Lucio Corsi Tag Archive

Baustelle @ Teatro Massimo, Pescara | 19.04.2017

Written by Live Report

Il contagioso Synth Pop dei Baustelle è difficilmente conciliabile con la necessità di tenere fermo il culo su un posto a sedere numerato, ma tant’è, a Bianconi e soci i teatri piacciono un sacco, e il promo tour de L’Amore e La Violenza sta passando per i più suggestivi della Penisola.

(foto di Antonello Campanelli)

Continue Reading

Read More

[CONTEST] Questo venerdì Linoleum con i Revo Fever | vinci una copia di “Vivere il Buio”

Written by Eventi

Continuano gli appuntamenti targati Linoleum, questo venerdì 7 aprile con Revo Fever, Bruuno e Malkovic al Rock’n’Roll di Milano.

Continue Reading

Read More

10 SONGS A WEEK | la settimana in dieci brani #27.01.2017

Written by Playlist

10 SONGS A WEEK | la settimana in dieci brani #01.07.2016

Written by Playlist

Lucio Corsi: il nuovo album in uscita questo autunno per Picicca Dischi.

Written by Senza categoria

Un talento purissimo. Avevamo iniziato a tenere d’occhio il giovanissimo cantautore toscano Lucio Corsi all’uscita del suo ep di debutto Vetulonia/Dakar. Atmosfere bucoliche, una schiettezza di provincia e un immaginario a metà tra il fiabesco e il contadino. La notizia è che il nuovo disco di Lucio uscirà questo autunno proprio per Picicca Dischi (Brunori Sas, Non Voglio che Clara, Dimartino, Giuradei) ed è stato prodotto da Federico Dragogna dei Ministri (già al lavoro con Iori’s Eyes e Le Luci della Centrale Elettrica).

Read More

Lucio Corsi – Vetulonia Dakar

Written by Recensioni

Ultimamente ho una certa difficoltà nel capire i gusti musicali dei teenager di questo periodo storico, mi sono sempre più convinto che, ahimé, il modello inculcato dai vari talent show abbia generato un appiattimento creativo senza ritorno in cui tutto ciò che non è facilmente fruibile e rispettoso dei canoni ammiccanti musical-televisivi non possa in nessun modo trovare degli sbocchi. Fortunatamente mi sbaglio, e me ne sono accorto  grazie al disco d’esordio di Lucio Corsi intitolato Vetulonia Dakar. Lucio è un ragazzo molto giovane, diciannove anni, che arriva dal grossetano, per la precisione da Val Campo di Vetulonia, e il suo EP è una piacevole scoperta. Sia chiaro fin da subito, non è un disco di rottura che da il LA a nuove sonorità nel panorama alternativo italiano, non rivoluziona il modo di concepire la musica, niente di tutto questo. Piuttosto utilizza gli strumenti classici della musica cantautorale ed esprime semplicemente se stesso e la sua stravagante personalità, aspetto non marginale per un ragazzo della sua età.

Gli arrangiamenti sono essenziali, si accompagna quasi esclusivamente con la chitarra acustica, e mantiene in tutto il disco un profilo lo-fi, quasi casalingo, che esalta i suoi testi e la sua interpretazione, ricorda decisamente il Bugo westernato dei primi tempi. La sua scrittura ha un approccio sensoriale, si affida alle sensazioni dirette, le osserva e le vive, e poi da queste  prende ispirazione per le canzoni. Come già detto, arriva dalla Maremma, e il suo contesto natio è quello rurale e in tutti i brani è continuo il riferimento alla terra e agli animali, elementi che danno vita a metafore intriganti e giocose tipo Quando l’uomo di cocomero ebbe voglia di cocomero, lui si mangiò!. Ha uno stile maturo, non risolve mai un verso con rime scontate, e utilizza la metrica in maniera disinvolta da autore consumato, ciò è sicuramente l’aspetto più notevole e sorprendente del disco, supportato da una timbrica vocale che, anche se palesemente di ragazzino, è marcata e sicura.

Ne è la prova la canzone che chiude il disco, “Canzone per me”, che parla di un rapporto svanito e ormai lontano  senza scendere mai a facili sentimentalismi. Anche se solo il 10% dei teenager italiani fosse come Lucio Corsi, mi sentirei molto più sereno.

Read More