Thrash Metal Tag Archive

“M.K.M.A. (Merry Kiss My Ass)”, il nuovo singolo dei Marijuanal

Written by Senza categoria

Partiti da Rovigo, con “Stoned Punk” i Marijuanal si sono fatti notare in tutto il mondo grazie alla dose massiccia di adrenalina che caratterizza i loro brani e all’attitudine verso un sound potente, devastante eppur melodico, fatto di thrash metal, punk, hardcore e j-rock, fusi con testi ispirati alla quotidianità. In attesa del prossimo lavoro sulla lunga distanza, Spear e Piledriver hanno deciso di concentrare tutta la loro energia e la loro tagliente vena critica per scaraventarla contro una delle feste più amate/odiate al mondo, quella del Natale. “M.K.M.A. (Merry Kiss My Ass)” è il frutto di questa riuscita operazione: un nuovo potentissimo singolo che musicalmente è un omaggio al punk rock di scuola giapponese, con accordature ribassate tipicamente metal, sound old school e una curatissima pulizia del suono, attraverso cui i Marijuanal raccontano il disagio del protagonista di fronte alle ipocrisie delle rimpatriate natalizie con i parenti.

Read More

Banana Mayor – Zombie’s Revenge

Written by Recensioni

Provenienti da Bari, i Banana Mayor, dopo 8 anni di convivenza e di attività live, danno alla luce il loro primo EP autoprodotto dal titolo Zombie’s Revenge. Meno di trenta minuti sparsi in sette tracce. Se è vero che l’occhio vuole la sua parte, sorvolerei sulla cover in bianco e nero tutt’altro che spettacolare. Ma in fondo i ragazzi stessi non hanno fronzoli, sprigionano violenza da tutti i pori, concentrandola nel loro Stoner Rock camuffato da Thrash Metal (o sarebbe più corretto dire il contrario?). Lo spazio per siparietti zuccherosi è pari a zero, si schiaccia il tasto PLAY e poi si poga a testa bassa come forsennati per l’intera durata del disco. Se fossero originari del Texas non avremmo dubbi che avrebbero un futuro roseo davanti, qui in Italia la strada è più impervia. Ho citato il Texas perché sia il cantato growlche i riff poderosi della chitarra hanno rievocato in me antichi echi di panteriana memoria. Certo, a volte le atmosfere polverose della scuola Stoner fanno capolino, come in “Gala”, dove anche le cleanvocals sono meno centellinate rispetto alle altre songs. Non illudetevi troppo però: i quattro pugliesi sono cattivi e picchiano come fabbri. La quintessenza della loro furia sono i due capitoli che compongono il brano “Dualism”, stracolmo di tempi tiratissimi e muri sonori incrollabili. Chiude l’opera “Shadows Arise”, un’ecatombe messa in note, che non trovando pace, implode sfumando.

Beceri come i Pissing Razors, sudisti come masticatori di tabacco, rabbiosi come se fossero originari di Arlington: questo sono i Banana Mayor. Peccato che ogni canzone sia troppo somigliante all’altra, colpa anche del genere suonato. Mi piacerebbe sentirli presto dal vivo. Potrebbe essere un bagno di sangue.

Read More

Hatesphere – Murderlust

Written by Recensioni

Ed ecco qui Murderlust l’ottavo disco degli Hatesphere, band Thrash Metal proveniente dalla Danimarca e con alle spalle una carriera di tutto rispetto. Il platter esce a distanza di due anni dal discreto The Great Bludgeoning e a dirla tutta poco è cambiato nella loro proposta, partendo dal sound fino alla struttura dei pezzi. Insomma riascoltiamo ancora una volta il vocione di Kruge accompagnato da massicci riff schiacciasassi, il che non mette assolutamente in dubbio la tecnica e le capacità dei ragazzi ma trattasi di un andazzo che ad un certo punto annoia e in certi momenti diventa insostenibile. A parer del sottoscritto è il marchio di Pepe, l’unico membro stabile, la sua unica influenza, a trainare tutto. La band come sempre ci sa fare nel senso che gli strumenti li scuotono, la batteria picchia ma è sempre la stessa formula, niente di più e niente di meno.

La cosa strana sta nel fatto che questa sorte di passività o meglio ancora di ripetitività è presente da tempo, nonostante i diversi cambi di formazione che la band ha subito. Certo il periodo d’oro di Ballet of the Brute o di The Sickness Within ha giovato loro molto portando a galla il meglio della band ma da li in poi sono andati a ritroso e Murderlust non è certo un nuovo punto di partenza o la loro ripresa. Purtroppo non c’è molto da dire; Murderlust è piatto e contiene tracce che presentano una struttura a dir poco scontata; addirittura mancano assoli coinvolgenti, il che lascia un po’ l’amaro in bocca perché gli Hatesphere se vogliono sanno come comporli e dove metterli. Concludendo non posso che sperare in una vera ripresa della band; è uno dei gruppi di punta della Danimarca ed il loro nome ha un certo peso nel Thrash moderno. Assolutamente devono cercare il modo per tornare alla ribalta.

Read More