Bologna Violenta

by Silvio Don Pizzica

bologna-violenta-torino-575x383

Un lungo trip alla scoperta dell’uomo Nicola Manzan, demiurgo dell’one man band Bologna Violenta. Dall’amore per il Grindcore e i Napalm Death, fino alla creazione del nuovo album. In mezzo, tutta l’ anima di una delle più belle proposte alternative della scena musicale italiana.
Parola a Bologna Violenta.

Ciao Nicola. Per prima cosa, come stai?
Abbastanza bene, nonostante il clima tenti quotidianamente di minare la mia salute, mi sembra che per ora non ci siano problemi di questo tipo. Ho tante cose da fare, quindi faccio finta di niente e vado avanti per la mia strada.

Come si vive a Bologna?
Non vivo più a Bologna da otto mesi, ormai. Ci ho vissuto parecchi anni, tra alti e bassi, ho avuto dei periodi in cui ci stavo benissimo, altri meno, ma ad essere sincero non ho ancora capito se mi manchi oppure no. Ora vivo dove sono cresciuto, nel trevigiano, e nonostante culturalmente ci sia un abisso tra le due città, per il tipo di vita che faccio devo dire che sto bene anche in mezzo alla campagna.

Sei al secondo album dopo l’esordio di due anni fa con “Il nuovissimo mondo”. Quali differenze ci sono tra le due opere?
Ci sono parecchie differenze. Questo disco non si basa su riferimenti cinematografici, quindi l’ispirazione per i brani viene da momenti di vita vissuta e non da situazioni prese dai film. Poi per la prima volta sono riuscito a coniugare due linguaggi molto lontani tra loro (almeno apparentemente), ovvero l’hardcore con la musica classica. Se prima gli interventi di archi erano solo in contrasto con le parti distorte, adesso sono parte integrante dei pezzi, nel senso che l’orchestra (per quanto simulata) suona insieme al trio chitarra-basso-batteria e questo non era mai successo nella mia musica. Diciamo che sono riuscito a mettere insieme le mie due anime, quella del musicista classico e quella del grinder…

Quali sono state le principali difficoltà affrontate nel tuo percorso artistico e nella creazione di Utopie e Piccole Soddisfazioni?
Le difficoltà sono innumerevoli, come per tutte le cose, credo; soprattutto perché faccio musica, ovvero arte, e quindi (teoricamente) non una cosa fondamentale per la vita di tutti i giorni. Se penso a BOLOGNA VIOLENTA nello specifico, mi viene da dire che la difficoltà più grossa sta nel fatto che il progetto è stato preso sul serio poche volte, quindi agli occhi di molti è sempre sembrato semplicemente “il lato oscuro” del musicista che però per campare fa altro, suona con gruppi affermati (e quindi all’apparenza più seri) e approfitta del tempo libero per far casino e suonare in giro con un progetto che più che altro fa ridere. Finalmente con quest’ultimo disco sembra che la gente abbia cominciato ad accorgersi che le cose non stanno così. Questo è il mio progetto personale in cui metto tutta la mia vita, quindi è per forza serio, anche se il genere è di nicchia e anche se non uso le parole per esprimere i miei sentimenti e le mie emozioni.
Non ho avuto particolari difficoltà nel creare Utopie e piccole soddisfazioni, alla fine suonare è forse la cosa che mi riesce in maniera più semplice, quindi più che altro c’è stata un po’ di ansia per vedere cosa sarebbe uscito alla fine. In genere non registro dei provini, ma quello che finisce nel disco è il frutto del momento in cui mi metto a comporre, anche se ovviamente poi passo un bel po’ di tempo ad “accomodare” il tutto per far sì che rispecchi al 100% il mio gusto personale.

Quali sono le tue principali influenze musicali? E chi pensi sia più vicino, nel mondo della musica (sia in Italia sia all’Estero) a te e al tuo modo di vedere il mondo?
Le mie principali influenze musicali vanno dalla musica classica al grindcore, dall’elettronica minimale alle colonne sonore degli anni sessanta. Davvero faccio fatica a distinguere quali sono i dischi o i generi che mi influenzano di più nel momento in cui mi metto a comporre la mia musica. Non ho neanche un’idea ben precisa su chi sia l’artista o il gruppo più vicino a me in questo momento. Mi piacciono molto i Napalm Death, oltre che per il tipo di musica che fanno, per la loro coerenza e per il loro impegno sociale (per quanto io non sia così impegnato su questo fronte). Per il resto non saprei davvero chi mi sia davvero vicino; magari ideologicamente (passami il termine) sono molto vicino a molti gruppi che però fanno un genere molto diverso dal mio, quindi le similitudini sia con gruppi italiani che esteri sono sempre abbastanza relative.

