Interviste

Deambula Records

Written by Interviste

Una bellissima realtà della musica italiana risponde alle domande di Rockambula, signori l’etichetta Deambula Records…

Prima di tutto un caloroso saluto ai ragazzi di Deambula Records, come vi sentite in questo autunno appena arrivato?

Marco/Silvia: Quest’inizio di stagione ci vede alle prese con la promozione delle imminenti produzioni previste per fine anno, parallelamente, siamo in fase di registrazione e produzionie (in questo caso artistica) sulle future releases del 2012. Quindi in pieno fermento!

La vostra etichetta si sbatte molto nel panorama indipendente italiano, ci volete dire come siete nati e dove volete arrivare?

M: Nel 2006 avevo appena finito di registrare “Erotomania” dei Marigold e dopo aver notato la superficialità con cui le diverse etichette si approcciavano alle produzioni, sminuendo totalmente il valore potenziale di un progetto artistico, decisi di creare DeAmbula Records. Realtà nata quindi inizialmente per esigenze personali, per poi ampliarsi via via a nuovi progetti e nuovi approcci di condivisione artistica. Pensando al futuro, l’idea rimane sempre quella di costriure buoni rapporti personali ed artistici con i nostri Artisti ma anche con coloro che ci seguono e ci sostengono attivamente.

Avete generi musicali precisi da produrre oppure cercate di spaziare?

S: I generi musicali non rappresentano per noi nè limiti nè vincoli…DeAmbula è uno spazio aperto alle possibili contaminazioni. Ovvio che, quello che produciamo è lo specchio di ciò che ci piace, e proprio per questo, siamo felici nel farci rappresentare da loro (..tanto per citarli: Ulan Bator, Marigold, Pineda, Magpie, Pitch, Ka mate Ka ora, buenRetiro…).

Cosa deve avere una band per entrare a far parte della famiglia Deambula Records?

S: Diciamo che i modi con cui viene a definirsi una produzione possono essere diversi, a seconda delle circostanze.. Possiamo risultare interessati ad un progetto a noi inviato o restare colpiti da un’artista, o altre infinite possibilità dettate da fattori casuali. Al di là del primo contatto, conta comunque molto il rapporto che si instaura nella collaborazione e nella condivisione di dinamiche settoriali.

Attualmente quante band avete sotto contratto? Ce ne volete parlare?

S/M: Considerando le imminenti uscite del mese prossimo siamo alla 13esima produzione. In questi anni abbiamo fatto uscire Marigold (la band di Marco) noise band seguita da Cambuzat in sala e in regia, Magpie (side project di Daniele Carretti degli Offlaga Disco Pax), il primo disco solista di Amaury Cambuzat, una colonna sonora immaginaria all’ultimo film capolavoro di Murnau dal titolo “Tabù”, i Ka Mate Ka Ora che consideriamo una delle migliori band slowcore in circolazione, i Pitch di Alessandra Gismondi – dream pop davvero raffinato, infine in vinile i francesi Ulan Bator con il loro ultimissimo “tohu-bohu” ed i Pineda nuovo progetto di Umberto Giardini (moltheni) che ci sta dando grandi soddisfazioni, progetti con un ottimi responsi su tutti i versanti!
A novembre i buenRetiro tornano con il loro nuovo emozionante disco anche con il disco mixato da Amaury C.!

Prossimamente avete nuove idee in progettazione?

S: Seguiteci sul nostro sito www.deambularecords.com a breve vi regaleremo importanti novità!

Cosa cambiereste nel circuito musicale italiano?

M: Abolirei gli EGO-imprenditori ed i contenitori privi di sostanza ed estetica, e infine citando Parente “coloro che fanno diventare la loro mediocrità professionale”. Per il resto l’Italia resta un paese con valide proposte che spesso vengono tralasciate.

Un saluto affettuoso, questo è lo spazio per dire tutto quello che vi passa per la testa…
Grazie a Rockambula da tutto lo staff di DeAmbula Records…Ciao!!!

DeAmbula Records | www.deambularecords.com

Read More