Siren Festival 2018, la musica internazionale incontra la slow life all’italiana [LIVE & PHOTO REPORT]

- Data: 31.07.2018

by Maria Pia Diodati

“Siete tutti di Vasto? Da dove venite?”, ci chiede a un tratto Neil Halstead con aria serafica e l’Adriatico che si staglia alle sue spalle, piacevolmente sorpreso di trovarsi di fronte a una folta cerchia di avventori seduti sul prato dei Giardini D’Avalos a gustarsi la sua esibizione in solo. “Ireland!”, gli risponde una voce tra la folla che stupisce anche me, perché se è certo che in questi cinque anni il Siren Festival si è dimostrato una delle kermesse musicali meglio pensate e gestite tra gli appuntamenti estivi italiani non è altrettanto facile per i festival nostrani distinguersi tra la massiccia concorrenza straniera.

_MG_4052-minNeil Halstead @ Giardini D’Avalos

Eppure in fondo non è difficile immaginare che, per chi è abituato ai festival nordeuropei, un contesto come quello di Vasto deve risultare estremamente accattivante: la spiaggia di giorno, il clima ideale in serata quando si sale in paese, la comodità di una cornice urbana e l’intimità di un suggestivo centro storico, la qualità di cibo e bevande. Il Siren è una realtà che prende a modello le manifestazioni internazionali più collaudate e le riformula all’insegna di quella slow life all’italiana che agli stranieri piace tanto appiccicarci addosso, per cui in fin dei conti l’affluenza dall’estero non potrà che aumentare di anno in anno. D’altronde, di pari passo si arricchisce la proposta dell’organizzazione nell’offrire ai partecipanti un’esperienza a 360°: degustazioni, talking, artisti che a sorpresa si esibiscono sui terrazzi lungo la strada che va a Porta San Pietro, a cui quest’anno si è aggiunta la possibilità di assistere a un paio di concerti direttamente in mezzo al mare con i Boat Party pomeridiani a largo della Costa dei Trabocchi.

_MG_3971-min _MG_3974-min _MG_3984-minNeil Halstead @ Giardini D’Avalos

Tra i protagonisti indiscussi di questa quinta edizione appena trascorsa ci sono sicuramente gli Slowdive al completo, in una Piazza del Popolo gremita e pronta a immergersi nella matassa di riverberi che la band di Reading rilegge in chiave propulsiva, coi tempi accelerati e un mood che vira al post rock, in linea con l’ultimo lavoro in studio: l’omonimo disco con cui gli Slowdive sono tornati lo scorso anno ha segnato una svolta anche nello stile con cui ripropongono i collaudatissimi brani degli anni ’90, e senza alterarne intensità e suggestioni.
A Ryley Walker è toccato invece il compito di inaugurare il Cortile D’Avalos. Anche il musicista statunitense come Neil Halstead ha dimostrato da subito tutto il proprio entusiasmo per la location e non solo, e in maniera decisamente pittoresca (“Qui siete tutti bellissimi! Nel posto da cui vengo io non sono tutti così belli, fanculo il Midwest!”). Preso benissimo, insieme alla band ha messo in piedi una mirabile performance, un mix perfetto di atmosfere umorali e attitudine jazz che caratterizzano il suo Deafman Glance con la tempra rock che la dimensione live richiede.

La qualità degli show degli artisti italiani è stata pienamente all’altezza dei colleghi esteri e ognuno a suo modo ha dato prova di potersi misurare col contesto internazionale. Forte della collaborazione di una band di musicisti talentuosissimi, Colapesce ha dimostrato che oltre alle capacità compositive confermate ancora una volta con Infedele ora ha tutte le carte in regola per distinguersi dalla massa dei cantautori nostrani anche come performer. Menzione speciale per Adele Nigro ad alternarsi tra chitarra, sax e cori, presenza essenziale per la riuscita dello show dell’artista siciliano (con tanto di eucarestia final), che durante il festival ha avuto spazio anche come Any Other, il suo progetto noise pop di cui ha proposto alcuni nuovi brani in notturna ai Giardini D’Avalos. A Cosmo sono bastati quattro pezzi, diluiti a dovere in loop irresistibili, per far ballare una piazza intera alle undici di sera come se fosse notte fonda, e poi anche il giorno dopo, a notte fonda davvero, col djset targato Ivreatronic a chiudere il sabato.
Il fuoriclasse di questa edizione però è stato Adriano Viterbini. I Bud Spencer Blues Explosion – la creatura che l’artista romano condivide con Cesare Petulicchio – si sono esibiti subito dopo i dEUS e appena prima dei Public Image Limited: una posizione in line-up pericolosissima ma la performance dei BSBE ha surclassato quella di entrambe le band, nonostante un Tom Barman comunque in gran forma (ok, sulla forma di John Lydon non ci sperava nessuno). Non solo: Viterbini è stato tra i musicisti che hanno accompagnato Nic Cester domenica mattina nella Chiesa di San Giuseppe. Tra lo scenario d’eccezione e la palpabile sintonia tra l’australiano trapiantato in Italia e la sua Milano Elettrica – superband che oltre a Viterbini vede la presenza di Sergio Carnevale dei Bluvertigo e Daniel Plentz dei Selton – non avrebbe potuto esserci conclusione migliore per questo Siren 2018.

