Abbi Cura di Te Tag Archive

Avere cura di sé || Intervista a Levante

Written by Interviste

È un pomeriggio di metà settembre, inspiegabilmente afoso per essere a L’Aquila. La scia dell’estate appena trascorsa è di buon auspicio per il live di questa sera, penultima data del tour di Levante, al secolo Claudia Lagona, cantautrice siciliana trapiantata a Torino che deve il successo a uno sconosciuto di nome Alfonso.

Continue Reading

Read More

Levante 18/09/2015 [Photo Report]

Written by Live Report

Abbiamo scambiato quattro chiacchiere con Levante prima del live di venerdì scorso al Parco del Castello di L’Aquila.
In attesa di leggere l’intervista godetevi questo bellissimo photo report.

Photo Credits © Beatrice Ciuca

12045694_10207666189397982_3855050547770142825_o 12038954_10207666164917370_4663897721832867787_o 12034429_10207666180277754_4294919473197581094_o 12034315_10207666186837918_6141236701475807016_o 12031449_10207666170877519_1767643275509575274_o 12030325_10207666175357631_707673366824464050_o 12029609_10207666184237853_3333891253833548540_o 12029567_10207666174797617_7207076594749366075_o 12028659_10207666164357356_3162814066029667628_o 12027341_10207666188797967_6161436349072845537_o 12022593_10207666182317805_6350779620513949502_o 12017606_10207666183357831_7904330243610096908_o 12017498_10207666174197602_6194259668032108111_o 12015095_10207666166757416_2935768997174874121_o 12010612_10207666174317605_8953635065564912389_o 12006698_10207666168037448_3476002178155433262_o 12006593_10207666164597362_1716837260448054885_o 12006554_10207666190318005_2202374862925949673_o 12002583_10207666177797692_3883114511407539473_o 12001043_10207666186397907_4833329027091520201_o 12000959_10207666169437483_9212529853666066395_o 11999755_10207666164957371_4300174831163644387_o 11887547_10207666190398007_1995633992313726771_o 11879066_10207666178117700_1301084768447783429_o 11802663_10207666169037473_9165105070471895379_o 11754729_10207666167317430_1762510015322472388_o 11223671_10207666187437933_1025872530576884134_o 11036417_10207666188357956_8565616579683632522_o

Read More

Paolo Nutini 15/07/2015

Written by Live Report

Il concerto di Paolo Nutini a Pescara era uno degli eventi che in zona erano più attesi. Il cantautore scozzese tornava infatti nella cittadina adriatica dopo ben tre anni (era stato ospite del Pescara Jazz risultando l’evento più seguito della rassegna del 2012) portando con sé una band di ben nove elementi. Prima di lui erano previsti i Thegiornalisti (che hanno annullato l’esibizione appena un giorno prima comunicandolo tramite il loro account Twitter e la loro pagina ufficiale Facebook) e Levante. Quest’ultima ha dato prova della sua bravura in poco più di mezz’ora pescando brani dal suo repertorio e infiammando il pubblico con la sua hit più conosciuta “Alfonso”. Si presenta sul palco in jeans e camicia (tenuta poco idonea per il caldo della giornata come lei stessa ha tenuto a puntualizzare) e con la sua chitarra acustica color pastello. La sua è una bellezza tipica mediterranea fatta di lineamenti naturali e il pubblico sembra gradirla nonostante non si presenti svestita come fanno spesso molte sue colleghe approfittando del loro sex appeal. Il suo secondo album Abbi Cura di Te ha segnato il suo passaggio dalla Inri alla Carosello rendendone ancor più evidenti le sue qualità di autrice. Del resto ormai il suo nome ha iniziato a circolare anche all’estero avendo preso parte recentemente al prestigioso festival “South by Southwest” di Austin nel Texas.

Alle 22:02 è la volta di Paolo Nutini, che sale on stage invocato a gran voce dal pubblico dopo una breve introduzione. Il suo look è da vera rockstar, camicia a quadri rosso-nera apertissima sul petto che lascia a bocca aperta le ragazze presenti e un paio di jeans. Le movenze sono un mix perfetto fra Mick Jagger  e Bruce Springsteen, pur essendo forse un po’ troppo statico sul palco (ma capace di ammaliare il pubblico spingendosi talvolta persino vicino alle transenne). Pur risultando poco loquace riesce sempre a stabilire la giusta alchimia fra lui e i presenti che gli dedicano persino dei cartelloni a lui inneggianti nelle prime file. Il rapporto che lo lega all’Italia (forse non tutti sanno che suo padre era di discendenze toscane) è davvero forte, tanto da arrivare a proporre anche una cover di “Guarda che luna” del grande e compianto Fred Buscaglione durante uno dei bis durante i quali però dimentica di presentare la sua band. Un rapporto che ha saputo costruire nel tempo, in soli tre album (“These Streets”, “Sunny Side Up” e il recente “Caustic Love”), con piccoli ma grandi gesti, come quello del mese scorso a Trieste, quando ha cantato davanti la sala matrimoni del Comune un miniset di tre canzoni in acustico per i circa duecento che avevano resistito alle intemperie che lo avevano costretto a cancellare all’ultimo momento la sua esibizione.

I dati della data pescarese invece parlano chiaro: oltre due ore per due concerti di due grandi artisti, una italiana e uno scozzese, per circa 4000 paganti; cifre impressionanti per una regione quale l’Abruzzo che sta puntando sempre più sui suoi eventi per “creare” nuovo turismo. Cifre che fanno ben sperare nel futuro musicale del territorio, trascurato dai grandi tour in passato ma che aprono uno spiraglio nuovo per una realtà assetata di concerti. Ed ora si inizia già a pensare all’edizione 2016 di Onde Sonore Festival che si afferma sempre più come miglior festival Rock abruzzese.

Read More

Web Hosting