Rifugio Zena – È tempo che passa

- Genere: Rock, alternative, funk
- Etichetta: Autoprodotto
- Voto: 3.5/5
- Website: www.facebook.com/RifugioZenaOfficial

by Lorenzo Cetrangolo

fronte Rif Zena

Il disco dei Rifugio Zena è rapido e coeso come un caricatore di fucile automatico. I pezzi scorrono rapidi, graffianti, precisi: quasi non mi rendo conto di come finiscono che già sono ricominciati, uno dopo l’altro, in rapida sequenza.

Il punto forte del trio è il groove: batteria piena e diritta, basso pieno, mobile, a tratti funky. Il tappeto sonoro è continuo, sapiente. La chitarra, sopra, ricama elettrica, ritmica, tagliente. Mi fanno pensare alla California, equidistanti tra certi richiami desert e strumentali alla Queens Of The Stone Age (e scena Palm Desert a seguire) e un impatto quasi fisico stile primi Red Hot Chili Peppers – in entrambi i casi con più pulizia, più definizione.

Non che sia un male: i virtuosismi s’incastrano bene, non stonano nel complesso (rischio che si sfiora sempre su musiche di questo tipo, sudate e muscolari). Merito anche della produzione, che è di ottimo livello, pulita, ma che non suona del tutto “finta” (mi ricordano un po’ i Fratelli Calafuria, con meno – decisamente meno – follia).

Anche il capitolo voci si presenta pulito, definito, a tratti anche orecchiabile, ma mantiene un’ambientazione prettamente rock, sia come registro che come approccio alle liriche (semplici, certo, ma che influiscono in misura marginale sul prodotto complessivo, che è fortemente “strumentale”, e si sente nella capacità di non annoiare mai l’ascoltatore nei vari momenti di “vuoto” lirico, ma, al contrario, di tenerlo appeso, trepidante, in attesa di scoprire come andrà a finire questo rocambolesco giro di basso, quell’infernale pattern di batteria).

Si vede che i ragazzi del Rifugio Zena ci sanno fare. Ad un primo ascolto, superficialissimo, mi veniva da paragonarli ai Negramaro (forse perché ho iniziato ad ascoltarli da “Musa”, la balladdel disco), ma è palese una profondità diversa, influenze numerose e distanti tra loro, una capacità di scrittura e esecuzione ammirabile e basata su fondamenta solide ed elaborate (e varie).

L’unico neo, se proprio devo trovarne uno, è la mancanza di “ganci”: non c’è un pezzo in particolare che rimanga nell’orecchio, non c’è l’effetto “tormentone” – vabbè, senza esagerare, nemmeno l’effetto “tormentino”. È un rock “puro”, nel senso che non è da canticchiare, da ripetere sotto la doccia, da fischiettare – e non credo neanche sia poi questo, l’obbiettivo dei tre Rifugio Zena.

Se vi piace il rock suonato bene, energetico, mobile, virtuoso a tratti, non troppo “fighetto”, È tempo che passa è senza dubbio il disco per voi.

 

Be Rock, Share!

Altri posts:

Pubblicato in Recensioni - Tag: ,


2 Commenti a Rifugio Zena – È tempo che passa

  1. Vin scrive:

    Negramaro?? Ma stiamo scherzando??? Io direi che fonte di ispirazione saranno i De Glaen

    E comunque il “tormentone” sicuramente verrà fuori dopo qualche ascolto.. e vedrai… l’orso bianco ha le scarpe rotte ma combatte il freddo saltando… parapà pà pà pà
    :)

    Grandi Rifugio Zena!

    • Lorenzo scrive:

      Ciao Vin, intanto grazie per aver commentato, fa sempre piacere confrontarsi con qualcuno dopo aver scritto una recensione. Volevo solo sottolineare che non ho assolutamente suggerito che i Negramaro potessero essere fonte d’ispirazione per il trio (“Ad un primo ascolto, superficialissimo, mi veniva da paragonarli ai Negramaro” è ben altra cosa: “forse perché ho iniziato ad ascoltarli da “Musa”, la ballad del disco”, tra l’altro…)
      Per quanto riguarda i “tormentoni”, era solo per spiegare che la loro musica non cerca certo l’ascolto facile. D’altronde, non ne hanno bisogno: se la cavano comunque egregiamente, a mio parere.
      Grazie ancora per il tuo contributo. Un saluto!


Lascia un Commento

*

*

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *


  • Ascolta

    7 Training Days - You Are Not Me

    Aut in Vertigo - Rivoluzione

    Dead Shrimp - Devil In My Head

    Deathless Legacy - Killergeist

    Dotzauer - Organic Silver

    Il Babau & i Maledetti Cretini - Danza Macabra

    Malascena - Essere

    Odatto - Le Solite Favole

    The Blacklies - Higher

    Virgo - L'appuntamento

  • Recensioni

  • Polls

    La musica di "qualità" italiana è paragonabile a quella del resto del mondo?

    Loading ... Loading ...
  • Eventi

  • Articoli recenti

  • La Band Della Settimana

    Featuring Top 5/91 of La band della settimana

    Subscribe

    Read more

  • Commenti recenti

  • Video della settimana. The Sheets – It’s Goin’ Around

  • Archivi

  • Archivio recensioni

  • Facebook


1999-2011 © ROCKAMBULA