the pains of being pure at heart Tag Archive

The Pains of Being Pure at Heart @ Plaza Mariano de Cavia (Las Armas) Saragozza (Spagna) | 11.10.2017

Written by Live Report

La Tosse Grassa – Tg4

Written by Recensioni

La Tosse Grassa è un culto più che una one man band demenziale, cattivo e ironico come mai nessuno in terra italica; irriverente e totalmente contro tutto quello che i puristi del Rock possono considerare musica. Un culto ormai attivo dal 2011 e con quattro dischi alle spalle (Tg4 compreso) del tipo che riesce a rapire tanto quanto a disgustare, spaccando inevitabilmente gli ascoltatori tra adepti e nemici. Se non avete mai origliato null’altro di quest’omaccione marchigiano preparatevi al peggio perché la prima volta che lo farete, le vostre reazioni saranno un misto tra “che merda è questa?”, “stiamo scherzando?” e altre dichiarazioni di questo stampo. Poi potranno accadere due cose. Non vi azzarderete mai più a pigiare il tasto play oppure proverete un’imbarazzante voglia di dare ascolto ancora e poi ancora e poi ancora i brani di uno dei Tg (i suoi album).  La cosa più strana è che non riuscirete a capire il perché di questa voglia e avrete paura di quello che siete, un po’ come quando nella testa ci passano pensieri talmente cattivi, sadici e meschini da farci vergognare di noi stessi.  Dal vivo La Tosse Grassa è esperienza delirante e divertente grazie anche allo pseudo corpo di ballo Radical Macabre Tanzkommando ma per ora, in attesa della nuova stagione live, dobbiamo accontentarci di questo nuovo lavoro in studio, che poi dire “in studio” è piuttosto un’esagerazione, visto il livello Lo Fi della registrazione. Chiarito ai miscredenti quale sia la follia dietro al culto, resta da capire di che diavolo di roba si stia parlando. Autodefinitosi un incrocio tra GG Allin, Madonna ed Elvis Presley in realtà il nostro non fa altro che miscelare brani preesistenti a formare delle basi spesso di stampo danzereccio, sulle quali piazza delle liriche aggressive, sarcastiche, che affrontano temi di stampo sociale e umanistico, oppure semplicemente raccontano storie folli, senza mai eccedere con l’ostentazione biografica. A differenza degli episodi precedenti, sono meno i brani sessualmente o blasfemicamente rilevanti (“Voglio la Pensione”) e più quelli intimi.

In realtà non ci sono episodi esasperatamente eccessivi come potevano essere “Lo Vuoi nel Culo”, “Gay Porn”, “Ho Male a te” (ho male al cazzo, ho male al cazzo, ho male a te), “Robuste Dosi di Cazzo” in TG1, “Ti Apro il Culto” (più per l’uso dell’inno italiano che per le bestemmie) in TG2, “Marchigian Routine 2” (se vi danno fastidio le bestemmie, questo pezzo sarà il vostro demonio) in TG3. Satira politica estrema dunque (“Tentacoli”, “Lutto Nazionale”) e attacchi pesanti al sistema comunicativo (“Sono Io il Suffragio Universale”, “Adam Kadmon”) ma anche storie divertenti (“Me La Dai la D.I.”) o aggressioni verbali ai nuovi loser come i malati di gioco d’azzardo da bar (“Just Cavalle”) e la stupidità in genere (“Mentalità” che canta forza Juve, viva il duce, Vasco Vasco alé alé), o racconti pesanti di squilibri mentali (“NSFW”) e deliri cimiteriali (“Never Forget Cimitero”, “Afoto Patomba”). Rispetto ai Tg precedenti sono meno anche i brani veramente memorabili, a modo loro, ma in tracklist c’è forse la più bella cosa mai scritta dal genio (passatemelo, dai) di Recanati (forse al pari di “Sei Qui Solo per le Telecamere” che puntava su ritmi ballabili e potenti). “C’ho una Persona Dentro” è un pezzo introspettivo, l’unico realmente in prima persona, sia a livello musicale sia testuale in cui La Tosse Grassa (usando per la base Massimo Ranieri – “Perdere L’Amore”, Arcade Fire – “Rebellion (Lies)”, Kirlian Camera – “Ascension” e Riz Ortolani – “Cannibal Holocaust”) racconta di come, nel profondo del suo animo, viva uno spirito capace di metterlo in una condizione di accettazione anche nei confronti di tutto ciò di più fastidioso e ingiusto ci circondi nella vita di tutti i giorni (c’ho una persona dentro che mi fa stare allegro /quando vado a fa spesa e mi chiama capo un negro /c’ho una persona dentro che non dice “capo un cazzo” /ma sorride al ragazzo).

