Modena City Ramblers Tag Archive

Recensioni #11.2018 – Candies for Breakfast / Lennon Kelly / The Shalalalas

Written by Recensioni

Modena City Ramblers – Mani come Rami, ai Piedi Radici

Written by Recensioni

Fast Listening | Luglio 2016

Written by Recensioni

Le Larve – Non sono d’accordo (Cantautorato, Rap) 6,5/10
Ispirato, audace e incazzato: Non sono d’accordo de Le Larve, al secolo Jacopo Castagna, è proprio così. Il suo cantautorato in-opposition sa di rabbia verso la società e la falsità di certi rapporti umani. Un fiume in piena colmo di spunti interessanti ma che avrebbe bisogno di essere arginato quel tanto che basta per esprimere al meglio tutto il proprio potenziale.  Da non perdere “Fantasmi” e “Quello che sono”, con il prezioso feat. di Chiara dello Iacovo.

[ ascolta “Fantasmi” ]

The Great Saunites – Nero (Heavy Psych) 6/10
Più meditato dei suoi predecessori, Nero, suite di 35 minuti divisa in tre parti, conferma l’ossessione dei lodigiani per il tribalismo e per la circolarità del suono, andando però a perdere un po’ troppo in fisicità, soprattutto lungo i 19 minuti dell’iniziale title-track. Funzionano meglio i due successivi movimenti (“Lusitania” e “Il Quarto Occhio”) ma ci si trova in definitiva di fronte ad un lavoro che ad ascolto concluso non ci lascia dentro grandi tracce di sé, risultando meno scuro e misterioso di quanto probabilmente si sarebbe voluto. Insomma, un piccolo passo indietro per due musicisti che comunque non si discutono.

[ ascolta “Lusitania” ]

The Star Pillow – Above (Ambient, Drone) 7/10
Registrato al Btomic (storico locale spezzino chiuso ad inizio anno) davanti al solo Jacopo Benassi (tra i proprietari del locale),  questa nuova fatica del toscano Paolo Monti è una cosmica escursione chitarristica Ambient-Drone. Un intimo viaggio nel buio siderale dalla durata di 48 minuti suddivisi in 5 coinvolgenti tracce, morbide, sognanti, crepuscolari, abissali e cinematiche che rappresenta indubbiamente uno dei migliori dischi nel genere firmati da un artista italiano in questo 2016. Ad impreziosire il già pregevole lavoro, prodotto da Time Released Sound, troveremo nell’edizione limitata il CD inserito nel box di una pellicola Kodak del 1969 (anno dello sbarco sulla Luna di Neil Armstrong) ed all’interno della confezione foto originali della NASA scattate in quello stesso anno.

[ ascolta “Sleeping Dust” ]

Le Scimmie – Colostrum (Doom Metal) 6,5/10
Formazione nuova (ingresso di Simone D’Annunzio all’effettistica oltre che un cambio dietro le pelli dove ora siede Gianni Manariti) e nuova forza espressiva per la band di Vasto. Lontano dal poter dirsi originale, Colostrum è comunque un disco che libera una grande potenza e che, anche grazie ai nuovi componenti della band, riesce a fissare e descrivere meglio le atmosfere del trio guadagnando in densità e tensione, risultando indubbiamente superiore al precedente Dromomania. Un buon passo avanti ed un convincente lavoro per la band capitanata dal chitarrista Angelo Mirolli.

[ ascolta “Crotalus Horridus” ]

Mesarthim – Isolate (Atmospheric Black Metal, Doom, Elettronica) 6,5/10
I growl lontani e riverberati non sporcano più di tanto questo disco di Black Metal travestito da Post-Rock atmosferico (o è il contrario?). Sono ambienti distesi e armonie avvolgenti quelli attraversati dai Mesarthim con le loro chitarre ultra-distorte, i loro assoli retrò e le loro batterie col doppio pedale continuo, in un mistone di rilassatezza e tensione che pende forse più verso la prima che verso la seconda. Qua e là spuntano persino curiosi arpeggiatori, synth frizzanti e pianoforti lievi, in un crossover Metal-Ambient che ricorda qualcosa dei Junius e che incuriosisce più del previsto.