L’ultimo disco che hai ascoltato? E il tuo preferito?
Ultimo disco ascoltato: Sufferinfuck – In boredom (Grindcore Karaoke, 2011).
Disco preferito (uno dei miei preferiti, difficile dire quale sia IL preferito): Nino Oliviero / Riz Ortolani – Mondo Cane Soundtrack.

L’ultimo libro e film? E i preferiti?
Ultimo libro letto: American Punk Hardcore di Steven Blush, mentre tra i preferiti devo mettere i romanzi di Bret Easton Ellis e i romanzi russi ottocenteschi (Bulgakov, Dostoevskij).
Per quel che riguarda i film, ultimo visto: Laputa – castello nel cielo di Miyazaki. I miei film preferiti sono tanti, potrei citare Milano odia – la polizia non può sparare, Shining, Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto e Mondo cane, ma sicuramente ne sto dimenticando qualcuno di fondamentale.

Che cosa pensi del Peer-to-peer, del controllo di Internet, di Facebook, della chiusura di Megaupload, di tutto questo?
Penso che internet dovrebbe essere controllato per evitare fenomeni schifosi come la pedofilia, ad esempio, ma mi sembra che chi dovrebbe controllare non sia in grado di farlo. Credo che internet sia cresciuto in maniera molto più veloce di chi dovrebbe essere in grado di regolamentarlo e di controllarlo, e per controllo intendo anche solo monitorare quello che succede, senza per forza intervenire con censure o chiusure dei siti. In pratica i vari fenomeni di condivisione dei file, siano essi tramite Megaupload e simili oppure tramite il peer-to-peer, sono diventati una consuetudine prima ancora che chi doveva regolamentare la distribuzione dei diritti d’autore si rendesse conto che questi “fenomeni” non solo erano nati, ma erano diventati ormai la norma per quando qualcuno voleva ascoltare un disco, vedere un film e così via. Ora corrono ai ripari mettendo in galera il proprietario di Megaupload, che ha sì la colpa di non aver rispettato le norme sui diritti d’autore, ma allo stesso tempo non gli viene riconosciuto il fatto di aver segnato un passo storico nel mondo della rete, andando a rendere “normale” la fruizione in streaming di film e video vari, giusto per dirne una. Sinceramente mi sembra una situazione molto ridicola. Di base manca un certo tipo di educazione che porti la gente a capire che i diritti d’autore sono importanti per chi crea qualcosa, d’altra parte penso anche che grazie ad internet e proprio alla diffusione e alla condivisione di file più o meno legali ora siamo molto più privilegiati di un tempo. Il file sharing dovrebbe essere utile, ad esempio, per conoscere un artista prima di spendere magari venti euro per comprare il disco a scatola chiusa senza sapere se ci piacerà o no. Se ho la possibilità di sentirlo prima, tanto meglio! Certo è che in tutto questo le case discografiche, soprattutto i grandi colossi, sono rimasti troppo indietro, non hanno tenuto il passo di chi stava portando avanti questa politica di condivisione massiccia, quindi ora corrono tutti ai ripari nella maniera spesso più stupida.
Penso che i social network abbiano cambiato il mondo, e non poco. A meno che non si utilizzino per niente, chi c’è dentro ha cambiato spesso il proprio modo di vedere il mondo, le distanze si sono accorciate ed il termine “privacy” ha cambiato il suo significato. Penso che per chi fa musica, come me, siano strumenti molto utili e molto comodi perché si riesce ad arrivare nelle case delle persone con molta facilità. Questo, se da un lato ha appiattito il panorama generale, dall’altro sta facendo sì che chi ha qualcosa da dire riesca a dirlo, se ci crede e se ha la voglia e la forza di farlo, ma soprattutto, ovviamente, se piace a qualcuno. Alla faccia delle grandi case discografiche e dei grandi investimenti finanziari per portare il proprio nome in giro per il mondo (anche virtualmente).