CONTATTI
https://sirenfest.com/
https://www.facebook.com/sirenfestival/

[Foto di Francesca Santacroce ]

Bianco @ Siren Beach

_MG_3907-min_MG_3886-min38020850_10214298682332450_5718818129367269376_n

Neil Halstead @ Giardini D’Avalos

_MG_4000-min_MG_4021-min

Ryley Walker @ Cortile D’Avalos

_MG_4199-min38181541_10214299168064593_1266921021953277952_n

Slowdive @ Piazza del Popolo

38200045_10214298758854363_318967240886059008_n 38213627_10214298736973816_3017966934990782464_n 38267391_10214298749654133_2922649666388492288_n _MG_4528-min38126022_10214287348769118_3311182836165246976_n38122923_10214299226666058_6094874144271237120_n

Lali Puna @ Cortile D’Avalos

_MG_4715-min_MG_4735-min _MG_4747-min_MG_4782-min _MG_4807-min _MG_4839-min

Cosmo @ Piazza del Popolo

38135280_10214298957739335_6531283804122775552_n_MG_4863-min_MG_4991-min_MG_4951-min_MG_4865-min_MG_4989-min_MG_4985-2-min

Germanò @ Porta San Pietro

38139454_10214298761094419_8080776630059925504_n 38029589_10214298796455303_7576963621775736832_n

Colapesce @ Piazza del Popolo

37994904_10214298921578431_7173079787911512064_nIMG_5325-min38159099_10214299020500904_6449871255918084096_n 38071798_10214299066782061_4502403345834573824_n38171763_10214299170104644_7224491847819722752_n38036790_10214299051221672_5174090888959229952_n38118445_10214299187585081_1322951494554615808_n

Amari @ Cortile D’Avalos

37928091_10214299100662908_3884493706698424320_n 38032722_10214299116903314_6336415717654528000_n

Rodrigo Amarante @ Giardini D’Avalos

38071431_10214298875777286_4330654939471675392_n 38071988_10214298885457528_4970669147487731712_n 38072322_10214298850656658_8782931185123721216_n

dEUS @ Piazza del Popolo

38277365_10214299127103569_1539221566267588608_nIMG_5338-minIMG_5414-minIMG_5419-minIMG_5450-minIMG_5476-minIMG_5482-min38294543_10214299223225972_8675491251069386752_nIMG_5502-min

Bud Spencer Blues Explosion @ Cortile D’Avalos

38029006_10214298982179946_2701589288801271808_n38055896_10214299265987041_154843874647343104_n38085149_10214299255266773_6711739883016159232_n38084982_10214299277027317_6879510934914596864_n37993259_10214299286707559_944521320513667072_n37995594_10214299428831112_9141447498483630080_n

Public Image Limited @ Piazza del Popolo

38072337_10214299016620807_436642674712248320_n 38085754_10214298939618882_7904099383652646912_nIMG_5710-minIMG_5731-min

Nic Cester & Milano Elettrica @ Chiesa di San Giuseppe

38065440_10214299244546505_518563588130996224_n 38072165_10214299230546155_5163462051787440128_n38167208_10214299350869163_3256009364158283776_n38065484_10214299369949640_4161341624946786304_n38204135_10214299253186721_4405434138320961536_n

The Zephyr Bones @ Siren Beach

38071880_10214299374349750_1271884496613933056_n

Fitness Forever @ Siren Beach

38136037_10214299377269823_5248593307231059968_n

Be Rock, Share!

Pubblicato in Live Report - Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,


Lascia un commento

*

*

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *



1999-2011 © ROCKAMBULA