Il Santo Niente – Mare Tranquillitatis

- Genere: Alternative Rock
- Etichetta: Twelve Records
- Voto: 7/10
- Website: https://myspace.com/santonienteband

by Silvio "Don" Pizzica

Conobbi Il Santo Niente tanti anni fa, non ricordo bene il giorno, né l’anno ma ricordo bene il luogo. Ero nella stanza della sorella più grande di un mio vecchio compagno di scuola. Avete presente quelle situazioni molto anni novanta, camerette piene di poster e musicassette e musica che scivola lungo i bordi delle pareti? Ricordo benissimo quel giorno in cui ascoltai per la prima volta la voce di Umberto Palazzo, ben prima di conoscere i Massimo Volume che molti vedono come una delle due metà del progetto iniziato dallo stesso Palazzo ma che in realtà rappresenta una linea parallela alla vita artistica de Il Santo Niente. Ricordo esattamente le emozioni che m’ispirò ascoltare le note di quei brani. “Junkie”, “È Aria”, “’sei na ru mo’no wa nai ‘i”, “Angelo Nero” e sul lato A della tape casalinga le tracce dell’opera prima, “Cuore di Puttana (Hardcore)”, “La Vita è Facile” e poi la coppia di cui m’innamorai subito, “Il Pappone” e “L’Aborigeno”. Ricordo con un brivido sulla mia pelle le sensazioni che provai nell’origliare quei brani, portare a casa quella musicassetta, inserirla nel mio mini sound system e iniziare la copia che gelosamente custodisco come un inutile ricordo sbiadito; copia che avrei poi perfezionato inserendo con cura, a mano, a uno a uno i titoli di La Vita è Facile e ‘sei na ru mo’no wa na ‘i. Da quella circostanza iniziò un rinnovamento estremista nel mio modo di discernere e scoperchiare la musica. Non più solo rifrazione dei miei amici infossati nel Punk e non più banale conseguenza di qualche fugace ascolto radiotelevisivo. C’era tutto un mondo in fermento sotto l’asfalto; una realtà underground pronta a esplodere nel suo silenzio, nella sua disperazione. Sono trascorsi ben oltre quindici anni da quel giorno e troppi dall’ultimo album targato Santo Niente, Il Fiore Dell’Agave ed è ovvio che, cosi come ho atteso con trepidazione l’uscita del primo lavoro solista di Umberto Palazzo e seguito il progetto El Santo Nada (viste le ovvie distanze, più per curiosità che per altro, considerando poi che io sono un tipo che lega più con i brani che con i compositori/esecutori), con maggiore partecipazione ho assistito alla genesi lenta di questa quarta fatica della band, Mare Tranquillitatis. L’ho ascoltata ormai una decina di volte in pochi giorni e la prima cosa che mi ha trafitto è che qualcuno tra noi deve essere cambiato perché, nello strato più abissale della mia pelle, c’è una linfa che non sembra scolare e non pare vibrare allo stesso modo di tanti anni fa. Ovviamente non sono io lo stesso; ho il doppio degli anni, diverse idee per la testa, un modo differente di scorgere il mondo, qualche pensiero pratico in più e alcuni falsi problemi in meno, qualche birra di troppo sulle spalle e parecchi acciacchi ma allo stesso modo non sono gli stessi quelli che sento nelle casse. Tutto ciò, per fortuna, aggiungo.

Chiunque non abbia ancora ascoltato l’album ma si sia imbattuto volente o nolente nel singolo “Le Ragazze Italiane” non si lasci trarre in inganno da questo pezzo cosi dinamico (anche se molto vicino al classico sound della band), ossessivo e dal testo e dalla melodia un po’ “paraculo”; sia che sia piaciuto che in caso contrario. È quanto di più estraneo si possa trovare nei quaranta minuti di musica di cui è composto Mare Tranquillitatis. È evidente una certa presa di posizione, di distanza, dalla rabbia Garage degli esordi, anche se le sfuriate introspettive Post Hardcore stile Jesus Lizard (“Cristo Nel Cemento”) tengono ancorata la band a quelle che sono le loro radici anni 90. Stessa cosa, sia a livello testuale sia musicale, per quanto riguarda la forma canzone classica che è quasi interamente lasciata alle spalle nel tentativo di sviluppare una strada più predisposta all’Art Rock che tendenzialmente si risolve in Spoken Word impreziositi da chitarre distorte, tutto molto in stile Massimo Volume, per chi ha apprezzato la formula solo da questi “cugini” artistici bolognesi, ma che in realtà era stata già impiegata, anche se con ovvie varianti narrative e musicali, da Palazzo e compagni.