Com’è nata l’idea del progetto Bologna Violenta e come nascono le tue canzoni?
L’idea di fare un progetto grindcore era nell’aria da parecchi anni, ma solo nel 2005 si sono create le condizioni (avverse, mi viene da dire) per cui mi sono messo a registrare pezzi da solo. Avevo un lavoro part-time che mi faceva male (all’anima), lo studio di registrazione libero, tante ore a disposizione e tanta energia negativa da sfogare. Quindi mi sono messo a registrare un pezzo al giorno, partendo dalla programmazione della batteria, suonandoci sopra la chitarra e completando il tutto con vari sintetizzatori o theremin, in base all’esigenza del caso. Questo metodo compositivo è quello che prediligo, nonostante siano passati parecchi anni e parecchi dischi da quando ho iniziato. Diciamo che se riesco a creare una batteria “espressiva” e completa, nel senso che mi trasmette già qualcosa da sola, in genere significa che sono sulla buona strada e continuo mettendoci sopra i vari strumenti (tenendo conto che di base la struttura sonora deve essere quella del power-trio, quindi batteria-basso-chitarra).

Oltre che membro dell’one-man-band hai collaborato spesso con nomi importanti della scena indie (e non solo) italiana come Baustelle e Non Voglio che Clara. Con chi ti piacerebbe suonare?
Mi piacerebbe suonare con gli Zen Circus dal vivo, perché mi sembra che riescano ad essere se stessi anche sul palco e riescano a comunicare davvero tanto al pubblico. Inoltre c’è anche da dire che mi piacciono molto anche i loro dischi, quindi chissà, magari un giorno succederà!

Che cosa significa Bologna Violenta? Quali sono le Utopie e le Piccole Soddisfazioni di cui parli?
BOLOGNA VIOLENTA non ha un significato ben preciso. Per me è un omaggio alla città che mi ha ospitato per molti anni, che mi ha insegnato molto e che ha anche dato i natali al progetto. Aggiungendo anche l’aggettivo “violenta” diventa subito chiaro anche il riferimento al cinema poliziottesco che a suo modo ha influenzato la mia crescita e ha ispirato i pezzi del primo disco. Inoltre è un aggettivo che sta bene anche alla musica che faccio, quindi è un po’ come quando i Metallica facevano metal ed avevano un nome che rimandava al genere suonato (non so se sia l’esempio giusto, ma mi sembra che calzi).
Le utopie sono quelle grandi idee che muovono il mondo, ma che alla fine restano lì dove sono in quanto irrealizzabili per definizione stessa del termine: penso alla pace nel mondo, ad una giustizia globale, alla fine della fame, insomma, tutte quelle belle cose che non si avvereranno mai. Le piccole soddisfazioni sono ciò che ci resta dopo aver cercato di raggiungere, appunto, queste utopie; mi sembra che se riuscissimo a concentrarci di più sulle piccole soddisfazioni di ogni giorni potremmo vivere meglio e magari arrivare alla fine del nostro passaggio su questa terra con meno rimpianti. Per me una piccola soddisfazione è l’aver potuto fare un disco come questo, nonostante la crisi del mercato discografico, nonostante il download selvaggio, in pratica autoprodotto ed autopromosso, dimostrando che si può ancora fare, nonostante a volte sembri il contrario.

Credi in Dio?
No. Credo nel fatto che però l’essere umano è spinto per sua natura verso una spiritualità più o meno accentuata, forse per giustificare tutte le cose che ci succedono e non ci piacciono, ma anche quelle troppo belle ed inaspettate. Quindi non sto a giudicare chi crede in dio, è libero di farlo. Solo non sopporto l’uso meschino che si fa della religione, troppo spesso utile a circuire i deboli e a creare odio fra i popoli.

Chi è stata la persona che ti ha reso, in campo musicale, quello che sei oggi?
Non c’è una sola persona che mi ha fatto diventare ciò che sono oggi. Ho sempre cercato di imparare dalla gente che mi girava intorno, musicalmente parlando. Ho imparato dal mio maestro di violino cosa non dovevo diventare (praticamente mi sono sempre sforzato di essere il contrario di lui), da altri maestri ho imparato a stare sul palco, l’importanza di suonare bene, perché la musica è un’arte e come tale va rispettata. Ho imparato dalle persone che hanno suonato con me, sul palco, in studio. Il mio obiettivo è migliorare, sempre; riuscire non ad essere il migliore (ci sarà sempre qualcuno più bravo di me), ma ad essere unico, in quanto portatore di molte esperienze, alcune delle quali ho vissuto sulla mia pelle.

