RADIO SHAKEDOWN Tag Archive

L’immenso Club to Club 2016

Written by Live Report

Il mio Club to Club inizia qualche mese fa, quando, durante una serata al Garbage Live Club di Pratola Peligna dedicata alla Warp Records, un mio amico dj e futuro compagno di avventura a Torino, viene da me con entusiasmo fanciullesco e mi dice: “Oh, a novembre si parte”. “E dove si va?”, faccio io. “Al Club to Club; ci sono gli Swans“. “E chi altro?” dico. Lacrime agli occhi ed eccitazione alle stelle. “Autechre e Amnesia Scanner bastano?”. Basteranno.

Continue Reading

Read More

From the East Coast Fest

Written by Live Report

Ho sempre sentito parlare dell’ Hardcore SUPERBOWL del 1996 svoltosi a Pescara (qualcosa di mitologico); in molti mi hanno proferito di un certo incredibile concerto degli Slapshot e dei Misconduct; in molti mi hanno detto che quando suonavano i When Mind Reflect nella città abruzzese i kids riempivano quelle poche sale che facevano suonare fino a farle esplodere. In molti mi hanno ribadito che gli anni 90 per l’Hc Punk sono stati gloriosi a Pescara. Peccato che io fossi solo un pischello allora. Non importa perché appena arrivato davanti al Tipografia, vedendo tutti quei ragazzi e ragazze che non vedevano l’ora di entrare, ho subito avuto una bellissima sensazione, sono tornato indietro di dieci anni, nel periodo in cui la “provincia spaccava il culo alle metropoli” con il Terni o il Perugia HC FEST e tanti altri. Sì, proprio la provincia “tranquilla” e poco incline al cambiamento ma che per fortuna è composta da ragazzi che hanno ancora voglia di tirare fuori gli attributi e stupirci!

still

Welcome to the FROM THE EAST COAST FEST! Dunque, avete capito che questo è stato un concerto Hardcore Punk, quindi è quasi inutile parlare troppo di qualità dell’audio e vari intoppi che ci possono stare; io dico ‘sti cazzi. Riprenderò l’argomento verso la fine citando un commento scritto su FB qualche giorno fa. Iniziamo a fare sul serio: ci sono gli Xzone e gli Still Nervous che aprono la serata a suon di classico Punk Rock / Hc stile Casualties per sottolineare che ce ne sarà per tutti i gusti! Dopo di loro i Coffeeshower! Sono i nostri nonnetti d’Abruzzo ma dal vivo sono sempre tra le migliori live band del panorama italiano! Sarà perché il loro ultimo lavoro, The Glory Years, è un “best of”, tirano giù tutto con una scaletta adrenalinica composta anche dai loro mega classici! Chapeau, come sempre direi! Quindi salgono sul palco i MUD dalla provincia di Teramo. Sinceramente non li ho mai seguiti e non ho troppe info a riguardo ma a quanto pare suonano da un bel po’ anche loro e sul palco si sono fatti rispettare! Un bel set, con canzoni chiaramente influenzate dagli Hatebreed di Satisfaction Is the Death of Desire e dagli Integrity di To Die For! Molto potenti. Dopo questi ultimi due set, il pubblico è sempre più caldo e numeroso e pronto ad accogliere gli Straight Opposition padroni di casa! Ormai li conosciamo, non esistono performance fiacche di questi hardcorer pescaresi! Per quello che si sente dire in giro e per quello che ho potuto constatare con i miei occhi, dal più minuscolo squat, al club stracolmo, non ci sono differenze, salgono sul palco pronti a dare tutto e ad infuocare il pit. E lo hanno infuocato di nuovo (per fortuna non avevamo dubbi). Ecco che si apprestano a salire sul palco i loro cugini punkrocker, Radio Shakedown!!! Dopo due set hc ci stanno a pennello anche se l’intensità non cala mica, anzi. Si intravedono dei pointing finger, singalong a manetta, ragazzi e ragazze che stanno sotto al palco senza paura sudando e pogando al ritmo dei loro singoloni e delle ballate. Impeccabili!

coff

Si apprestano a salire i co-headliner della serata, gli Strengt Approach da Roma, porta bandiera dell’Hardcore italiano nel mondo dal 1996. Qualche istante prima ho parlato con Alessandro, il cantante ed esce fuori il discorso che suoneranno dopo qualche giorno dal concerto di Pescara allo Ieper Fest in Belgio nella stessa giornata dei Gorilla Biscuits. Non c è da preoccuparsi, Pescara o Ieper Fest, Pratola Peligna o New York, il risultato è lo stesso! Sparano un set tritatutto per i kid che ormai sono belli carichi e pronti ad accogliere gli headliner. Dopo diciotto anni passati sui palchi del mondo intero gli SA ci ricordano: HARDCORE-THIS IS MY LIFE-everyday HARDCORE-THIS IS MY WAY-its running through my veins n my heart nothing has changed. Trends move but we still remain. Esemplari!