Soprattutto le strutture ritmiche riprendono in un certo modo quella che è la corrente più importante del Rock sperimentale teutonico, il Krautrock di Neu! specialmente ma anche di Faust e Can, sviluppandone le esasperazioni in una formula moderna e più vicina ai gusti del pubblico post Y2K bug e mantenendo la parte avanguardistica a livelli accettabili, in contrapposizioni ad alcune follie pure (vedi The Faust Tapes ad esempio) dei padri fondatori. Una delle immagini più avvincenti del disco è la parte testuale che mette in secondo piano l’elemento autobiografico e si concentra piuttosto su una sorta di analisi sociologica dell’universo che circonda l’uomo che sta dietro alle canzoni. Esempio è proprio il singolo “Le Ragazze Italiane” che riassume in pochi versi tutto quello che significa essere giovani, donne, oggi, in certi ambienti tra cui, immagino, quelli della vita notturna pescarese, acquario in cui s’immergono costantemente gli autori. Non uno spaccato generalista di ciò che può significare essere una sbarazzina ragazza oggi in Italia e nessun subdolo sistema per giudicare tutta una generazione. Nessuna accusa ma solo un atto d’amore nei confronti di alcune donne che hanno nuotato nello stesso acquario di Palazzo e d’odio verso certi atteggiamenti puritani di chi non ama mai bagnarsi. Se nel singolo l’elemento testuale si materializza efficacemente in tutta la sua franchezza, molto più soffuse sono le luci che circondano gli altri brani. Si passa da pezzi ispirati dalla letteratura o dalla storia (“Cristo Nel Cemento” è un brano suggerito dall’omonimo romanzo di Pietro Di Donato, figlio di un muratore abruzzese emigrato in America mentre “Sabato Simon Rodia” è un emigrante in America, creatore delle Watts Towers di Los Angeles) a brani che narrano (quasi letteralmente, visto lo stile usato nei pezzi) storie di violenza, droga, adolescenza e delinquenza (“Un Certo Tipo di Problema”, “Primo Sangue”) e disagio (“Maria Callas”, nome di un anziano travestito).

Come detto, la musica di Mare Tranquillitatis è una sorta di esperimento che vuole unire elementi propri della tradizione Alt Rock italiana (che va dagli stessi Il Santo Niente fino ai Massimo Volume ma anche ai Csi, rievocati in alcuni passaggi di chitarra di “Un Certo Tipo di Problema” ad esempio) al Post Hardcore dei Jesus Lizard ma anche molto “albiniano” (“Cristo Nel Cemento”); congiungere il Rock aggressivo, banalmente e volutamente diretto tanto da essere subnormale in perfetto stile Stooges (“Le Ragazze Italiane”) alle eccezionali e perfette deformità del Krautrock anni 70; fondere l’Elettronica e le sue ritmiche “danzereccie” (“Primo Sangue”) alle cacofonie soniche estreme (“Sabato Simon Rodia”) passando per cenni di psichedelia. Umberto Palazzo prova a utilizzare come legante di questa indagine sonora il sax di Sergio Pomante (eccezionale la sua opera prima con gli String Theory, mio disco italiano dell’anno nel 2012) ma restano alcuni dubbi sull’opera. Assolutamente da apprezzare la parte testuale (chi critica questo elemento dovrebbe consigliarmi qualche ascolto italiano), che scivola via senza inutili e ridondanti pesantezze, lasciando invece tante preziose oscurità che si lasciano scoprire elegantemente ascolto dopo ascolto (penso al fatto che molti abbiamo letto “Maria Callas” pensando alla diva e che ora, riascolteranno il pezzo scoprendone lati impensati). Certamente è risultato piacevole il distaccarsi dai cliché dei primi album ma, personalmente, mi aspettavo qualche rischio in più da un compositore esperto come Palazzo. Ovviamente è un concetto relativo quello di azzardo perché brani come “Primo Sangue”, quello che ho più ammirato o “Sabato Simon Rodia” sono tra le cose più lontane dalla normalità per l’ascoltatore medio italiano. Resta troppo in primo piano la vocalità mentre avrei preferito che Il Santo Niente avesse dato maggiore possibilità espressiva alle chitarre e soprattutto al sax che poteva veramente elevare Mare Tranquillitatis a uno dei migliori album degli ultimi vent’anni oltre che, magari, dare un’impronta innovativa al lavoro che altrimenti resta ineluttabilmente infangato nei ricordi di passate correnti. Tante influenze che rischiano di incanalarsi nel ricordo di tempi andati e una ricerca di strade Art Rock e sperimentali che appaiono ancora molto lontane. Inoltre crea qualche perplessità un brano come “Le Ragazze Italiane”; molto diverso dal resto dell’album  finisce per confondere l’ascoltatore, anche e soprattutto prima ancora di ascoltare il resto. Può avere senso come gancio per il pubblico, dato il tema e le sonorità immediate ma niente di più.

Se proprio vi piace fare un raffronto con i Massimo Volume, mi assumo la responsabilità di dirvi che c’è molto più coraggio in questo disco che nelle loro ultime cose (alcune delle quali fatico a riascoltare, nonostante non ne neghi il valore) e c’è anche di più della pura temerarietà perché Mare Tranquillitatis riesce nella difficoltà di non annoiare pur dislocandosi dalle vie sicure della canzone italiana (chiamatelo pure cantautorato Indie, se preferite). Un disco che non dimenticherò di lasciar partire dalle casse nel breve tempo ma che mi lascerà comunque sempre con un profondo dispiacere per quello che sarebbe potuto essere. Parafrasando L’inizio di “Sabato Simon Rodia”, (“Puoi essere solo ottimo o pessimo. Se sei buono a metà non sei buono”) se la sperimentazione è solo a metà non è sperimentazione. Oppure possiamo fare meno i puntigliosi, vivere la musica per quello che è e goderci semplicemente un disco pregevole.