Che cosa ascoltavi da piccolo?
Da piccolo ascoltavo di tutto, un po’ come oggi. A cinque anni ho imparato a far funzionare il giradischi di mio padre e mi mettevo in taverna a casa dei miei (la stessa da cui sto facendo quest’intervista, per capirci) a far finta che fosse una specie di discoteca (o di radio) in cui io ero il dj e proponevo ad un pubblico immaginario gran parte della collezione di dischi di mio padre, che comprendeva un bel po’ di musica classica e anche un po’ di musica italiana, tra cui De Gregori e De André, che mi hanno sempre fatto impazzire, sia per i testi che per le musiche. In genere, comunque, per me c’era poca differenza tra i vari generi, se la musica mi dava qualcosa a livello emotivo, era giusto proporla al mio pubblico virtuale.

Che cosa ami e odi dell’Italia?
Penso che l’Italia sia un posto fantastico per i turisti, ci sono le montagne, il mare, la storia, il cibo.
Non so di preciso cosa odio, ma di sicuro mi dà un po’ fastidio il continuo piangersi addosso degli italiani e la corruzione che c’è praticamente a tutti i livelli.

Che cosa pensi dell’industria e del mondo musicale italiano?
Penso che l’industria musicale sia in un periodo di grandi cambiamenti. Da una parte abbiamo le major che si muovono nei canali più grossi, che investono ancora parecchio su dischi che sperano di vendere, ma non sempre accade. Dall’altra abbiamo una microeconomia che si muove tra l’autoproduzione e l’autopromozione, quindi investimenti piccoli e copie stampate in numero basso in modo da non rischiare. Tutto ciò significa che il panorama musicale è vivo e vegeto, che ci sono molte persone che lavorano nell’ambito e quindi che c’è del fermento, ci sono ancora idee. Poi, sai, i gusti son gusti, quindi non sto a valutare il valore “artistico” di ciò che esce…

A chi pensi possa o debba piacere la tua musica?
Penso che la mia musica possa piacere a chiunque, praticamente, a patto che abbia voglia di sentire qualcosa del genere e non fermarsi a giudicare in base a schemi “normali”, nel senso che nel mio disco non ci sono molti pezzi facili o con strutture classiche da musica leggera. Se qualcuno ha voglia di sentire qualcosa di veramente forte, secondo me ha trovato pane per i suoi denti.

Che cosa pensi di te? Credi di essere veramente bravo (io dico si) e di meritare il successo che hai o avrai in futuro? Hai qualche rimpianto?
Penso fondamentalmente di essere un musicista normale con parecchi difetti, un po’ come tutti, insomma. Penso che il successo che sta avendo il progetto sia anche dovuto al fatto che la gente sente che sto facendo una cosa completamente mia, quindi con una certa personalità. Non voglio diventare una rockstar famosa, mi interessa suonare il più possibile la mia musica per farla arrivare ovunque e penso che tutti gli anni di dedizione e sacrificio ora mi stiano ripagando, dandomi modo di suonare molto e di fare dischi a mio nome.

Come ti vedi tra dieci anni?
Mi vedo con la barba ed i capelli più grigi di ora. Non ho un’idea ben precisa di quello che succederà, so che non ho nessuna intenzione di fermarmi. Mi piacerebbe “da grande” potermi dedicare di più alla produzione di musica mia e di altri.

Credi si possa vivere di sola musica?
Io ci riesco, ma bisogna tenere in considerazione che non è tanto “vivere”, quanto “sopravvivere”. Dalla mia vita ho tagliato tutto il superfluo, in modo da non avere in testa e attorno cose inutili che mi portano via tempo e soprattutto denaro da reinvestire per stampare dischi, fare il merchandising e tutto ciò che riguarda il progetto stesso. Questo è il mio caso, ci sono anche turnisti che vivono di musica, tra l’altro anch’io collaboro con parecchi gruppi che mi coinvolgono nelle loro registrazioni, quindi dei minimi introiti li ho anche da “terze parti”.

Quale sarà il passo successivo a Utopie e le Piccole Soddisfazioni?
Non lo so ancora. Ho un sacco di idee, devo capire da che parte andare e provare. Molti gruppi mi hanno chiesto di fare degli split, ma devo capire come sono messo col tour, che al momento è la mia priorità, quindi non so quanto tempo avrò a disposizione per registrare pezzi nuovi.