[ ascolta “Declaration” ]

Dubioza Kolektiv – Happy Machine (Balkan, Ska-Punk, Dub, Hip-hop) 7/10
Gruppone bosniaco ribelle che mescola stralci di musica tradizionale e generi alternativi per cantare dai bordi d’europa la voglia di un mondo diverso, con pochissimo cinismo e tanta fame di cambiamento e festa. Il disco è divertente, ballabile e intenso: pur senza inventare granché, riesce a rimanere interessante mescolando suoni e culture in un marasma che, nel caos, coinvolge facilmente. Con partecipazioni di, tra gli altri, Manu Chao e Roy Paci.

[ ascolta “No Escape” ]

Fiumi – The Fat Sea Time (Indie Rock) 6/10
Dopo due EP e una  decennale esperienza sui palchi i Fiumi ci presentano il loro primo disco. E lo fanno molto bene, offrendo dieci tracce variegate e godibili. La matrice di partenza è un sound ispirato agli anni 90, ma che sa essere moderno, giocando sapientemente a volte con la psichedelia, a volte con sporcature di elettronica o lievi distorsioni.  Un disco che riesce trasmette con leggerezza un senso malinconico, che ti avvolge con piacevolezza ed equilibrio, mai eccessivo e mai carente nell’ispirazione.

[ ascolta “In The Noise” ]

Monaci del Surf – Vol. 3 (Surf Rock) 5/10
I Monaci del Surf sono degli ottimi musicisti e degli ottimi performer che fanno scatenare il pubblico a botte di surfer riff. Il loro terzo capitolo non si discosta dai precedenti lavori ed composto completamente da cover riadattate in chiave surfer. Ce n’è per tutti i gusti, dai Nirvana ai Depeche Mode, agli Offspring, senza dimenticare la madrepatria con Donatella Rettore e Nicola di Bari. Come tradizione vuole per i Monaci del Surf è vietato prendersi troppo sul serio quindi, tra la cover della sigla di Game Of Thrones a “Sognando la California”, mettete le cuffie e let’s surf.
[ ascolta “California dreamin’ “ ]

Alessandro Sipolo – Eresie (Cantautorato, Folk) 6,5/10
Sipolo è un cantastorie d’altri tempi, dalla voce suadente e dalla penna fine, e il suo Eresie un concentrato di atmosfere: Folk, soprattutto, ma anche Manouche, Blues, Rock e latine, impregnate sempre di una forza lirica e una coerenza ideale degne di ammirazione. Raffinato e multiforme, capace dell’intensità dolorosa di “Tra Respirare e Vivere” e dello sberleffo ironico di “Comunhão Liberação” con la stessa credibilità, soffre un po’ il cliché del Folk impegnato (Modena City Ramblers, Bandabardò) ma riesce spesso ad arginare il déjà vu grazie a uno sguardo che dimostra di possedere, qui e là, una sensibilità non comune.
[ ascolta “Comunhão Liberação” ]

Read More

Arezzo Wave festeggia i suoi primi 30 anni, dall’1 al 3 luglio a S.Giustino Valdarno (AR)

Written by Eventi

Da venerdì 1 luglio a domenica 3 luglio lo storico festival celebra la sua 30esima edizione!
Nel campo sportivo di San Giustino Valdarno, in provincia di Arezzo, si svolgeranno tutti i concerti: un’unica area con due palchi (PALCO A e PALCO B), dove si alterneranno artisti e band che compongono il ricco cartellone musicale.

Sul palco si esibiranno artisti di fama nazionale e internazionale quali: Modena City Ramblers (1 luglio), L’Orage (2 luglio), i DeWolff (2 luglio) e la rivelazione indie rock Italian Boyfriend (2 luglio) entrambi in data unica per l’Italia, Musica Nuda – Petra Magoni & Ferruccio Spinetti – con Fausto Mesolella (3 luglio), The Bluebeaters (3 luglio) e Dubioza Kolektiv (3 luglio), il gruppo più vitale e stimolante della scena europea che ha chiuso davanti a 300.000 persone il concerto del 1° maggio a Roma.

IL FESTIVAL È COMPLETAMENTE GRATUITO!

