Daughn Gibson 03/12/13

Written by Live Report

Il Blackout Rock Club è un posto un po’ fuori mano, sulla Casilina inoltrata a Roma. Un posto dove si organizzano bei Live. A maggio sono andato a vedermi Dinosaur Jr, di lunedì purtroppo e questa serata è di martedì. Il weekend, direte voi, suoneranno dei mostri sacri. E invece no! Ci sarà la discoteca?!Può essere!Ma questo weekend ci sarà l’American College Party. Che?!? Sulla locandina due ragazze ammiccanti vestite da cheerleader con tanto di ponpon, o come cazzo si chiamano. Quello che voglio ribadire è che la vita da Rocker si fa sempre più dura.

Faccio la mia fila cercando di non sbavare sulla locandina del college party e una volta dentro faccio un’altra fila per aggiudicarmi la brodaglia in bottiglia che chiamiamo birra. Daughn Gibson è lì appoggiato al bancone ad aspettare la sua di birra, mentre nessuno lo caga, giusto il tempo di prenderla e sparire nel privé. Dopo aver suscitato la curiosità nella scena underground statunitense con il suo primo lavoro All Hell uscito per la White Denim Records, subito crea, grazie ai testi, curiosità nella critica, Pitchfork per capirci, e riesce in breve a chiudere il suo primo e vero contratto con la mitica Sub Pop Records. A giugno esce Me Moan che rispetto al precedente è più orecchiabile e con testi meno articolati. Ma torniamo alla serata, dopo un ora e più ad aspettare che si riempisse il locale inutilmente, visto il martedì e visto che praticamente lui è ancora quasi sconosciuto in Italia, e un piccolo cambio di amplificatore finalmente il concerto ha inizio. Gibson parte subito con i brani più ritmati dell’ultimo disco, un po’ più accelerati per l’occasione da sembrare a tratti punkeggianti. Tra un brano e l’altro, per via dell’uso che fa di campionatori e suoni registrati, spesso non c’erano pause e il risultato è stato un’ora intensa di ballate Country elettrificate, “Kissin on the Blacktop”, e canti struggenti di amori interrotti, “Tiffany Lou”. Nel bis di mezz’ora mi allieta con quello che secondo me è il suo pezzo più significativo “In The Beginning”, stupendo.

Ecco l’intera scaletta della serata:

Lookin’ Back on ’99, You Don’t Fade, Phantom Rider, Mad Ocean, Kissin on the Blacktop, Lite Me Up, Tiffany Lou, A Young Girl’s World, All Hell, The Sound of Law, In the Beginning, Rain on a Highway, Dandelions.

In definitiva un domani potrò dire di aver visto Daughn Gibson. Dico un domani perché ora lo conoscono in pochi in Italia ed effettivamente in questa serata, comunque fantastica, eravamo in 200 ad ascoltarlo. La prossima volta che capiterà in zona non perdetevelo!!!

Last modified: 16 Dicembre 2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Web Hosting