Senza la musica, cosa saresti e cosa faresti?
Non ne ho la più pallida idea. La mia vita è sempre stata gestita in funzione della musica, quindi se penso di togliere questa fetta di vissuto, non saprei cosa resterebbe. Nella prossima vita vorrei saper volare, magari sarò un pilota acrobatico, magari semplicemente un insignificante uccellino.

Come vorresti essere ricordato?
Vorrei essere ricordato per aver dato una spinta avanti nella ricerca musicale, senza per forza stravolgerla, ma anche solo per aver messo il mio piccolo tassello nel progresso di questa arte.

Cos’è per te la vera violenza?
E’ l’imposizione di se stessi sul prossimo, senza badare alla libertà altrui. Questo a tutti i livelli, da quello fisico a quello mentale. E’ una cosa che mi dà molto fastidio e di cui soffro parecchio.

Hai mai pianto? Quando?
Piango spesso, penso che l’ultima volta sia stata alla fine di un concerto di BV, quindi sul palco, in pubblico. A volte mi lascio andare, penso che sia davvero importante per un musicista sapersi lasciare andare, senza per forza scadere nel ridicolo (mi viene in mente GG Allin, ma lui non era ridicolo, faceva paura…).

Cosa ti fa ridere?
Mi fanno ridere un sacco di cose, mi piace osservare attentamente tutto ciò che mi circonda per poterne vedere sempre il lato più ridicolo, che a ben guardare c’è sempre. Ad esempio quelle frasi dette a mezza voce a fine discorso, che non vogliono dire niente, ma sono solo una coda delle frasi precedenti, quasi un balbettìo, ecco, quelle mi fanno scompisciare.

Guardi la tv? Cosa soprattutto?
Guardo la tv solo quando non sono in tour, a casa non ho la televisione. Guardo molte televendite, anche se in generale faccio zapping compulsivo e vedo quante volte riesco a fare il giro dei canali.

Segui lo sport e hai mai fatto sport?
Non seguo lo sport, ma da piccolo ho fatto tre anni di rugby (fino ai dodici anni, poi sai, dovevo suonare il violino, quindi avevo paura di farmi male alle mani…).

Ascolti molta musica? Che cosa ascolti?
Direi che ascolto molta musica. Non so quale sia la media nazionale, ma devo dire che non passo molte ore in silenzio. Ascolto un po’ di tutto, dai demo che mi passano i gruppi via email ai vinili che ho a casa, senza troppe distinzioni di genere, ma semplicemente cercando di assecondare l’umore o la curiosità del momento.

Hai un idolo, fuori dal mondo musicale?
No. Non ho un idolo neanche nel mondo musicale, se è per questo…

Il tuo sogno?
Spero sempre di non svegliarmi e rendermi conto che era tutto un sogno.
Però al momento vorrei sentire i miei pezzi suonati da una band vera, con tanto di orchestra e coro.

La tua paura più grande?
Ho paura che tutto possa cambiare da un momento all’altro e dover ripartire. Di nuovo. E’ successo già un sacco di volte che mi trovassi a pensare: ok, anche questa cosa è finita, adesso riparto, vediamo che succede. Vorrei un po’ di tranquillità.

Come passi la tua giornata tipo?
Mi alzo tardi, preparo la colazione per me e Nunzia, guardiamo le notizie in internet, giusto per non perdere il contatto col mondo, poi scendiamo in studio, giro di email e poi mi metto a lavorare (il che può essere rispondere alle interviste, come in questo caso, oppure provare i pezzi, registrare, insomma, solite cose) finché non si pranza tardi (e questo a volte non succede), poi uguale fino alla cena (tardi) e quindi letto (magari con un film, giusto per perdere il contatto con la realtà). Direi che questo è quanto… ah, due o tre volte la settimana in tarda mattinata vado in posta a spedire dischi.

Cos’è l’arte e cos’è la musica?
L’arte dovrebbe essere quella cosa che nutre la nostra anima e ci fa crescere spiritualmente. La musica è una delle arti, ma mi rendo conto che spesso questo concetto non arriva alla gente. Del resto a volte non arriva neppure a chi la musica la fa, quindi penso non si possa pretendere un granché dalla gente che non ci capisce. Per quel che mi riguarda, cerco di trattarla sempre come un’arte, quindi con la massima dedizione ed il massimo rispetto.