Read More

Premio Amnesty International Italia Emergenti

Written by Eventi

La Band della Settimana: Mom Blaster

Written by Novità

Nascono nel 2010 e iniziano sin da subito a scrivere propri brani e proporli live abbinati ad alcune cover, affascinati dal reggae ma con il dna di rocker, miscelano il sound jamaicano con il Rock Pop europeo, generando uno stile che loro amano definire rock in levare. Nel 2012 firmano con l’etichetta indipendente Ridens Records e pubblicano nell’Aprile 2013 il loro primo singolo “From The Beginning” con il relativo videoclip che supera in poche settimane 10’000 visualizzazioni su Youtube. Il 12 Luglio 2013 esce il disco di debutto We Can Do It!. Un album di nove brani cantati in inglese contaminati dal reggae ma anche dal punk, il Rock e il Pop, una miscela esplosiva che avuto molto consenso dal pubblico e dalla critica. Subito parte il tour del disco che li vede protagonisti su diversi palchi d’Italia, aprendo anche ad artisti di un certo calibro come Mellow Mood, Daniele Silvestri, Sud Sound System, Aprè la Classe, Irene Grandi, Modena City Ramblers e gli spagnoli Canteca de Macao. Nel Novembre 2013 i Mom Blaster sono la prima band emergente scelta dal servizio musicale di streaming Deezer per comparire tra le sue pagine ufficiali, grazie alla vincita di un concorso in partnership con il distributore digitale Zimbalam. Il 3 Gennaio 2014 viene pubblicato con relativo videoclip su Youtube il secondo singolo del disco: “Saturday Comes”. Nell’Aprile 2014 Marco Cotellessa entra nei Mom Blaster per sostituire alla chitarra Lucio Piccirilli. La band conclude il “We Can Do It!” Tour con due ultime date nel Gennaio 2015. Il 14 Maggio 2015 pubblicano il nuovo singolo “Ciò che è Giusto” che preannuncia il secondo disco dei Mom Blaster in uscita a Dicembre, un album che abbandona le sonorità reggae per avvicinarsi sempre più all’elettronica. Il videclip relativo al singolo ha superato in pochi giorni le 5’000 visualizzazioni, ottenendo consensi molto positivi da parte di pubblico e critica. Il 10 Dicembre 2015 esce il secondo album: Reset. Riscontra subito notevole successo da parte di pubblico e critica, dieci brani che parlano di storie d’amore, disoccupazione, migrazione e altri dilemmi che caratterizzano il vivere contemporaneo. Reset è un album che racconta storie di questa contemporaneità, dieci tracce da un sound possente e contaminato dove l’elettronica si fa predominante. La calda voce di Monica Ferrante viene supportata da un arrangiamento musicale maturo sviluppato dalla band in questi cinque anni di attività. Si parla di amore, di relazioni interpersonali, ma anche di molti dilemmi che caratterizzano il vivere contemporaneo: dall’annientamento della vita sociale a causa delle nuove tecnologie di comunicazione al problema epocale dell’immigrazione, fino al disagio della disoccupazione giovanile.

Read More

I Modena City Ramblers e i 99 Posse insieme per un tour europeo

Written by Senza categoria

Da una parte il reggae, l’Hip Hop e il dub dei 99 Posse, e dall’altra il Punk e il Folk dei Modena City Ramblers. Curiosi di vederli sullo stesso palco? Non perdetevi il mini tour europeo che li vedrà suonare insieme a Parigi, Londra, Bruxelles e Amsterdam. Un doppio live con uno speciale set che vedrà alternarsi sulle assi dei migliori club europei i Modena City Ramblers e i 99 Posse. Un concerto inedito che coinvolgerà il pubblico e che vedrà interagire le due band che si troveranno a duettare su alcuni brani, mischiando così, per una manciata di canzoni, i propri repertori. Modena City Ramblers e 99 Posse: due gruppi che provengono dallo stesso periodo storico ma molto diversi tra loro, per pubblico e contesto. Due realtà che fanno parte della stessa storia di rinnovamento musicale italiano della canzone politica, due identità diverse che hanno un punto di contatto nell’urgenza espressiva e nel voler parlare di quello che ci circonda. Due band che hanno fatto la storia della musica di lotta e che hanno come comune denominatore la parola RESISTENZA.

Resistenza Globale Tour
02-11-2015 PARIGI (F) – La Bellevilloise
03-11-2015 LONDRA (UK) – Heaven
04-11-2015 BRUXELLES (B) – Vk
05-11-2015 AMSTERDAM (NL) – Sugar Factory

Read More

Alba Caduca – Uomo Nuovo

Written by Recensioni

Attivi dalla metà degli anni 2000, i friulani Alba Caduca, tornano con il nuovo disco, Uomo Nuovo, dopo aver fatto parlare di sé più che positivamente la critica e ottenendo piccoli successi personali come la realizzazione del tour in Bosnia Erzegovina e l’aver diviso il palco con gruppi blasonati come Motel Connection e Modena City Ramblers.

