorbe tutto quello che nell’aria si respirava in quei momenti buttando nella mischia un cuore elettronicamente grande senza aver paura dell’effetto boomerang. Critica stronza che implode d’invidia. Tanti nomi come Andrea Appino (Zen Circus), Enrico Molteni (Tre Allegri Ragazzi Morti), Franz Valente (Teatro degli Orrori), Enrico Berto (Amari, Sick Tamburo), Lorenzo Commisso (Il Moro e il Quasi Biondo), Fabio Cussigh (Betzy), Ru Catania (Africa Unite, Wah Companion), Manuel Fabbro (Ulan Bator) e Gianluca Liva (Alfabox) nelle collaborazioni. Un disco da prendere di petto e spararsi sulla faccia degustando pezzi come “Il sole e poi la pioggia” e “Risparmio Energetico”, le vostre considerazioni sull’investimento musicale attuale prenderanno una brusca sterzata. Il pop conquisterà il mondo e noi saremo pronti a spappolarci il fegato per vederlo trionfare.

Last modified: 30 Gennaio 2012

One Response

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Web Hosting