Come detto, la parte musicale è essenzialmente composta di miscele di brani di altri, quindi, superato lo sconcerto iniziale e una volta presa familiarità con i testi assurdi, potreste divertirvi a scovare da quali brani siano formate le canzoni, considerando che La Tosse Grassa ha sempre mostrato una grande conoscenza del mondo della musica, senza mai palesarsi banale nelle scelte, anzi tirando fuori perle notevoli e ostentandosi attento anche alle novità meno mainstream. Qualche suggerimento: Johnny Cash – “Ring Of Fire”, The Cramps – “Garbageman”, Frankie Knuckles – “Your Love”, Kraftwerk – “Numbers”, The Pains of Being Pure at Heart – “Simple And Sure” e tantissimi altri. Per chi avrà apprezzato le cose più movimentate dei capitoli precedenti, sicuramente degne di nota e di sicuro impatto in chiave live vanno considerate “Me La Dai la D.I.” e “Never Forget Cimitero” mentre interessanti sono anche “Mentalità” e “Afoto Patomba”. Arrivato alla fine, viene da chiedersi come si possa esprimere un giudizio reale su un disco del genere perché non esiste assolutamente nulla di paragonabile e TG4 può essere visto sotto una duplice veste. Da un lato muove il gusto per il macabro, il brutto, il rivoltante, che è parte integrante del nostro essere. Dall’altro è un’idea intelligente messa in piedi nella maniera più grezza possibile, orrida in un certo senso ma perfetta per rendere il concetto. Paragonato ai dischi precedenti, TG4 deluderà solo i più legati alla carnalità volgare degli esordi mentre non lo farà affatto con chi ha amato anche il più intelligente messo in mostra nelle ultime cose. In senso assoluto TG4 è un disco volutamente brutto, un album che dovete assolutamente ascoltare una volta, almeno per poter dire con certezza che mai più lo farete ma attenzione, c’è il forte rischio di trovarvi anche voi invischiati nella merda fino al collo, dentro il culto de La Tosse Grassa.

Read More

LARS ROCK CONTEST. Vuoi aprire ai Massimo Volume?

Written by Senza categoria

Il Lars Rock Fest non dimentica di avere un occhio di riguardo verso il panorama emergente del territorio mettendo in palio un posto nella line up del festival per la serata del 13 Giugno. Nasce così il “Lars Rock Contest” grazie al quale verrà scelta una band fra tutte quelle iscritte che avrà la possibilità di aprire il concerto a Massimo Volume e Radio Moscow.

REGOLAMENTO E MODALITA’ DI PARTECIPAZIONE

1) PARTECIPANTI: il concorso è aperto a tutti, singoli artisti o band (escluse cover/tribute band e musica classica). Solo musica originale. L’età dei partecipanti deve essere maggiore di 18 anni.

2) ISCRIZIONE: inviare all’indirizzo larsrockcontest@gmail.com una email contenente esclusivamente i seguenti dati:

– Nome della band;

– Numero dei componenti;

– Luogo di provenienza;

– Link al vostro materiale audio (soundcloud, bandcamp, ecc.) e ad un video (youtube, vimeo, ecc.) possibilmente riferito ad una vostro live;

– Email e numero di telefono di un referente;

– Scheda tecnica contenente channel list e stage plan.

3) SCADENZA: il contest inizia il 01/04/2014 e termina il 30/04/2014. Saranno accettate e valutate soltanto le proposte pervenute all’indirizzo sopra indicato entro queste date.

4) CRITERI DI SELEZIONE: la band vincitrice sarà insindacabilmente scelta da una giuria composta dai membri del reparto Musica del G.E.C. – Gruppo Effetti Collaterali. Il nome del vincitore sarà comunicato entro il 10 Maggio 2014.

5) PREMI: I vincitori apriranno la serata del 13 Giugno 2014 (headliner: MASSIMO VOLUME). L’organizzazione contribuirà inoltre offrendo impianto audio/luci (no backline), vitto, alloggio ed un rimborso spese pari a 200€. La band dovrà inviare, entro il 12 Giugno, l’agibilità ENPALS per tutti i membri.

