Fontaines D.C. @ Barezzi Festival, Parma | 06.11.2021

Written by Live Report

La consacrazione live di una delle band più importanti in circolazione, semplicemente imperdibile.

Diciannove lunghi mesi: tanto è passato dall’ultima volta in cui chi scrive aveva visto in concerto una band straniera. Da allora, tra cancellazioni, posticipi e altre sfortune assortite, il nulla cosmico. Almeno fino allo scorso sabato 6 novembre, quando evidentemente gli astri si sono riallineati e il tutto si è svolto come da programma, come era normale che fosse prima che la pandemia irrompesse nelle nostre esistenze: una band che adori annuncia una data, tu compri il biglietto, ti organizzi, vai al concerto nel giorno prefissato e te lo godi appieno, ti senti vivo. Sembra poco, eppure a volte è tutto.

***

La seconda data italiana in assoluto dei Fontaines D.C. è anche l’unica che il quintetto irlandese tiene quest’anno nel nostro paese, prima di tornare a marzo del 2022 in quel di Milano. E, per sgomberare il campo da ogni dubbio, diciamolo subito: è stato un vero trionfo. Tra le band che maggiormente hanno contribuito a definire suoni ed estetica della nuova ondata post-punk degli ultimi anni, il gruppo ha confermato dal vivo tutta la sua potenza sonora e presenza scenica, oltre ad un’attitudine sul palco davvero impagabile.

Forte del grande successo dell’acclamatissimo sophomore A Hero’s Death, uscito lo scorso anno per la Partisan Records e che di fatto ha stupito chiunque per maturità e complessità, il gruppo guidato da Grian Chatten dimostra un’invidiabile padronanza dei propri mezzi e sicurezza di sé, il che stupisce ancor di più se si pensa all’età media dei componenti e ai soli due album all’attivo. Ed è proprio Grian a catturare immancabilmente l’attenzione: sul palco si presenta in tuta e con dei fiori da donare alle prime file, col suo schizofrenico girare in tondo che ormai è diventato un tratto distintivo dei concerti dei Fontaines.

La sontuosa cornice del Teatro Regio di Parma impreziosisce ulteriormente una performance tirata, precisa, senza fronzoli: un’ora esatta di esibizione, sforata grazie ai due brani del bis. Niente pause, solo qualche “grazie” e un “buonasera” sbiascicato da Grian qua e là, e va benissimo così.

***

La setlist pesca ovviamente a piene mani dai due dischi della band, con una curiosa prevalenza di brani dal debutto di Dogrel. L’apertura è affidata alla splendida A Hero’s Death, con l’antemico “life ain’t always empty” scandito da Grian che fa subito correre un brivido sulla schiena. Brividi che tornano su I Don’t Belong, perfetto esempio di quanto la musica dei Fontaines D.C. sia intrisa di una malinconia di fondo cupa e affascinante.
La doppietta Hurricane Laughter / Too Real fa tremare il teatro, con la band che sprigiona finalmente tutta la propria irruenza punk e un pubblico in visibilio che a stento riesce a restare seduto sui propri posti. Ne sa qualcosa un manipolo di irlandesi in galleria che a un certo punto molla tutti gli ormeggi e inizia a ballare e a cantare a squarciagola: una di quelle scene che, a viverle oggi, viene quasi da commuoversi.

Le sferzanti linee di basso di Televised Mind precedono la chiusura con la fantastica Boys in the Better Land, tra i brani più famosi del repertorio della band, prima del bis chiamato a gran voce da tutto il teatro: i Fontaines D.C. si congedano con la sempre coinvolgente Liberty Belle, e a quel punto tra i presenti sono pochi quelli rimasti ai propri posti, con la platea divenuta ormai una vera e propria sala da concerto.
I cinque lasciano il palco tra gli applausi scroscianti del pubblico: la prima data del post-pandemia è stata probabilmente ancor più trionfale di quanto ci si potesse attendere, e a questo punto la voglia di vederli in un contesto in cui poter stare piedi ed essere liberi di scatenarsi è quasi irrefrenabile.

***

Che i Fontaines D.C. siano una delle più importanti band rock attualmente in circolazione non lo scopriamo certi oggi, ma quel che è certo è che vederli dal vivo è una delle esperienze più elettrizzanti che un appassionato di musica possa attualmente fare. Con buona pace di chi continua a credere che la musica fatta con le chitarre sia ormai morta e sepolta da decenni.

SETLIST

A Hero’s Death
A Lucid Dream
Sha Sha Sha
Chequeless Reckless
You Said
I Don’t Belong
The Lotts
Living in America
Hurricane Laughter
Too Real
Big
Televised Mind
Boys in the Better Land

Encore
Roy’s Tune
Liberty Belle

LINK

Sito web
Facebook
Instagram

SEGUICI

Sito web Facebook Instagram Twitter Spotify

Last modified: 8 Novembre 2021