Ho letto alcune critiche sulla scelta di una cover dei C.C.C.P. Io l’ho trovata bellissima. Come mai la scelta di fare una cover, quella cover?
A dire la verità non ho letto delle critiche a riguardo, ma mi piacerebbe capire cosa ha infastidito chi l’ha sentita. La storia di questo pezzo, tra l’altro è molto semplice, perché mi è stata chiesta per una compilation di tributo ai CCCP, appunto, e la scelta è caduta immediatamente su Valium Tavor Serenase perché mi è sempre sembrato uno dei loro pezzi più hardcore, sia negli intenti che nella tematica trattata. Quando il disco era quasi pronto ho deciso di inserirla in scaletta, secondo me dà una bella ventata d’aria in quel punto del disco.

Come sono nate le collaborazioni con Aimone Romizi dei Fast Animals and Slow Kids e con J.Randall degli Agoraphobic Nosebleed?
Quando mi hanno chiesto la cover, appunto, ho subito pensato che Aimone fosse la persona giusta per cantarla, quindi, visto che già ci conosciamo da un po’, gli ho proposto la cosa e lui è stato ben felice di contribuire.
Con J. Randall le cose sono andate diversamente, nel senso che sono stato contattato da lui direttamente un annetto fa perché gli interessavano i miei primi due lavori, che sono poi usciti anche per la sua etichetta Grindcore Karaoke. Mi aveva anche chiesto di poter registrare qualcosa per questo nuovo album ed ho pensato di mandargli il pezzo che forse era più in linea con la produzione degli Agoraphobic Nosebleed e gliel’ho fatto cantare. Ovviamente le cose non sono state esattamente così semplici, ma alla fine ce l’abbiamo fatta!

Che cosa rende diversa la tua musica da quella dei primi gruppi Grindcore o comunque da chiunque altro? Come definiresti la tua musica?
Innanzitutto la mia è musica in prevalenza strumentale, quindi la prima differenza direi che è questa. Inoltre uso molta elettronica, cosa che ovviamente non avveniva con i primi Napalm Death, giusto per citare i più rappresentativi. Poi ci sono gli archi, con l’uso che ne faccio credo diano un tipo di sonorità abbastanza particolare e personale alla mia musica.
Non so mai come definire la mia musica, dipende da chi me lo chiede. Quando trovo gente che non se ne intende, in genere dico “Avanguardia” o “Sperimentazione” (sì, proprio con le virgolette e la maiuscola), ma più che altro per darmi un tono e vedere le faccia che fa. Quando poi mi guarda con una faccia strana perché non ha capito dico: “faccio casino” e si rasserena.

Ti piace suonare dal vivo? Quali sono le differenze per un polistrumentista come te tra suonare dal vivo piuttosto che in studio e cosa deve aspettarsi chi viene a vederti dopo aver ascoltato l’album?
Mi piace moltissimo suonare dal vivo, penso sia ancora la parte che preferisco. Ma mi piace suonare in generale, quindi anche in studio ci sto volentieri. In generale quando registro penso di star facendo qualcosa di importante per me, ma spesso anche per gli altri, da chi fa la musica a chi alla fine la ascolterà, quindi lo faccio col massimo impegno e la massima energia, pensando però sempre che l’esecuzione dev’essere vicina alla perfezione. Dal vivo è diverso, perché è un momento che dev’essere irripetibile ogni volta, anche se le canzoni sono sempre le stesse. Alla fine sto intrattenendo a mio modo il pubblico e voglio che ogni sera sia speciale, che chi mi ascolta (soprattutto dopo aver ascoltato il disco) riconosca perfettamente le canzoni, ma che colga quell’elemento in più che è dato dall’energia del momento e che le imperfezioni diventino parte integrante dell’esibizione dal vivo. Con questo non voglio dire che mi sta bene suonare male, dico che a volte ci sono quei piccoli dettagli che rendono il tutto veramente vivo e speciale.

Tra le tante band con cui hai lavorato, di chi hai il ricordo più bello e più brutto e perché?
Ho così tanti ricordi belli che non saprei quale ricordare come “il più bello”, in più devo dire che anche le esperienze più brutte mi hanno fatto diventare quello che sono, quindi al di là di qualche episodio un po’ amaro, devo dire di essere stato molto fortunato, da questo punto di vista. Di sicuro i momenti più belli li ho passati in tour, quindi con Alessandro Grazian, i Baustelle, Il Teatro Degli Orrori, i Non Voglio Che Clara, giusto per citare quelli con cui ho suonato di più.