Be Rock, Share!

Pubblicato in Recensioni - Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , ,


17 Commenti a Il Santo Niente – Mare Tranquillitatis

  1. kinderale scrive:

    Che gnocca nel video, come si chiama?

  2. Pingback: Mare Tranquillitatis, il ritorno del Santo Niente tra art e rock | Rockambula

  3. dario scrive:

    Massimo Volume, Jesus Lizard, Krautrock di Neu!, Faust e Can, Alt Rock italiana, Csi, Stooges, Krautrock anni 70, String Theory, Indie.
    Ogni recensione che leggo su Palazzo e soci è infarcita di citazioni ad altri e di definizioni di ‘genere musicale’ piuttosto sconosciute ai più.
    Un buon disco non avrebbe bisogno di questo mare (tranquillitatis o no) di parole, spese per coprire la ventennale scarsezza tecnica/esecutiva e le idee ormai datate dei ‘ragazzi’ in questione.
    Infine, a voler essere del tutto sinceri, sa un pò di disadattamento avere 50 anni e pretendere ancora di voler rappresentare, o peggio insegnare cos’è il disagio giovanile.
    Gli anni ’90 sono finiti e le cose sono cambiate, mooolto più di quello che ci si vorrebbe far intendere con un disco, a mio modo di vedere, inutile e ridicolo.

  4. giorgio scrive:

    Complimenti davvero!!! OTTIMO COMMENTO DARIO!!!!!

  5. Gino Gix scrive:

    Il disco è piacevole. Se poi ci sono dei motivi d’invidia personale o altre cose sono cazzi vostri.

  6. Shitbeard scrive:

    mah…non mi pare nulla di che, davvero, questo disco. a chi ha più di 35 anni ed ha vissuto davvero da fruitore di musica gli ultimi 20/25 anni più che altro pare un po stantìa sta roba, non credete? non che sia brutto come album, eh…ma piuttosto inutile. poteva avere senso fino al 1996. Jesus Lizard, Rapeman, Fugazi, Bitch Magnet, Slint…ne abbiamo ascoltata già di musica davvero innovativa, fresca e cazzuta allora, quindi oggi preferisco personalmente ascoltare altro, qualcosa non dico che guardi avanti, ma che almeno ci provi, o almeno stia nel presente (Burial, Sunn 0))), La Otracina, elettronica varia e classica,cazzo..) Non intendo mancare di rispetto alla band o a Palazzo, che rispetto comunque. Peace

  7. dario scrive:

    @ Gino Gix

    Se ti rivolgi a me sei fuori strada.
    Facendo finta che tu parlassi con me, provo a spiegarti il perchè.

    Intanto ti sei accorto che è ancora possibile avere gusti diversi dai tuoi?
    Se per te chiunque non ha i tuoi gusti è un invidioso credo sia tu il problema, non il mondo.

    Non sono musicista nè lo diventerò. Ascolto.
    Cosa dunque potrei invidiare al santo niente ed a Palazzo?
    Il successo mondiale? Parlano i numeri.
    La tecnica musicale? Quando strimpellavo la chitarra a 10 anni ero meglio
    La strumentazione? Acquistabile in qualsiasi buon negozio di strumenti musicali.
    Suvvia…!
    Senza invidia invece, mi piacerebbe avere il talento di moltissime persone del mondo musicale.
    Sono però tutte di un altro livello, molto oltre il santo niente ed il suo leader.

    Non te ne cito nessuna.
    Un pò sarebbe inutile, un pò per non essere accomunato a Palazzo ed ai suoi agiografi (che fanno della citazione un must), ed infine un pò perchè i miei gusti sì che sono cazzi miei.

    dario

  8. dario scrive:

    x i moderatori.

    GRAZIE!!!

  9. Gino Gix scrive:

    Però continui ad offenderli, non mi sembra che sono dei falliti come dici. Se poi conosci anche la strumentazione che usano tanto da poterla acquistare è evidente che li conosci bene. Anche perché non fanno live da qualche tempo.

  10. dario scrive:

    Lascia perdere.

    Non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire.
    Tu gli indichi la luna e loro guardano il dito.

  11. Gino Gix scrive:

    Hai il dono della verità assoluta, questo è sicuro.

  12. damiano bernakie scrive:

    Ragazzi, non scaldatevi.
    Rockambula non é piú quel posto dove l`amicizia e l`amore trionfano?
    Ciascheduno ha le proprie idee e i propri valori, serve rispetto anche per chi fa musica improbabile come i sigg. Santo e Niente.

  13. Pingback: L’Inverno della Civetta – L’Inverno della Civetta | Rockambula

  14. Pingback: I Rolling Stones e il pisello di un settantenne. | RockambulaRockambula


Lascia un commento

*

*

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *



1999-2011 © ROCKAMBULA