Pills Catorze Setmanes (consigli per gli ascolti)

Written by Articoli

“Le Pills sono la speranza di chi speranza non ne ha più.”

Poche pillole oggi ma forti come ne avete mai prese. Dall’innovazione psichedelica del post-punk a stelle e strisce dei Red Temple Spirits, all’album dei Crash Test Dummies che regalò al mondo una delle hit più note di sempre. Dal Pop dei leggendari U2 allo Stoner di Stoned Jesus, passando per realtà tutte italiane come i Good Morning Finch. Buon ascolto

Silvio Don Pizzica
Sightings – Terribly Well   (Usa 2013)   Noise Rock     3,5/5
Una delle più importanti band Noise post fine millennio al suo decimo full lenght si mostra in tutta la sua schizzoide vena sperimentale e cacofonica con diversi cedimenti in fase compositiva e propositiva. Album per soli fanatici e affezionati (come me) di un pezzo di storia moderna del rumore.
The Thermals – Desperate Ground   (Usa 2013)   Lo-fi Garage, Pop Punk   3/5
Se cercate canzoni dall’attitudine Garage Punk e lo spirito Pop,  che sappiano farsi ascoltare per quello che sono, fulminee e genuine, che non vi annoino troppo presto e vi mettano voglia di essere vivi, le classiche hit indie paraculo da classifica anglofona, dentro questo ultimo lavoro dei Thermals c’è da pescare a piene mani.
Red Temple Spirits – Dancing to Restore an Eclipsed Monn   (Usa 1988)   Post-Punk   4/5
Un pezzo di storia Post-Punk. Lontano dal cuore della Gran Bretagna, nell’assolata Los Angeles, col loro disco d’esordio riuscirono a miscelare atmosfere gotiche e psichedeliche dando al genere una nuova linfa spirituale.

Max Sannella
Cowboy Junkies – The Trinity Session   (Can 1988)   Psichedelia   4/5
Il ritorno all’indipendenza del rock dei bassifondi, tra atmosfere bucoliche e coliche urbane.
Crash Test Dummies  –  God Shuffled His Feet    (Usa 1993)   Pop Folk   5/5
La svolta pop e radiofonica di Brad Robert e Soci, con il singolo Mmm  Mmm  Mmm  sbancano il mondo.
The Cranberries – Uncertain   (Irl 1991)   Pop Rock   3/5
La band capitanata da Dolores O’Riordan esordisce con un disco che rimbomba di spirito critico, ma vincente.

Marco Lavagno
The Tallest Man On Earth – There’s No Leaving Now    (Sve 2012)   Cantautorato/Folk   4/5
La barca è una soffice nuvola, la strada è un gelido oceano, il viaggio è un sogno appeso alla tenue voce di Kristian Matsson. Speriamo di svegliarci il più tardi possibile.
U2 – The Unforgettable Fire   (Irl 1984)   Pop/Rock   4,5/5
Il primo approccio della band irlandese verso le terre americane e i suoi deserti (spirituali e fisici) è un esperimento pienamente riuscito. E poi la sola chitarra di The Edge è capace di riportare in superficie una luce sommersa tra le macerie della musica anni 80.

Diana Marinelli
Good Morning Finch – Cosmonaut   (Ita 2013)   Post Rock   3,5/5
Il trio siciliano che ripercorre le strade del classico Post Rock e che riesce, con questo secondo ep, a varcare i confini italiani, dal Giappone agli Stati Uniti.

Ulderico Liberatore
Stoned Jesus – Seven Thunders Roar    (Ucr 2012)   Stoner Rock    4,5/5
Continua il filone Stoner, vi presento il suo ritorno prepotente in versione Ucraina che sicuro non è la California ma ha saputo dare a questi tre ragazzi la giusta ruvidezza nell’esporre i propri contenuti.

Last modified: 20 Aprile 2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Web Hosting