stra

Ed ecco che si apprestano a salire sul palco gli H20! Che dire di loro. È la terza o la quarta volta che li vedo dal vivo! Gli anni passano anche per loro ma non lo fanno notare assolutamente. In questi anni ho notato una cosa, Toby Morse è un mostro nel creare dalla prima nota sintonia col pubblico; sarà una questione di sguardi o chi può dire cosa. Il bello è che per la prima volta a Pescara vedo ragazzi che fanno stagediving, che cantano a squarcia gola, che cercano il contatto vero. Il bello è che ho visto varie generazioni stare li a cantare a memoria Thicker than Water e Nothing to Prove come se non ci fosse un domani. Non è decisamente una serata per selfie, per baffetti hipster, per shopping bag fashion, etc… Qui c è solo gente pronta a dare tutto per i loro beniamini e così è stato. Ora voglio riprendere il discorso intrapreso qualche riga fa ma voglio essere breve e sintetico perché alla fine non è stato un dramma. La sfiga ha voluto che gli inconvenienti tecnici sia spuntati fuori durante il set dei Newyorkesi (salta la corrente più di una volta), lo show si blocca un attimo ma poi riprende, poi si blocca e poi riprende. Alla fine gli H20 faranno una scaletta ridotta (circa trenta minuti) e daranno il massimo per soddisfare chi era lì per loro. È successo, succede e succederà sempre un po’ ovunque. Il giorno dopo arrivano puntuali le solite polemiche da leone da tastiera, i soliti Pc Police (io li chiamo così) ma non voglio scrivere a riguardo. Voglio solo riportare quello che ha detto il cantante dei Strengt Approach su FB e chiudo: “Gli imprevisti purtroppo non hanno reso facile la cosa ma nessuno comincia conoscendo tutte le regole del gioco e c’e’ sempre modo per migliorarsi e rendere certi eventi degni di essere ripetuti!” Il To the East Coast Fest è proprio uno di questi!”

Io in primis spero in una winter edition! Mi sono divertito, credo che il 99,99% dei ragazzi presenti si siano divertiti quindi Big Up per le band che hanno suonato e per la Mutiny Crew! Alla prossima!

Read More

From the East Cost Fest 2014, 5 Agosto, Pescara.

Written by Senza categoria

From the East Cost Fest 2014, 5 Agosto, Pescara.

Una delle band più importanti del panorama Hardcore dei 90, i newyorkesi H2O, ha scelto il parco Le Naiadi di Pescara come tappa italiana del suo tour europeo, all’interno del From the East Cost Fest 2014 che si svolgerà il prossimo 5 agosto. Entrati nella leggenda già con l’album d’esordio omonimo del 1996 ma attivi fino ad oggi il quintetto statunitense ha affiancato mostri sacri come Rancid, Social Distortion, MisfitsPennywise. Per l’occasione, ad aprire le danze ci saranno alcune formazioni fondamentali per il movimento Hardcore italiano. I romani Strenght Aprroach, anticiperanno due delle più famose band abruzzesi del genere, Straight Opposition e Cooffee Shower. Poi i MUD, appena usciti con il loro secondo disco From the Bottom, gli Still Nervous , gli X-Zone e, infine, i padroni di casa,  Radio Shakedown.

I biglietti sono in vendita sul circuito ciaoticket al prezzo di 15 euro (+ diritti di prevendita) e per qualsiasi informazione aggiuntiva è possibile contattare la Hellfire booking alle email info@hellfirebooking o consultare il sito internet www.hellfirebooking.com. Per le news in tempo reale è inoltre attiva la pagina Facebook dell’evento From the East Coast Fest.

Programma
Sabato 5 Agosto
dalle ore 18 in poi si esibiranno nell’ordine:
Still Nervous
X-Zone
Coffee Shower
MUD
Straight Opposition
Radio Shakedown
Strength Approach
H2O

Read More

Radio Shakedown – Burn Again

Written by Recensioni

A due anni di distanza dal precedente EP Cheaters Never Lose si riaffacciano sul panorama musicale i pescaresi Radio Shakedown. Le sei tracce di Burn Again, registrate presso l’Acme Recording Studio, sono quanto di più sfrontato si può chiedere al giorno d’oggi al Punk Rock. L’avvio è da infarto con “Something’s Gonna Come”, canzone che ci illustra come i due leitmotive dell’album saranno la voce sporca di Freddy e i cori, mai fuori luogo, intrisi dell’aroma degli Anti-Flag pre The Terror State e dei Face To Face periodo Vagrant Records. Le schitarrate presenti in “Wrecks”, ricche di stop ‘n’ go, solcano il cielo plumbeo squarciandolo con i classici due accordi che hanno reso celebre il genere agli albori. Il singolo, che dà anche il titolo al disco, è un grido d’insurrezione, un invito, senza mezzi termini, rivolto alla massa, tarda a risvegliarsi dalla catalessi che l’ha colpita, una bomba ad orologeria pronta ad esploderci in pieno volto. Dopo altre due tracce, dove si mantiene salda una spiccata devozione allo Street Punk degli U.S. Bombs, si arriva troppo velocemente alla conclusione con la ballata “Are You Having A Good Time”: un pezzo acustico ben costruito sulla falsariga delle doppie voci, un qualcosa di assolutamente inaspettato e sorprendente.

La scarsa durata è l’unica nota dolente. Ci lascia l’amaro in bocca constatare come in venti miseri minuti sia già tutto finito. Probabilmente era più il caso di aspettare di avere maggior materiale tra le mani ed uscire con un prodotto più corposo. Tolto questo, ciò che rimane è un lavoro impetuoso, pervaso da una marcatissima anima ribelle, da ascoltare e riascoltare. Sicuramente “This is Not The End”.

Read More

Ecco la line up del Columbus Summer Festival 2013 a Portomaggiore (FE).

Written by Senza categoria

Saranno The Bouncing Souls i protagonisti del Columbus Summer Festival 2013 a Portomaggiore (FE). Insieme a loro, tanti altri nomi di rilievo. Questa la line up completa presente al festival il 16 Giugno al Parco Colombiani di Portomaggiore:

THE BOUNCING SOULS
DIRTY DAY
DEAD RONNIES
RADIO SHAKEDOWN
LEGLESS
LINTERNO
SENZA SENSO
1 NIGHT STAND

Read More

Web Hosting