6) VARIE: La partecipazione al contest è libera e gratuita. Pertanto i partecipanti non potranno accampare, nei confronti dell’organizzazione, alcun tipo di pretesa per aver concorso e inviato il proprio materiale. Gli organizzatori si riservano di annullare, in ogni momento, il concorso.

Per maggiori informazioni:

larsrockfest@gmail.com

http://larsrockfest.blogspot.it/

https://www.facebook.com/LarsRockFest

LARS ROCK FEST 2014 – Programma ufficiale:

Venerdì 13/06

MASSIMO VOLUME (IT)

Radio Moscow (USA)

Opening act: band vincitrice “Lars Rock Contest”

——————-

Sabato 14/06

THE PAINS OF BEING PURE AT HEART (USA)

Le Capre a Sonagli (IT)

Read More

Sherwood Festival: concerti a 1 euro

Written by Senza categoria

Inizia a comporsi il cartellone di Sherwood Festival 2014: dopo l’annuncio dei Die Antwoord come primi headliner, oggi annunciamo tutta una serie di live – di primissimo livello – alla cifra simbolica di 1 euro.
Ormai formula consolidata e distintiva della rassegna culturale e musicale padovana, quella del “1 euro può bastare”.
L’apertura, l’11 giugno, è affidata alla travolgente formazione di patchanka italo-argentina Espana Circo Este, insieme ai F.A.S.K. (ovvero il progetto rock perugino Fast Animals and Slow Kids) che presenteranno il nuovo disco Hybris.
Il 13 giugno il trio pisano Zen Circus presenterà al pubblico di Sherwood il nuovo disco Canzoni Contro la Natura, che ha debuttato subito in top 10 nella classifica ufficiale dei dischi più venduti in Italia. Il 15 giugno, Sherwood – in collaborazione con Radar festival – presenta il live del quartetto newyorkese Pains of Being Pure at Heart che presenteranno a Padova – per una delle quattro date italiane – il loro nuovo disco in uscita a maggio. Il 18 giugno, il palco sarà tutto per i 99 Posse, tornati di recente alla ribalta per Curre Curre Guagliò 2.0, versione arricchita di alcuni inediti dello storico album degli anni ’90, punto di riferimento per la scena alternativa e militante italiana.

A luglio, sul palco (e sempre a 1 Euro): il cantautore Brunori Sas (2 luglio) che presenterà il nuovo e acclamato disco Il Cammino di Santiago in Taxi; i Perturbazione, applauditi performers arrivati sesti al Festival di Sanremo, in tour per presentare il nuovo album – il settimo disco della band attiva da vent’anni – Musica X (5 luglio). Infine, dopo 11 anni, il ritorno live degli Estra, il gruppo di Giulio Casale che da Treviso ha conquistato la scena nazionale e ora torna con un tour e materiale inedito per i fan (18 luglio).

SHERWOOD FESTIVAL 2014 / :: line up in via di definizione ::
www.sherwood.it
11 Giugno – 19 Luglio c/o Parcheggio Nord Stadio Euganeo – Padova
11/06 | Espana Circo Este + F.A.S.K. (apertura festival)
13/06 | The Zen Circus
15/06 | Sherwood in collaborazione con Radar: The Pains Of Being Pure At Heart
18/06 | 99 Posse
22/06 | Die Antwoord
25/06 | Dub Fx
27/06 | Caparezza – presentazione nuovo album
02/07 | Brunori Sas
05/07 | Perturbazione
06/07 | New York Ska Jazz Ensemble
11/07 | Afterhours
16/07 | Radar Festival Day One con SLOWDIVE live – prima data italiana reunion tour
18/07 | Estra

Read More

The Pains of Being Pure at Heart in Italia

Written by Senza categoria

Un attesissimo tour quello dei The Pains of Being Pure at Heart, pronti ad affascinare gli appassionati dell’indie pop americano di cui la band è degna esponente. La band presenterà il suo ultimo lavoro discografico, Days of Abandon, in quattro occasioni diverse:

sabato 14 Giugno 2014
a LARS ROCK FEST di CHIUSI (SI)
ingresso gratuito

domenica 15 Giugno 2014
al RADAR FESTIVAL PREVIEW @ SHERWOOD di PADOVA
ingresso 1,00

lunedì 16 Giugno 2014
al ROMA POP FEST PREVIEW @ TRAFFIC di ROMA
ingresso 13,00

martedì 17 Giugno 2014
al HANA-BI di MARINA DI RAVENNA (RA)
ingresso gratuito

)

Read More