Uomo Nuovo è aperto dalla furente “Vivo”, mix tra i Litfiba pre svolta commerciale e l’intera corrente Grunge, il tutto arricchito da liriche profonde e incentrate sui problemi attuali della nostra società. L’attacco di “NQO” ricorda la chitarra poderosa di Daron Malakian dei System of a Down, anzi, addirittura l’intero brano ha svolte orientaleggianti tipiche della band armeno-americana. Il tocco di classe è “Aniel”, la canzone che più mi ha colpito grazie a un chorus melodico piuttosto orecchiabile e ben costruito tra le seconde voci e il cantato principe di Massimo Dubini, il cui vibrato è una sorta di marchio di fabbrica della band. “Exodant” resetta ogni nostra certezza ricorrendo a una forte componente elettronica, finora solo paventata da sospetti non confermati. “Buco di Pietra”, primo singolo estratto dal disco, ritorna al Grunge delle prime tracce, mischiando sonorità tribali alla rocciosità dei vari Staind, Unjust e compagnia bella. La rarefatta “Scarti di Stelle” e la falsamente silente “Prenderti Mai” mantengono alte le aspettative, mentre l’ascolto volge all’inevitabile epilogo.

Togliendo qualche piccolo svarione stantio, Uomo Nuovo è un album dove cuore e cervello sono stati messi totalmente a disposizione della musica, quella vera, trasudante passione e autenticità. Consigliatissimo.

Read More

Lennon Kelly – Lunga Vita al Re

Written by Recensioni

Miscelare spirito Punk e sonorità Irish con inserti in dialetto (romagnolo), raccontare “storie vere, di speranza per un futuro migliore, di denuncia sociale e politica mai velata o censurata”: non si può certo dire che i Lennon Kelly cerchino l’originalità a tutti i costi, anzi… Il loro ultimo album, Lunga Vita al Re, è praticamente un album dei (primi?) Modena City Ramblers (c’è persino una comparsata del flautista Franco D’Aniello nell’ultimo brano, la ballata “La Morte di Corbari”). Un album senza infamia e senza lode, suonato con competenza, pieno di canzoni piacevoli ma che non rimangono granché nella testa, soprattutto perché manca una personalità forte, un’identità che li distacchi dai più famosi cugini. Se per voi di musica così non ce n’è mai abbastanza, ascoltateli assolutamente: la fanno molto bene, le canzoni filano, e scommetto che dal vivo sono danzerecci e scatenanti al punto giusto (la title track da questo punto di vista funziona benissimo, ma anche la piratesca “Sangue e Sale”, e in fondo praticamente tutti i brani si portano dentro una bella atmosfera festosa, da pinte di birra scura e balli infuocati). Il problema è riuscire a tenere sotto controllo l’effetto déjà vu, che a tratti è veramente insopportabile, e che purtroppo mina alle fondamenta l’approccio stesso del progetto.

Read More

“Primo non ti sai Decidere” è il video de I Carnival

Written by Senza categoria

“Primo è un riferimento al nome del pugile Primo Carnera, nome che viene usato per rappresentare il tema del combattimento, inteso come la lotta per ottenere un qualcosa, contenuto nel testo, ma lasciato all’interpretazione di chi ascolta. Un combattimento, una folle corsa, una danza maliziosa; Primo dovrà, ad un certo punto, decidere?” Il progetto I Carnival nasce nell’ottobre del 2013 nella provincia di La Spezia. Le sonorità del gruppo sono essenzialmente Rock (cantato in italiano), con influenze che vanno dall’indie britannico al trip hop, alla dance 70s. Grazie all’uscita del singolo “Inevitabilmente”, che ha raccolto molti consensi sul web, e la vittoria di “Arezzo Wave Best Band Liguria 2014”, la band riesce ad esibirsi in diversi locali e in alcuni dei maggiori festival nazionali quali il BOSS Festival, il POLLEGE Festival, l’ Acmè Festival e l’Arezzo Wave Love Festival, condividendo il palco con Raphael Gualazzi, Pierpaolo Capovilla (Il Teatro degli Orrori), Modena City Ramblers, EX-OTAGO, RN Replay e molti altri. Dopo l’estate 2014 la band è entrata in studio per registrare il primo disco ufficiale dal titolo Superstellar in uscita il 16 febbraio 2014 per La Clinica Dischi e promosso da Costello’s Press.

