Jazz Rock Tag Archive

Fast Listening | Settembre 2016

Written by Recensioni

Sophia – As We Make Our Way (Unknown Harbours) (Alt Rock, Songwriting) 6,5/10
Dopo sette anni di silenzio i Sophia ritornano con un disco che miscela piuttosto sapientemente suoni elettrici ed acustici ma che paragonato al passato perde qualcosina a livello lirico (ma non pensate manchi di emozionare) e si appoggia spesso ad un sintetismo che non sempre convince. Nonostante questo il disco scorre via piacevolmente (parliamo di Sheppard dunque pesate bene il termine) tra Pop di elevata fattura (“Blame”) ed aperture più facili e solari (“California”, per quanto da quelle parti nel testo il sole non sia tutto passando per quei brani dalla classica intimità che da sempre contraddistingono questo valido progetto(“The Drifter”, “Baby, Hold On”), fino a giungere alla conclusiva “It’s Easy To Be Lonely”, tra i momenti migliori del disco con la sua ottima coralità, senza però far mancare lungo il percorso qualche piccolo passo falso (il Rock leggermente sintetico di “St.Tropez / The Hustle” proprio non convince). Per quanto qualcosa di meglio si potesse sicuramente aspettare il disco non delude e non possiamo dimenticare che è sul palco che Robin Proper-Sheppard (in solitudine come coi suoi compagni) aumenta a dismisura la sua travolgente intensità.

[ ascolta “Resisting” ]

uKanDanZ – Awo (Jazz-Rock, Ethio Jazz, Free Jazz, Noise ) 7,5/10
Terzo lavoro sulla lunga distanza per questo combo che fonde al suo interno un quartetto di ottimi musicsti Jazz di Lione (chitarra, basso, sax, batteria) e la voce di Asnake Guebreyes, bravissimo e carismatico cantante proveniente da Addis Abeba. Il disco sprigiona un’energia Punk Rock ispirandosi a canti della tradizione etiope. Il lavoro dei 4 musicisti ed il canto appassionato di Guebreyes si fondono in una miscela insana, enrgica e dalla grande e mai invadente dinamicità che rimane ardente anche durante “Gela Gela” il brano più tranquillo del lotto, con l’ottimo ed ipnotico lavoro della sezione ritmica, il sax e la chitarra sempre puntuali ed all’altezza della situazione durante i loro interventi ed una voce in questo caso più che mai evocativa. Il sound della band fonde perfettamente vari stili (non mancano neanche momenti che potremmo classificare come Rock Progressivo) creando una simbiosi perfetta dei due continenti che fanno da casa al quintetto, senza farcene mancare un terzo, parliamo ovviamente dell’America, patria del Free Jazz. Ascolto piacevole, ricco, pulsante, suggestivo, ed ovviamente consigliato.

[ ascolta “Tchuhetén Betsèmu” ]

Ramachandran – Marshmallow (Heavy Psych, Stoner ) 5,5/10
Il power trio toscano formato dalla voce di Sara Corso, dalla chitarra di Andrea Ricci e dalla batteria di Andrea Torrini sforna un concept che citando psicologi e neuroscienziati cerca, in modo anche ironico, di spiegarci come funziona il cervello. La voce della Corso può in alcuni casi far pensare ad una versione femminile di Ozzy Osbourne, chitarra e batteria sono sempre lanciatissime e infuocate eppure non sventrano mai. Non c’è molto da dire, il disco è composto da 6 brani che scorrono via in 22 minuti, ma che, gira e rigira la frittata, si somigliano forse un po’ troppo e cercano soluzioni (leggermente) diverse giusto in un paio di occasioni. Le capacità sicuramente non mancano, ma è indubbio che a questi ragazzi serva anche un pizzico di fantasia e di coraggio in più, e magari anche una registrazione meno sporca e, perchè no, l’aggiunta di un basso.
[ ascolta “Vilayanur” ]

Read More

Hypercolor – Hypercolor

Written by Recensioni

Quando si parte da premesse di stampo Jazz Rock basato sull’improvvisazione è sempre forte il rischio di confondere il limite che separa “la qualità dello strumento” dall’”anima di chi suona”, per parafrasare il sempre vivo Giovanni Lindo Ferretti. Sono due facce ben distinte che raramente collimano e quando lo fanno scatenano dei terremoti che lasciano il segno nella storia del Rock. Quanto questo accade nell’opera omonima degli Hypercolor, trio newyorkese composto da Eyal Maoz (chitarra), James Ilgenfritz (basso) e Lukas Ligeti (batteria)? Per dare una risposta plausibile non vi basterà un singolo ascolto delle tredici tracce d’esordio e tantomeno potrete udire il tutto con limitata attenzione.

Perché, come avrete intuito, la materia prima che i musicisti della grande mela si apprestano a (de) costruire è tutt’altro che sostanza di facile fruizione e lo stesso varrà per il risultato finale. Jazz Rock sperimentale, cenni di No Wave, incursioni fugaci nelle tradizioni del continente nero e tra le martoriate terre d’Israele, chitarre tesissime e ritmiche nevrotiche capaci di capovolgere il sound nel giro di una nota. Qualcosa di straordinario, detto così, ed invece con l’incedere del tempo il sapore che resta in bocca ha il tanfo di corde troppo anacronisticamente Hard Rock per suonare sincere e la stessa coppia Ilgenfritz/Ligeti  non riuscirà mai a tirare fuori il coraggio per soggiogare quel manierismo ridondante e un po’ antipatico di Maoz.

Proprio questo ci riporta alla domanda iniziale e la risposta è poco simpatica anch’essa. Nessun sisma si leverà dal suolo al suono di Hypercolor, nonostante le buone premesse della cavalcata psicotica “Squeaks”. Già con “Chen” e la successiva particolarmente dimessa “Forget” il quadro si farà più chiaro e sarà tutt’altro che un capolavoro. Unico momento davvero degno di nota si avrà con la potenza Psych Noise di “Palace” ma sarà l’unica parentesi positiva, insieme alla schizoide “Transist”, di due facce entrambe senza alcuna espressione vitale.

Read More

Web Hosting