Ti senti la stessa persona di qualche mese fa, ora che il disco è uscito? E’ stata una liberazione oppure una sorta di esame di maturità? Cosa ti aspetti dall’album?
No, mi sento diverso, e anche parecchio, se devo essere sincero. Mentre il disco nasceva ero letteralmente un fascio di nervi, ho dormito davvero poco per cinque mesi perché sentivo la responsabilità di star facendo qualcosa che mi doveva soddisfare al 100% e soprattutto perché in base al risultato dipendeva anche il mio futuro (e non solo il mio). E’ stata proprio una liberazione, anche perché questo disco ha cambiato anche il mio modo di comporre e di vivere questo progetto.
Mi aspetto che questo disco venga recepito per quello che è, mezz’ora scarsa di musica con dei messaggi più o meno subliminali. In generale, poi, tendo a non aspettarmi niente, nel senso che vado avanti per obiettivi a breve scadenza e vedo quello che arriva.

C’è un filo che lega sia musicalmente sia culturalmente i tuoi lavori con gli anni ottanta e novanta?
Ovviamente la risposta è sì. Sono cresciuto proprio in quegli anni, quindi ovviamente la mia musica è anche una conseguenza della cultura musicale che mi ha circondato. Ho iniziato nel ’94 con la mia prima band, quindi facevo musica in linea con quello che andava in quel periodo, quindi non posso non dire che quello che faccia ora non sia legato a quegli anni. Direi, forse, che BOLOGNA VIOLENTA è una specie di spremuta culturale di quel ventennio, anche se ci metto degli ingredienti che arrivano da altri periodi storici.

Questo Utopie e le Piccole Soddisfazioni pensi abbia uno scopo oltre la semplice proposta musicale alternativa?
Dovrebbe avere lo scopo di far passare mezz’ora della vita di qualcuno in maniera diversa. Una specie di viaggio in cui lasciarsi andare a sensazioni, immagini e tutto quello che passa per la testa.
Con questo disco ho cercato di non avere scopi di altro tipo, non mi interessa, ho puntato proprio sulla musica stessa senza troppe contaminazioni esterne che ne fanno perdere la spontaneità.

Ultima cosa, La scelta della famosa prigione (il Panopticon) in copertina è una tua idea? Cosa vuole rappresentare?
A dire la verità, in copertina è raffigurato un emiciclo e, ad essere preciso, proprio l’aula del parlamento italiano. L’idea è mia e l’ho sviluppata con Nunzia Tamburrano, la mia compagna e collaboratrice, che l’ha per così dire “sistemata” dal punto di vista grafico, togliendo ad esempio tutti i banchi ed i posti a sedere, come a dare l’idea di un parlamento pulito. Ma non è solo questa la chiave di lettura, perché in mezzo si può scorgere il profilo di San Pietro a Roma, quindi un po’ il dualismo tutto italiano “Stato/Chiesa”. Inoltre, come noti tu, alla fine l’idea che esce è quella che sia un panopticon, ma in realtà non lo è. Quindi Stato/Chiesa/Carcere. In generale, è una figura che mi piace molto, perché rappresenta anche gli anfiteatri greci, oppure la struttura di un teatro, quindi in linea con la musica all’interno del cd. Mi sembra che sia un’immagine che fa riflettere, quindi direi che è perfetta per questo disco.

Dimmi quello che vuoi dirmi e non ti ho chiesto:
Cos’è il Bervismo?

Il Bervismo è un nuovo modo di vedere la vita, in positivo ed in negativo, ma più in positivo. Una specie di trionfo della ragione su superstizioni, dogmi, falsa politica.

NESSUNA POLITICA
NESSUNA RELIGIONE
BERVISMO PER PIU’

Be Rock, Share!

Altri posts:

Pubblicato in Interviste - Tag: ,


4 Commenti a Bologna Violenta

  1. Pingback: Nuovo disco work in progress per Bologna Violenta | Rockambula

  2. Pingback: Non tutto può essere giornalismo, ovvero, come essere superficiali su Il Resto del Carlino. | Rockambula

  3. Pingback: Bologna Violenta 15/03/2014 | Rockambula

  4. Pingback: Nicola Manzan (Bologna Violenta) | Rockambula


Lascia una risposta

*

*

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *



1999-2011 © ROCKAMBULA