Read More

Maka è il secondo disco di Simone Agostini

Written by Senza categoria

MAKA significa TERRA. Ed è la madre Terra il grande filo conduttore che unisce a se i brani di questo secondo lavoro del chitarrista Simone Agostini. Terra intesa come confini geografici, ma anche come spazio temporale di storie e di popoli. Terra anche come il nostro mondo attraverso cui spostarsi fino ad un ipotetico viaggio nello spazio da cui lanciare un ultimo sguardo indietro prima di sparire nell’infinito. E tutto questo rappresentato dalle composizioni di queste 10 nuove tracce in cui la chitarra acustica è la vera protagonista, arricchita qua e la da preziose featuring: troviamo infatti anche il violino di Francesco “Fry” Moneti (Modena City Ramblers) e poi ancora la viola del M° Peppino Pezzulo e le percussioni di Walter Caratelli. Sperimentazione e contaminazione le parole chiave. Ed è lo stesso Agostini che in questo nuovo lavoro affronta la scrittura da più punti di vista. Non solo attraverso la chitarra acustica, ma anche con strumenti etnici come il bouzouki greco ed il flauto dei nativi americani. Non manca infine un richiamo al mondo contemporaneo dominato dalla tecnologia ed evocato attraverso le tessiture di e-bow ed effetti presenti nell’ultima traccia “Outer Space”.

Read More

Le Idi di Maggio – Mokajena

Written by Recensioni

La Mokajena è l’incrocio tra una iena e una caffettiera. Bestia mitologica, “che niuno occhio humano aveva veduto fino allora”. Mocaiana è anche una località a un passo da Gubbio. È lungo la strada per il mare dei perugini e quando arrivi lì il clima già inizia a cambiare, già vedi spiaggia e ombrelloni e il sole è un sole diverso. Il sole che portano con loro le canzoni della prima produzione de Le Idi di Maggio, giovane band eugubina che nasce da quasi dieci anni di esperienza come cover band. Per anni, come Skaouts, hanno preso in prestito i brani, tra i tanti, di Meganoidi, Ska P, Giuliano Palma & the Bluebeaters. Poi hanno deciso di prendere la loro strada e il risultato è questo disco, dedicato alle loro radici, anche geografiche, uscito il 15 maggio (a Gubbio è il giorno della Corsa dei Ceri, il giorno più importante dell’anno) scorso. Un album che suona preciso e ricco, solare come il ritmo in levare che non si ferma allo Ska e al Rock Steady per andare ad esplorare il Rock e le contaminazioni più diverse. C’è l’incontro con l’Hip Hop della Cantiano Bastard Sound (Mogano), ma soprattutto prestigiose collaborazioni, a partire da quella con Cisco Bellotti, ex leader dei Modena City Ramblers, quella con Oskar, leader degli Statuto, con il quale danno vita a una convincente cover di “Stella d’Argento”.

E poi Massimo Marcer, trombettista degli Aretuska (“Voglio Tutto”), e Lucia Tarì (voce in “Sole Spento” dei Timoria). Undici canzoni, nove inediti e due cover, per raccontare di loro e della loro generazione, tra incertezze e voglia di cambiare le carte in tavola, necessità di denunciare, impegno sociale e speranza che a qualcosa possa servire. Un intento che, però, non sempre convince a pieno.Se le radici e la strada da seguire sono chiare, Alessandro Scalamonti (voce), Andrea Benedetti (batteria), Andrea Sebastiani (basso), Gabriele Bei Clementi (chitarra elettrica), Lorenzo Cannelli (pianoforte, organo, tromba, flicorno soprano, cori), Giorgio Rossi (trombone), Amedeo Ambrosini (chitarra elettrica), Matteo Ciancaleoni (tromba), Flavio Pannacci (trombone, tuba), Leonardo Radicchi (saxofono tenore, saxofono soprano, clarinetto), Davide Vagnarelli (saxofono tenore, flauto traverso) hanno sicuramente la forza di andare oltre. L’esordio è promettente, il superamento dei  limiti (di alcuni testi) è alla loro portata.

Read More